Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
QUEST Alba di Sangue [Nemas]
22-06-2018, 10:42 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-06-2018 10:43 PM da Ufizu.)
Messaggio: #1
Alba di Sangue [Nemas]
Alba di Sangue
Sorge un sole rosso

Dopo diversi giorni spesi ad aspettare nella sua zona di competenza, i monti Pediguere nelle Terre Centrali, finalmente a Rebecca giunge un messaggio: è uno degli abitanti della zona a presentarsi a lei, accompagnato da un accolito dell'Organizzazione completamente avvolto in uno spesso mantello nero pece che non consente di intuirne nemmeno i tratti facciali.
E' lei?
Chiede il contadino, al che l'altro uomo risponde con un semplice cenno del capo. Il giovanotto, che avrà sì e no venti estati e un'ombra di barba a testimoniarlo, si rivolge dunque direttamente alla ragazza.
Ehm... signorina, mi chiamo Jon e vengo dal villaggio ai piedi del monte... Perd, non so se lo conoscete. E' un posto abbastanza grande, ma ultimamente ci sono state diverse morti e la popolazione ha cominciato a preoccuparsi che ci sia uno Yoma - o, sia mai, più d'uno - in giro. Quest'uomo è venuto a rispondere alla nostra richiesta di aiuto, e mi ha guidato fin qui a cercare lei. Ci aiuterete?
Non pare niente di straordinario, insomma: la solita richiesta di aiuto da parte di un villaggio, anche se in questo caso è uno degli abitanti stessi a presentarsi alla guerriera. Come reagirà Rebecca?

Citazione:Sei libero di descrivere la zona in cui si è stabilita Rebecca a piacimento, finché rimani nel verosimile. Se hai dubbi al riguardo, chiedi pure via MP. Considera di avere avuto qualche giorno per stabilirti, e che finora non hai ricevuto notizie dal Quartier Generale. Puoi mandarmi un MP per qualsiasi altra domanda. Grazie.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-06-2018, 10:02 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 27-06-2018 12:21 AM da Nemas.)
Messaggio: #2
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-



Parlato altri



I Monti Pediguere nelle Terre Centrali: era quella la zona dove Rebecca era stata assegnata e ceh doveva pattugliare. Ma non lo trovava affatto male. Anzi! Rebecca era contenta che l'avessero assegnata in quel punto. Le terre centrali erano l'incrocio delle culture delle quattro regioni che formavano il continente. Da quelle parti c'era anche la famosa città santa: Rabona. Rebecca aveva desiderio di andare a visitarla, era la città più maestosa delle terre centrali. Nonchè un suo sogno di quando aveva ancora la sua vecchia vita. Il desiderio di allontanarsi da li per andare a vederla spesso le faceva muovere le gambe, ma Rebecca temeva l'improvvisa comparsa di uno dell'organizzazzione che le annunciava il prossimo incarico, facendo desisterla dal muoversi. Erano passati un paio di giorni dalla sua ultima missione, e fino d'allora nessuna l'aveva chiamata. Rebecca ne era stata sollevata. La sua ultima missione nella jungla l'aveva scossa terribilmente. Ora che sapeva dell'esistenza Risvegliati era come se il mondo che conosceva fosse stato totalmente stravolto. In quelle terre c'erano nascosti mostri ben più pericolosi di qualsiasi yoma. Gli esseri chiamati Risvegliati. Aveva avuto fortuna di non avvicinarcisi troppo avendo potuto usare la sua percezione, potendo evitare così uno scontro diretto. Con l'asssegnazione nelle terre centrali, era stato come un manna dal cielo. Giunta ai monti Pediguere, afferrò il ciondolo di Teresa e Claire in mezzo ai suoi seni, ringranziando in silenzio le dee, citando un canto a loro dedicato. Tutto per quei giorni era andato bene, poi giunse un'accolito di Staph. Era completamente avvolto da un mantello nero, e non c'era modo di capire chi fosse. Che volesse tenere lanonimato? Probabilmente. L'accolito tutta vai, non era solo. c'era qualcuno con lui: un'abitante delle zone vicine. A giudicare dal suo aspetto doveva avere più oh meno venti anni. Curioso. Non era mai sucesso che una persona di un villaggio di umani venisse di persona accompagnato da un accolito per conoscere la guerriera.



Ehm... signorina, mi chiamo Jon e vengo dal villaggio ai piedi del monte... Perd, non so se lo conoscete. E' un posto abbastanza grande, ma ultimamente ci sono state diverse morti e la popolazione ha cominciato a preoccuparsi che ci sia uno Yoma - o, sia mai, più d'uno - in giro. Quest'uomo è venuto a rispondere alla nostra richiesta di aiuto, e mi ha guidato fin qui a cercare lei. Ci aiuterete?

Un umano che chiedeva esplicitamente aiuto. Lo sugardo di Rebecca guardò per un'attimo il tipo incapucciato. Non si riusciva a capire se fosse uomo oh donna. Poi tornò a concentrarsi su Jon. "Ci aiuterete?" come se le mezzi demoni come Rebecca potessero scegliere.



-Certo! Accetto di aiutarvi Jon. Sinceramente non sò dove si trovino i monti Perd. Dovrai spiegarmi tutti i dettagli-




Yoki 0%


Punti limite: 0/31



Fisico: ottimo


Psiche: Rebecca si sente rilassata di trovarsi in una zona che a suo parere è molto sicura. Rimane incuriosita che Jon, un'umano avesse scelto di incontrarla. Di solito gli umani temoni le Claymore.


Abilità: Percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-06-2018, 10:46 PM
Messaggio: #3
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Il volto di Jon si illuminò di un sorriso quando la guerriera accettò prontamente la sua richiesta. L'accolito si limitò ad annuire, dare una pacca sulla spalla al giovane, e dileguarsi. Vagamente confuso, Jon tornò a rivolgersi a Rebecca.
Grazie mille, signorina...?
Evidentemente voleva conoscere il suo nome: in effetti, lui si era presentato ma lei no.
Perd è la mia città. Si trova ai piedi di questo monte. Se vuole seguirmi, la porterò io.
Supponendo che lei gli si accodasse, il giovanotto si avviò giù per il dolce pendio che portava a valle.
Come ho detto, nelle ultime settimane sono apparse diverse vittime in periferia. All'inizio pensavamo che si trattasse di qualche bisticcio tra criminali, o forse di banditi, ma i cadaveri avevano tremende ferite in pancia ed erano stati sbudellati, il che ci ha portato a temere che si tratti di uno Yoma. E qui entra in gioco lei: credo che abbia già avuto a che fare con queste cose, quindi non devo spiegarle cosa fare, giusto?
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
27-06-2018, 10:15 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 28-06-2018 10:59 AM da Nemas.)
Messaggio: #4
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-

Parlato altri

-Io mi chiamo Rebecca. Sono la guerriera numero 27 Jon-

Perd è la mia città. Si trova ai piedi di questo monte. Se vuole seguirmi, la porterò io.


Sorpresa, Rebecca senza farsi attendere seguì Jon.
Era la prima volta che doveva svolgere una missione nella zona che le era stata assegnata. Pensò inizialmente che doveva essere stato un colpo di fortuna. Forse stavolta l'incarico sarebbe stato facile e senza alcun problema. Ma Rebecca aveva imparato già da troppe volte a non illudersi. Niente è mai facile per quelle come lei. Oh fai di tutto per vivevere, e sopravvivere, oh fai di tutto per rischiare e morire. Rebecca era della prima categoria. La sua nuova condizione le aveva dato problemi all'inizio, ma lo accettò quasi subito poichè alla fine della sua vecchia vita, non c'era rimasto più niente.

Come ho detto, nelle ultime settimane sono apparse diverse vittime in periferia. All'inizio pensavamo che si trattasse di qualche bisticcio tra criminali, o forse di banditi, ma i cadaveri avevano tremende ferite in pancia ed erano stati sbudellati, il che ci ha portato a temere che si tratti di uno Yoma. E qui entra in gioco lei: credo che abbia già avuto a che fare con queste cose, quindi non devo spiegarle cosa fare, giusto?

Rebecca inizialmente non disse nulla, soppesando quello che Jon aveva appena detto.

-Strano?- disse infine. -Le vittime non sono state ritrovate dentro al villaggio ma fuori, in periferia. Conoscevate le vittime? Quanto erano lontane dal villaggio? Avete trovato tracce che potevano indicare che sono stati uccisi dentro al villaggio e poi portati fuori per non destare sospetti?-



Yoki: 0%

Punti limite: 0/31

Psiche: riflessiva. Trova alcune cose strane nel discorso di Jon.

Fisico: ottimo.

Abilità: Percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
29-06-2018, 01:25 PM
Messaggio: #5
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Mentre scendevano dal monte, la piccola città di Perd cominciò a essere visibile tra la vegetazione: più che altro case basse ma ben tenute, molte in pietra piuttosto che in legno, con tanto di tetti in tegole e imposte alle finestre. Insomma, un villaggio non grande ma indubbiamente benestante. Jon ragionò sulle domande di Rebecca.
Be', vede quelle case di legno ai margini del villaggio? Quella è la zona in cui sono stati ritrovati i primi cadaveri. Ultimamente, però, abbiamo cominciato a trovarne qualcuno più all'interno. Temiamo che chiunque ci sia dietro si senta incoraggiato dal fatto che non l'abbiamo ancora preso. Personalmente non conoscevo nessuna delle vittime, per fortuna, ma alcuni dei miei amici avevano amici tra i morti. Credo che siano stati tutti uccisi più o meno dove li abbiamo trovati... ma la porterò dal sindaco, lui dovrebbe sapervi dire di più.
La cittadina sparì tra gli alberi, ma un sentiero molto chiaro conduceva verso i margini dell'abitato e Jon prese a seguirlo senza esitazione. Presto sarebbero stati a Perd.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
29-06-2018, 10:13 PM
Messaggio: #6
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Mentre scendevano dal monte la città iniziò a intravedersi. Era più vicina di quanto Rebecca si era aspettata. Nonostante mentre si avvicinavano Jon le diede il suo resoconto Rebecca non vi trovò nulla che la potesse aiutare. Nemmeno la sua percezione aveva dato qualche segnale. Constatando la distanza Rebecca avrebbe già dovuto percepire i possibili yoki dentro alla città, ma nulla. Forse non c'era niente in città? Ma questo doveva verificarlo una volta giunta a destinazione.

-Si Jon! Il tuo sindaco sicuramente mi dara le informazione che cerco-


Yoki: 0%


Punti limite: 0/31

Fisico: ottimo


Psiche: attende di arrivare al vilalggio.


Abiltà: Percezione yoki passiva

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-07-2018, 06:39 PM
Messaggio: #7
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Citazione:Perdona il ritardo, impegni personali.

Jon condusse Rebecca alla sua città, dove la gente come di consueto tendeva a rintanarsi in casa al passaggio di una Claymore. Alcuni curiosi restarono a osservarla, ma in gran parte la ragazza poté notare che la popolazione non era estroversa quanto la sua guida. Il giovanotto si scusò per il comportamento dei suoi concittadini, vagamente imbarazzato, e la portò fino alla piazza centrale, su cui spiccavano le uniche costruzioni a due piani dell'abitato: la locanda e la casa del sindaco. Non fu difficile essere ammessi in quest'ultima, dato che le guardie appostate davanti alla porta notarono immediatamente gli occhi argentati e l'uniforme candida di Rebecca, e i due entrarono in quella che pareva un'abitazione rustica ma ben fatta, con gli interni dipinti di colori accessi e decorati da mobili semplici ma eleganti, con qualche vaso di fiori a dar vita all'ambiente. Il sindaco stesso li accolse nell'atrio: era un uomo di mezz'età ma ancora ben piantato, con abiti di tessuto piuttosto che di lana e una barba ben curata. Fece un cenno di ringraziamento a Jon e uno di saluto a Rebecca:
Benvenuta, signorina...?
Rebecca. Suggerì il ragazzo.
... Rebecca.  Mio nipote vi avrà già informato della situazione. Se volete seguirmi in salotto, sarò a vostra disposizione per qualsiasi domanda. Jon, di' a tua zia di preparare il té, per favore.
Il giovane annuì e si diresse verso una stanza interna mentre l'altro uomo accompagnava Rebecca in salotto.
Oh, il mio nome è Giles e sono il sindaco di Perd, se non si fosse capito.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-07-2018, 10:55 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-07-2018 01:30 PM da Nemas.)
Messaggio: #8
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Codice:
Oh be! Li abbiamo tutti i nostri impegni.




-Parlato-


Parlato altri.




Giunta in città, Rebecca osservo gli abitanti rintanarsi in casa appena la videro. Per uno strano scherzo, da quando aveva iniziato la sua caccia ai demoni, non era ancora finita in una città dove le persone sarebbero come cosa normale scappare non appena vedevano una strega dagli occhi d'argento. Era una cosa rimasta insolita per lei  non avere ancora trovato un villaggio che si comportasse in tal modo. Ora invece ci era finita in pieno. Quasi tutti i popolani si erano rifugiati in casa. I pochi rimasti avevano preso le distanze limitandosi ad osservarla da lontano.
Jon si scusò per il loro comportamento, ma Rebecca disse:


-Ti ringrazio Jon. Ma è così che siamo viste ed è la prassy per noi. Si può dire che è una cosa normale-


La cosa positiva era che così Rebecca avrebbe agito con più tranquillità forse?
Jon portò infine Rebecca nella piazza principale dove stavano gli unici edifici a due piani. Le guardie davanti alla porta si fecero subito da parte  non appena videro la guerriera. Dentro l'ambientazione era rustica. Ben fatta ed elegante. Di solito Rebecca rimirava con interessa tali cose, ma stavolta non provò granchè. Parte di lei percepiva qualcosa di insolito. Il sindaco li accolse nell'atrio: era un uomo di mezz'età ma sembrava portarli bene i suoi anni. Indossava abiti di tessuto e aveva una barba ben curata. Fece un cenno di ringraziamento a Jon e uno di saluto a Rebecca.


... Rebecca.  Mio nipote vi avrà già informato della situazione. Se volete seguirmi in salotto, sarò a vostra disposizione per qualsiasi domanda. Jon, di' a tua zia di preparare il té, per favore. Oh, il mio nome è Giles e sono il sindaco di Perd, se non si fosse capito.




-Si lo avevo intuito che eravate voi il sindaco. Jon non sapeva molto su quello che sta accadendo, se voi potete dirmi di più allora ci metteremo meno tempo-


Yoki: 0%


Punti limite: 0/31



Fisico: ottimo


Psiche: riflessiva. Per la prima volta Rebecca giunge in un villaggio dove gli abitanti si tengono lontani da lei, trovandolo più normale questo degli altri che aveva visitato.


Abilità: Percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-07-2018, 02:26 PM
Messaggio: #9
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Giles prese posto nella sala principale, sedendosi su una poltrona con accesso a un tavolino da té e indicandone una simile a Rebecca.
Molto bene. Da dove cominciare...? Be', direi dall'inizio. Vede, la mia città è sempre stata tranquilla e pacifica, sin dai tempi di mio padre. Tuttavia, crescendo ha cominciato ad attirare persone, come dire, poco raccomandabili. Mi vergogno ad ammetterlo, ma purtroppo la criminalità è andata crescendo negli ultimi tempi.
L'uomo si schiarì la voce e raccolse i suoi pensieri.
Ma questo le interesserà relativamente. Il fatto è che non abbiamo mai avuto a che fare con gli Yoma, grazie al Dio di Rabona. Così, quando sono apparsi i primi cadaveri - all'incirca una luna fa - abbiamo pensato a una qualche disputa territoriale tra i poco di buono che abitano in periferia.
E' piuttosto ovvio, anche senza dirlo, che il sindaco non ha problemi a vedere i criminali ammazzarsi tra loro: tutto sommato, gli risolvono un problema, almeno in parte.
Tuttavia nelle ultime due settimane le cose hanno cominciato a peggiorare drasticamente. I corpi sono stati ritrovati sbudellati, in un modo che non poteva farci ricordare le storie sugli Yoma. Come se non bastasse, sembra che il colpevole si sia fatto più audace, e ci sono state sparizioni in quartieri più interni... sparizioni che purtroppo si sono rivelate morti ben presto.
A quel punto entra in salotto una signora più o meno dell'età di Giles, ancora attraente e con un mesto sorriso al sentire la storia dei problemi della città. Porta un vassoio con una teiera e tre tazze, e lo poggia accuratamente sul tavolino prima di servire se stessa, il sindaco e anche Rebecca se lo volesse.
Grazie, tesoro.
L'uomo le fa un cenno e sorseggia il té, rilassandosi leggermente contro lo schienale della poltrona.
A questo punto abbiamo deciso di chiamare lei, signorina Rebecca. Temiamo che questa sia opera di uno Yoma, e come avrà capito non sappiamo come comportarci. Contiamo nell'aiuto di un'esperta.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
07-07-2018, 03:23 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 08-07-2018 12:28 AM da Nemas.)
Messaggio: #10
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-


Parlato altri


Accetando l'invito del sindaco Rebecca si sedette sorseggiando una tazza di tè.


Molto bene. Da dove cominciare...? Be', direi dall'inizio. Vede, la mia città è sempre stata tranquilla e pacifica, sin dai tempi di mio padre. Tuttavia, crescendo ha cominciato ad attirare persone, come dire, poco raccomandabili. Mi vergogno ad ammetterlo, ma purtroppo la criminalità è andata crescendo negli ultimi tempi.

Questo fece tornare in mente Rebecca quando dovette partecipare sotto mentite spoglie ai combattimenti calndestini fra briganti.
E l'ultima avversaria che affrontò si rivelò proprio lo yoma.

Ma questo le interesserà relativamente. Il fatto è che non abbiamo mai avuto a che fare con gli Yoma, grazie al Dio di Rabona. Così, quando sono apparsi i primi cadaveri - all'incirca una luna fa - abbiamo pensato a una qualche disputa territoriale tra i poco di buono che abitano in periferia.

La guerriera constatò che il sindaco non aveva problemi a lasciare che i banditi si uccidessero fra di loro. Per quanto sentisse dentro di sè una certa disapprovazione, Rebecca sapeva che ciò non la riguardava.

Tuttavia nelle ultime due settimane le cose hanno cominciato a peggiorare drasticamente. I corpi sono stati ritrovati sbudellati, in un modo che non poteva farci ricordare le storie sugli Yoma. Come se non bastasse, sembra che il colpevole si sia fatto più audace, e ci sono state sparizioni in quartieri più interni... sparizioni che purtroppo si sono rivelate morti ben presto.


Rebecca alzò leggermente il capo. C'era qualcosa che non quadrava. Aveva sviluppato una percezione in grado di poter rintracciare le aure di yoki anche dalle distanze più lontane. Eppure ancora non sentiva niente. Nessuna forza diabolica in vista. E il villaggio non era poi così tanto grande. La sua percezione lo aveva avvolto completamente, non poteva esserci nulla che le sfuggisse. Ma allora cos'è che non andava?
In quel momento entrò in salotto una signora più o meno dell'età di Giles, ancora attraente e con un mesto sorriso al sentire la storia dei problemi della città. Portò un vassoio con una teiera e tre tazze, appoggiandole sul sul tavolino.
Rebecca accettò il tè.

-Si grazie anche per me!- disse gentilmente alla signora porgendole la tazza. Aveva bisogno di bere qualcosa. Perchè la situazione non era normale.

Grazie, tesoro.
A questo punto abbiamo deciso di chiamare lei, signorina Rebecca. Temiamo che questa sia opera di uno Yoma, e come avrà capito non sappiamo come comportarci. Contiamo nell'aiuto di un'esperta.


Bene! Ora toccava a lei.

-Sindaco Giles. Avete trovato molti corpi squartati, Ma le interiora erano state divorate oppure no? E che legame avevano le vittime? Erano cittadini oppure tra di essi c'erano anche dei banditi? Non è che forse anche possibile che cio possa essere dovuto da uno psicopatico umano?-


Era la sola cosa che le pareva plausibile. Se davvero c'era uno yoma che si era dato alla pazza gioa nella cittadina era impossibile che Rebecca non lo percepisse. Per lei ora era impossibile che qualcosa le potesse sfuggire.


Yoki: 0%


Punti limite: 0/31



Fisico: ottimo



Psiche: Il sindaco dice che le vittime sono state numerose, ma stranamente Rebcca non percepisce nulla dentro al villaggio, lasciandola confusa.


Abilità: percezione passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-07-2018, 06:52 PM
Messaggio: #11
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Quella che doveva essere la moglie di Giles fece una smorfia al sentir parlare di squartamenti e interiora: pareva ovvio che non fosse una donna dallo stomaco forte. Lui, al contrario, ci pensò su senza farsi troppi problemi.
Non so dirle se le interiora fossero state divorate... ma sicuramente erano assenti. Si fidi, abbiamo cercato il colpevole in lungo e in largo con la nostra milizia cittadina, ma non siamo riusciti a scoprirlo. La gente comincia a preoccuparsi, capisce? E non ha tutti i torti. Non ci saremmo rivolti a una... Claymore se non pensassimo che si tratti di uno Yoma.
Eppure, come Rebecca aveva già appurato, non c'era alcuna aura in città o nelle vicinanze. Decisamente insolito.
Posso dirle che le prime vittime erano poco di buono. Purtroppo la situazione ha cominciato a peggiorare di recente, con morti anche tra i cittadini onesti. Non intendo nascondere il fatto che avrei atteso più a lungo se fosse rimasto un problema dei criminali, ma così....
L'uomo si interruppe, e sua moglie lo abbracciò per dargli forza. Era chiaro che fosse sotto una gran quantità di stress, e d'altra parte era perfettamente comprensibile, ma intendeva soddisfare tutte le domande di Rebecca, se ne avesse avute ancora.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-07-2018, 08:17 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 09-07-2018 02:23 PM da Nemas.)
Messaggio: #12
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-





Rebecca si fece pensierosa. Tutto continuava a non quadrare. Il villaggio era totalmente pulito. Nessuno yoki l'aveva messa in allarme. Poi però la guerriera ricordò che le guerriere come lei erano in grado di sopprimere il proprio yoki. C'è chi usava il farmaco oh chi poteva possedere una abilità innata in grado di sopprimerlo.

Un brivido le passò in quel momento per la schiena. Le risvegliate..e se erano in grado di mantenere le proprie abilità di quando erano guerriere? Se era così la situazione era davvero pericolosa. Ma non era il momento ora per trarre conclusione afrettate. Prima doveva indagare affondo sulla faccenda e dopo si sarebbero presi provvedimenti.


-Sindaco Giles- Rebecca si schiarì la voce. -Io percepisco le forze diaboliche anche dalle più lontane distanze. E posso rassicurarla di questo: il suo villaggio è pulito. Non avverto nessuna aura diabolica-


Rebecca si fermò un'attimo per prendere fiato, poi proseguì:





-E questo è al quanto strano? Per questo avevo detto prima che forse poteva trattarsi di un assassino umano. Ha detto che molti banditi e taglia gole fanno tappa al suo villaggio giusto? Non potrei escludere che si possa trattare anche di un semplice uomo che ama uccidere. Ma le viscere strappate? Mi fanno pensare a qualcosa di non umano. E il fatto che non percepisca nulla nella sua cittadinà mi lascia sconcerto? Io mi metterò ad indagare in ogni caso- Rebecca si fermò di nuovo alcuni momenti prima di continuare:


-Tutta via! Mi deve dire, se può fare altre chiamate per  mandre qui altre guerriere oltre a me? E se possibile quanto ci vorrebbe? Non sò come sia qui la situazione qui. In caso di emergenza..bisognerà prendere provvedimenti-



Già in quella jungla in precedenza, Rebecca aveva rischiato grosso. Non poteva prendere le cose sotto gamba.


Yoki: 0%

Fisico: ottimo

Psiche: cerca di comprendere la situazione. Rebecca nota che le cose sono insolite.

Punti limite: 0/31

Abilità: percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-07-2018, 05:48 PM
Messaggio: #13
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Il sindaco non pareva del tutto convinto, ma d'altra parte era difficile fidarsi di un'affermazione che per lui non aveva granché senso: queste "forze diaboliche" lui non poteva sentirle affatto. Sembrò comunque vagamente stizzito dall'accenno che Rebecca fece a "banditi e tagliagole" di passaggio.
Be', la criminalità è cresciuta, ma non siamo certo un covo di briganti! Purtroppo non posso dire che in città non ci siano omicidi, ma....
Scuotendo la testa, Giles lasciò cadere l'argomento e si concentrò sulla richiesta della guerriera: era evidente nel suo pallore che non sembrava estasiato dall'idea di chiamare rinforzi dell'Organizzazione.
Io... quasi tutti i fondi che avevamo a disposizione sono stati raccolti per questa richiesta. Non credo che potremmo permetterci di chiamare altre Claymore. E'... è così grave?
Sua moglie tentò di rassicurarlo, ma chiaramente lui intendeva prendere in considerazione solo le parole di Rebecca: una crisi del genere non era mai capitata durante il suo periodo come sindaco, e cominciava a temere che fosse ancora peggio di quanto pensasse.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
11-07-2018, 09:39 PM
Messaggio: #14
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-





Questo non andava bene a suo favore. Se davvero non c'era modo di contattare Staph per chiamare rinforzi, Rebecca avrebbe dovuto agire da sola. Era inutile che il sindaco si disperasse, oh faceva così oh per il suo villaggio sarebbe stata la fine. E questo non era uno scerzo, se davvero c'era il rischio che si potesse trattare di un risvegliato, non importa la situazioneì, Rebecca avrebbe tagliato la corda al più presto per fare rapporto.


-Sindaco!- Esclamò Rebecca. La sua voce era ferma e decisa. -Ho detto che avrei indagato per scoprire il problema! E così farò! Indagherò per la vostra città e scoprire chi è il mostro. Di questo potete starne certi. E poi stiamo solo ipotizzando al momento. Non sò come sia la situazione. Ma però... c'è un piccolo particolare che vi posso dire: gli yoma, anche se hanno sembianze umane per nascondersi, il loro sangue è sempre viola- Un piccolo indizio per aiutarli in futuro.



Rebecca infine si alzò. Batte una mano sulla scrivania del sindaco, fissando con i suoi penetranti occhi d'argento Giles e sua moglie a dimostrare che non stesse scherzando su quanto stava per dire.


-Non sò come sia la situazione: ma se ci tenete agli abitanti, vi suggerisco di essere pronti ad evaquare al più presto nel caso io scopra quanto il pericolo sia grande-




Yoki: 0%


Punti limite: 0/31



Fisico: ottimo


Psiche: La situazione è strana e confusa. Ciò nonostante, Rebecca ha un incarico da svolgere. E per tanto indaghera sui fatti misteriosi che stanno accadendo.



Abilità: percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
13-07-2018, 08:34 PM
Messaggio: #15
RE: Alba di Sangue [Nemas]
I due poveri umani, non avendo mai avuto a che fare con uno Yoma, rimasero parecchio atterriti dalle parole di Rebecca, limitandosi ad annuire mentre la guerriera si alzava e faceva per andarsene. Probabilmente si sarebbero ricordati l'avvertimento, e uscendo la ragazza li sentì discutere su un modo per preparare la città all'evacuazione senza destare il panico. A questo punto toccava a lei mettersi in cerca del colpevole: da dove cominciare?
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
14-07-2018, 02:11 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 14-07-2018 05:39 PM da Nemas.)
Messaggio: #16
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-

Il sindaco e sua moglie rimasero atterriti dalle affermazioni di Rebecca.
Lei non vi diede peso. L'esistenza delle risvegliate erano un problema che non poteva essere preso sottogamba.
Con la loro scoperta ora Rebecca avrebbe dovuto cambiare totalmente i piani durente le sue missioni. E questa che aveva accettato, era l'inizio per prendere i primi provvedimenti. Se fossero stati necessari.
Avendo esaurito ciò che doveva dire, Rebecca uscì dalla stanza, mentre il sindaco e la moglie discutevano sui futuri provvedimenti da prendere.


-Bene! E ora da dove cominciò-


Mettersi a cercare a caso sarebbe stato solo una perdita di tempo. Poi ricordò dalla perole del sindaco che si erano occupati loro di pattugliare la cittadina per trovare il responsabile e forse erano anche loro che si erano occupati di recuperare i corpi? Qundi cosa era meglio fare? Andare nel punto in cui erano stati trovati i corpi? Oh era meglio esaminarli? Sperando che non fossero già stati sepelliti. Rebecca decise di chiedere alla guardie della casa del sindaco se sapevano chi erano quelli che avevano recuperato i dorpi.



Yoki: 0%


Psiche: Rebecca cera di iniziare la sua indagine.


Fisico: ottimo


Punti limite: 0/31


Abilità: percezione yoki passiva

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
16-07-2018, 02:10 PM
Messaggio: #17
RE: Alba di Sangue [Nemas]
Le guardie furono abbastanza sorprese di vedere la guerriera tornare indietro per rivolgersi a loro. Uno dei due, un giovanotto con un occhio pigro, pareva decisamente innervosito dalla presenza di Rebecca, ma l'altro, più anziano, ascoltò la sua domanda e le rispose senza farsi problemi.
Io ho partecipato personalmente a un paio di recuperi, ma i ritrovamenti sono stati durante i turni di varie guardie per cui penso che quasi tutti abbiano dato una mano. Posso accompagnarla dove sono stato io, appena mi daranno il cambio, o se preferisce le indicherò dov'è l'obitorio. 
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
16-07-2018, 07:10 PM
Messaggio: #18
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-

Alla proposta della guardia Rebecca in silenzio riflette su cosa fosse meglio scegliere.
Meglio andare nel posto dove aveva trovato i corpi? Oh era meglio andare all'obitorio?
Rebecca optò infine per la seconda scelta. Doveva esaminare quei corpi. La sua percezione non le dava ancora nessun segnale, forse esaminando i cadaveri avrebbe potuto capire meglio la stuazione.


-Indicami dov'è l'obitorio, devo esaminare i corpi delle vittime-


Yoki: 0%


Fisico: ottimo


Psiche: Rebecca decide infine di esaminare i corpi all'obitorio. In questo modo forse avrebbe capito con cosa aveva a che fare?


Punti limite: 0/31

Abilità: percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-07-2018, 02:22 PM
Messaggio: #19
RE: Alba di Sangue [Nemas]
La guardia annuì e le indicò la strada, che non fu difficile da capire. Rebecca fu all'obitorio in poco tempo, e si trovò di fronte a un uomo che non pareva essere una guardia, ma che impugnava una lancia e la guardò con sorpresa.
Ah! Sembrò intuire poco dopo Devi essere la Claymore che è stata chiamata per risolvere il nostro problema! Grazie di essere venuta. Posso sapere come mai sei qui? Ci sono solo i morti qua dentro....
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-07-2018, 11:57 PM
Messaggio: #20
RE: Alba di Sangue [Nemas]
-Parlato-
Parlato altri

Seguendo le indicazione della guardia, Rebecca si trovò davanti all'obitorio in poco tempo. Era più vicino di quanto si fosse aspettata. Alemno così aveva risparmiato tempo. Davanti all'entrata stava un'uomo: da come era vestito non sembrava essere una guardia, nonostante stesse impugnando una lancia. Forse era il responsabile dell'obitorio?

Devi essere la Claymore che è stata chiamata per risolvere il nostro problema! Grazie di essere venuta. Posso sapere come mai sei qui? Ci sono solo i morti qua dentro....


Rebecca si mosse lentamente verso di lui. -Esatto!- confermò la guerriera. -Mi chiamo Rebecca. Sto indagando su possibili indizi lasciati dal nemico. Tu chi sei? Dovrei entrare per esaminare gli ultimi corpi che sono stati ritrovati, mi puoi aiutare?-


Rebecca non aveva ancora trovato una pista chiara. Ed era costretta a cercare le briciole lasciate lungo il sentiero. Si domandò mentalmente in quel momento, in che libro aveva letto questa frase.


Yoki: 0%



Fisico: ottimo



Psiche: sono pochi gli indizi da seguire, Rebecca decide per tanto di esaminare i corpi che erano stati ritrovati.



Punti limite: 0/31


Abilità: percezione yoki passiva.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)