Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
CACCIA Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
05-07-2018, 02:17 PM
Messaggio: #161
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Narrato/pensato
Parlato


Ah... ah... ahhhhh... sì. Questo sì che mi fa sentire viva, dannazione. Altro che inseguire tapperottoli in giro per buchi o palazzi. Un bel combattimento con un nemico duro a morire era quello che mi ci voleva. E alla fin fine ho praticamente fatto tutto da sola, quindi non posso che dirmi soddisfatta. Achilles, me lo ricorderò 'sto nome. Ha combattuto bene... ma io ho combattuto meglio. Le altre... decisamente no, ma direi che respirano ancora tutte. Be', una rottura in meno per quando tornerò dai tizi in nero. A proposito... chi diamine è quello? Credo che è uno di loro... aspetta... oh, no, cazzo. Dov'è Maria Carolina? Ah, sì, ancora nella pancia del gigante. Filo a recuperarla, non si sa mai che è il giorno buono che le stacco la testa, a 'sta stronza. Sto quasi per correrle addosso a spada spianata quando... mi fa i complimenti. Che, davvero? Il suo tono è sempre quello della presa per il culo, ma stavolta li accetto. Me li merito, cazzo. Pianto la spada per terra e mi piazzo i pugni sui fianchi, mettendomi in posa. Oh, sì. Dimmi di più. Avanti, schifosa, sto aspettando.
Be'? Tutto qui? Ho ammazzato quel coso - un RisvegliatO, maschio - tutta da sola, e non sei capace a leccarmi il culo un po' di più? Come ci sei arrivata a fare la tizia in nero? Scommetto che c'è voluto di più di quel bel faccino.
Per questa volta, dato che comunque ci ha provato, evito di spaccarglielo, quel dannatissimo bel faccino. Poi mi tocca aspettare che le altre si Rigenerino, e ci vuole un pezzo, quindi mi siedo su un muro, su Achilles, dove capita insomma e comincio a lavorare sulla mia treccia. Avere due mani aiuta. Voglio farmene una bella grossa, per ricordarmi quanto grande era lui. Cazzo, se non lo ammazzavo magari ci potevo fare una bella rissa ogni tanto. Vabbe', troppo tardi per pensarci. Oh, però posso ancora provare a tirar su quella specie di tronco e portarmelo via. Oh, sì, quella sì che è un'arma! La mia Maria Carolina col teschio e tutto fa figo, però vuoi mettere un cazzo di TRONCO D'ALBERO CON LE BORCHIE? EH? La voglio. E' mia. Mi basta riuscire a trascinarmela dietro, e giuro che me la porto fino a casa. Intanto Layla sta blaterando, credo che s'è incazzata perché le altre hanno fatto una figura di merda. Oh, be', chissenefrega. L'importante è che mi hanno lasciato il Risvegliato, e che sono riuscite a non farsi ammazzare nel farlo. Io direi che hanno fatto il loro lavoro. Credo di aver capito che abbiamo un cambio a casa del giudice o quello che è, ma non so se riuscirò a farci entrare la mia mazza. Be', accidenti, non m'importa. Se riesco a portarmela dietro, vorrà dire che le piccolette si renderanno utili per una buona volta e mi andranno a prendere l'armatura nuova. Non che mi serva, per quello, ma mi pare che andarmene in giro nuda non è il massimo perché poi gli umani si impressionano. Ah, e non mi farebbe male un posto dove ficcare Maria Carolina. Credo che le mani mi servono tutt'e due per portare 'sto coso.

Citazione:Yoki utilizzato: 0%-->10% (28,5/35 PLM)
Stato fisico: Ferite leggere a braccia, gambe, torace e testa. Armatura a brandelli. Occhi dorati.
Stato psicologico: Decisamente soddisfatta dall'aver praticamente ucciso un Risvegliato da sola, infastidita dalla presenza di Layla ma positivamente sorpresa dai suoi complimenti sinceri (anche se poteva fargliene di più). Mentre l'accolita rimprovera le sue compagne, si impegna a farsi la treccia della vittoria e poi a tentare di portarsi via l'arma di Achilles, con una spintarella da parte del suo Yoki.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva); Trapianto (Innata, passiva).

[Immagine: 2j0cw1s.jpg]


"La guerra è il tribunale del mondo: chi vince ha sempre ragione, chi perde ha sempre torto, perché lo spirito del mondo sta dalla parte del vincitore." (Hegel)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
09-07-2018, 09:59 PM
Messaggio: #162
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Legenda:
Narrato Parlato Pensato


La rigenerazione portava i suo frutti e quella sensazione di pace e soddisfazione, finalmente, permetteva a Camillah di rigenerasi velocemente. Il mostro era abbattuto e questo confortava la ragazza, anche se sapeva che non avevano fatto un bel lavoro e, che se non fosse stato per Andrea, ci avrebbero rimesso tutte quante la pellaccia. Dai, è il risultato è quello che conta. in ogni caso, bisognava lavorare un gioco di squadra. Soprattutto lei doveva riuscire a darsi da fare.

Anche gli ultimi dolori finalmente sembravano svanire e le ferite si cicatrizzavano, ora non perdeva più sangue e si sentiva meglio. Serviva ancora riposo però. Molto riposo. Ma ecco spuntare qualcuno dell'organizzazione. Era Semirhage che non solo era venuta a prendere il compenso, ma era passata a strigliare per bene le ragazze. Tra tutte, forse la ramanzina peggiore spettò a lei. Camillah friggeva, ma cercò di ingoiare tutto, senza rispondere. Purtroppo era tutto vero e questo lo sapeva. Le cose peggiorarono nel momento in cui la donna in nero fece dei riferimenti al suo braccio. A quel punto Camillah perse la pazienza.

Stava per rispondere malamente -e questo non era da lei- ma poco prima che stesse per urlare qualcosa si fermò in tempo mordendosi il labbro così forte che probabilmente gli sarebbe sanguinato. Che ne sapeva quella, lei aveva tentanto il tutto per tutto per salvare una vita umana! Possibile che questo non importasse all'organizzazione?! Che rabbia.

Camillah si alzò innervosita e si diresse dalle altre compagne. Voleva sapere come stessero e poi si sarebbe scusate con loro.

Crystal e Juliet, come state? Mi spiace che le cose non siano andate per il meglio e non sia riuscita ad organizzare al meglio una strategia. La prossima volta sarò più all'altezza e non permetterò alle mie compagne di essere maltrattate. Scusatemi.


Poi sarebbe stato il turno anche di Andrea. Camillah voleva scusarsi con lei e ci teneva a ringraziarla, perché se non fosse stato per la sua abilità non sarebbero state lì a parlarne.

Grazie Andrea, se non fosse stato per te non ce l'avremmo mai fatta. Tu sei forte, mentre io non lo sono e non sono nemmeno riuscita a coordinare un'azione dalle retrovie per aiutarti. Mi spiace.


Yoki Utilizzato: 20% (26/35 PLM).
Stato Fisico: Ferita [Sanata] al collo, Ferita [Sanata] da impatto sulla spalla sinistra, ma senza braccio sinistro. Ferite e fratture sparse su gambe [Sanata], trovo [Sanata] e testa [Sanata]. Occhi dorati. Vene ingrossate intorno agli occhi.
Stato Psicologico: Scelta sbagliata. Non le resta che leccarsi le ferite.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata), Rigenerazione (Attiva).

Citazione:NdC: Ho seguito il suggerimento del Master ed ho rigenerato complemente Camilla (+10PLM)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
13-07-2018, 04:09 PM
Messaggio: #163
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Legenda:
narrato
parlato
pensato
parlato da altri



Era finita, anche quella battaglia era finita, ma di certo non per merito suo.
Si tirò su a sedere, stanca e senza più una goccia di yoki.
Ripercorse lo scontro e cercò di trovare qualcosa di buono, ma senza risultato.
Alla fine non bastava mai. Se anche non si fosse procurata quelle ferite, cosa che avrebbe facilmente potuto evitare, il suo stato fisico non avrebbe cambiato gli eventi.
Inutile. Una vita salvata per un sacrificio, un prezzo troppo alto per un guadagno non meritato. Forse.
Forse Shirley avrebbe fatto meglio di lei, si o no, non l'avrebbe mai saputo.

Dovrò diventare più forte di così, pensò imperscrutabile.

Ma che altro poteva fare? Contro un avversario del genere solo la forza bruta e il lavoro di squadra avrebbero potuto sortire effetto, e lei non si considerava una grande stratega. Magari non era adatta. Magari le mancava l'esperienza.
Nemmeno con la Risvegliata al laboratorio era riuscita a combinare nulla, ancora una volta per mancanza di forza e d'acume, in fin dei conti avrebbe potuto prevedere che la continua rigenerazione avrebbe esaurito le energie della Risvegliata, ma col senno del poi era tutto molto più semplice.

Quando alzò lo sguardo davanti a loro stava un accolita dai capelli rossi. Era insolito vedere una donna, e Crystal si chiese come fosse finita lì.
Fu facile prenderla in antipatia, il suo volto da schiaffi non aiutava quel tono supponente.

-In quanto a voi, cercavate forse di farvi ammazzare? Posso aspettarmi che Andrea agisca come un toro infuriato, ma voi tre… possibile che non abbiate pensato nemmeno a un briciolo di strategia comune? Ho osservato il vostro combattimento: nessuna azione di gruppo, nessuna coordinazione tra di voi nonostante Camillah avesse scoperto il punto debole del Risvegliato, soprattutto tu, Camillah…-

Anche la propria esigua forza sarebbe bastata per romperle il collo lasciando a ciondolare quel bel visetto.
Continuò a osservarla mentre faceva la ramanzina alla compagna, lo sguardo affilato a tradire il fastidio.

-Oh! Dimenticavo. Crystal, la donna con cui hai parlato alla taverna e che è fuggita urlando si è gettata in mare ed è annegata prima che potessero soccorrerla-

La Numero 16 non batté ciglio. La sua coscienza sopita oppure...

-Non so cosa tu le abbia detto ma fai più attenzione in futuro quando darai aria ai tuoi denti. Non si uccidono gli umani solo con la claymore-

Sorrise di sbieco prima di alzarsi e tornare lapidaria, le due spade strette tra le mani mentre si avvicinava a Juliet

-E' facile ventilare la bocca quando si osserva da lontano, pronti a fuggire se la situazione degenerasse. Meno facile è parlare quando ce la si ritrova colma si sabbia e sangue. Il proprio sangue-

Tacque porgendo la claymore alla proprietaria

-Tu non sai niente. Quando saprai rendere più utile la tua vita allora potrai permetterti di parlare, fino ad allora scendi a più miti comportamenti e taci-

Doveva davvero rattristarsi per la morte di quella prostituta? Non era forse stato meglio così? Lungi da lei criticare una vita, ma la sua costruita su stenti, miseria e costretta a svendersi, non era più quieta e silenziosa ora che non doveva più preoccuparsi di fame, occhiate e sottomissione?
Ad ogni modo non avrebbe permesso che l'accolita le si avvicinasse. Quell'insetto supponente doveva starle lontano e se solo avesse osato avrebbe alzato un braccio per bloccarla, per farle capire di non avvicinarsi più del dovuto. Se invece avesse riaperto quella sua boccaccia insulsa, l'avrebbe bellamente ignorata, anzi l'avrebbe fatto subito: non appena finito di parlare si sarebbe rivolta a Camillah con un semplice :-Non preoccuparti. E' finita- e a lei davvero non importava, le interessava solo la conclusione, ma si sarebbe aggiunta alla compagna nello scusarsi con Juliet :-Ti chiedo scusa anch'io, è stata anche colpa mia-.
Se non altro, l'unica piccola soddisfazione ricevuta da quella missione era l'essere riuscita a difendere Juliet dopo il fattaccio.

Che l'accolita le stesse rispondendo o le avesse parlato sopra, proprio non le importava, nemmeno l'avrebbe guardata negli occhi, come se ella non esistesse, e avrebbe atteso che si mettessero in marcia per andare a recuperare le loro cose.
Infine, prima di andarsene, avrebbe cercato la salma della ragazza per un ultimo saluto.
Poteva essere fredda, ma non era di pietra. La vita era preziosa.
E probabilmente lei, una creatura rimasta umana solo per metà, lo era più degli uomini per cui lavorava.




Citazione:Yoki utilizzato: 0% - Punti Limite esauriti
Stato fisico: buono ma spossata
Stato psicologico: scocciata, dispiaciuta per la morte della prostituta ma non rammaricata
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki e Lettura dello Yoki (passive)
Tecniche di combattimento: Onniscienza Oscura [2/3 sessioni disponibili] (passiva)

"ciò che feci per sopravvivere uccise la mia anima"

[Immagine: claymore_priscilla_who_surpasses_the_aby...6b5fzm.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
14-07-2018, 08:56 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-07-2018 03:32 PM da Ophelia.)
Messaggio: #164
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Citazione:Narrato
"Parlato"
"Pensato"
"Sussurrato"
"Detto da altri"

Si rigenerò fino al curare completamente la ferita al braccio. Aveva ancora qualche ferita leggera qua e là ma non le importava, quelle poteva reggerle tranquillamente. Anzi, sperava che le avrebbero fatto almeno un po' male durante il cammino di ritorno, come monito per il futuro.
Riaprì gli occhi lentamente mentre gli effetti dello Yoki sul suo corpo si dissolvevano e tornava ad avere un aspetto umano. Udì una voce che forse aveva già sentito; si rialzò stiracchiandosi, i muscoli che si gonfiavano e contraevano attraverso l'uniforme danneggiata.
Ora sì che si sentiva bene.
"In quanto a voi, cercavate forse di farvi ammazzare? Posso aspettarmi che Andrea agisca come un toro infuriato, ma voi tre… possibile che non abbiate pensato nemmeno a un briciolo di strategia comune? Ho osservato il vostro combattimento: nessuna azione di gruppo, nessuna coordinazione tra di voi nonostante Camillah avesse scoperto il punto debole del Risvegliato, soprattutto tu, Camillah…"
Ah, era quella lì, il cagnolino dell'Organizzazione. Juliet ridacchiò e scosse la testa: non aveva tutti i torti. Mentre la ragazza faceva la ramanzina a Camillah, Juliet con molta calma si mise in ginocchio per togliere la sabbia dalle scarpe e rimettersele ai piedi. Dopodiché si rialzò in piedi e iniziò a cercare con lo sguardo la sua spada, canticchiando.
Giusto... Ancora non sapeva cosa fosse successo mentre si stava rigenerando. Si voltò di scatto verso Crystal, facendo mente locale: anche lei aveva finito di rigenerarsi da quel che sembrava. L'ultima volta che l'aveva vista era vicino a lei, intenta a spostarla mentre le altre si occupavano del risvegliato. L'aveva forse protetta...?
"Spero che vi rendiate conto di aver avuto tanta fortuna. Non ci sarà sempre Andrea a salvarvi la pelle ed è meglio per voi che accettiate l’idea che sempre più spesso vi troverete ad affrontare avversari come questo, se non peggio.
Oh! Dimenticavo. Crystal, la donna con cui hai parlato alla taverna e che è fuggita urlando si è gettata in mare ed è annegata prima che potessero soccorrerla. Non so cosa tu le abbia detto ma fai più attenzione in futuro quando darai aria ai tuoi denti. Non si uccidono gli umani solo con la claymore.
E… Juliet, ti farà piacere sapere che Samara è morta.
Vi ho fatto portare alla casa del Giudice William armature e uniformi di ricambio. Passate a prenderle e poi tornate nei vostri territori. Il vostro compito qui è finito."

Juliet si bloccò e smise di sorridere impunemente quando sentì il nome di Samara. Aveva fatto del suo meglio per rimuovere quella missione dai suoi ricordi - senza molto successo, ovviamente. Cercò di non mostrare troppo nervosismo, soprattutto quando Crystal le si avvicinò per ridarle la spada. Quindi era morta? Beh, almeno era una buona notizia.
In ogni caso il suo turbamento durò poco, perché Crystal cominciò a rispondere a tono al cagnolino dell'Organizzazione e Juliet non poté fare a meno di ridersela.
La guerriera avrebbe dato anche il suo contributo, avvicinandosi alla rossa e guardandola dall'alto della sua stazza mentre riponeva la spada nella fondina.
"Fammi un favore riccioli d'oro, dì ai tuoi superiori che se vogliono farsi una birra li accompagno volentieri... Almeno così non lo faranno sul posto di lavoro, perché altrimenti non si spiega come abbiano potuto partorire l'idea di mandare una guerriera di classe C contro un coso del genere. I gruppi bisogna anche saperli formare, sai? Se dovessi mai crepare per i vostri calcoli fatti coi piedi tornerò dal regno dei morti solo per farvi il culo, è una promessa"
Finito di discutere con l'accolita, era il turno di Camillah. "Crystal e Juliet, come state? Mi spiace che le cose non siano andate per il meglio e non sia riuscita ad organizzare al meglio una strategia. La prossima volta sarò più all'altezza e non permetterò alle mie compagne di essere maltrattate. Scusatemi."
Juliet chiuse gli occhi e fece un respiro profondo, incrociando le braccia al petto. "La prossima volta cercherò di pensare con la mia testa, ho sbagliato io ad affidarmi ciecamente ad un'altra persona solo per il suo grado in classifica", rispose con una vena di fastidio. Ovviamente non odiava Camillah, e sapeva che avrebbe dimenticato l'accaduto nel giro di qualche giorno, ma era ancora scossa e probabilmente avrebbe detto anche di peggio se avesse avuto l'opportunità di discuterci prima di rigenerarsi. Per smorzare l'atmosfera, dopo qualche attimo aggiunse: "Altrimenti sarei tornata dal regno dei morti anche per te", facendo palese che fosse una battuta.
"Ti chiedo scusa anch'io, è stata anche colpa mia", intervenne Crystal. Juliet fece una faccia confusa e poi scosse la testa. "Ma di cosa stai parlando... Vieni" Non l'aveva ancora ringraziata a dovere, quindi avrebbe annullato la distanza tra loro per stringerla in un abbraccio. Beh, non troppo "stretto", dato che aveva ancora qualche ferita e non sapeva in che stato fossero quelle di Crystal. Sicuramente avevano entrambe la loro quota di lividi, quindi niente abbracci da orso per il momento.
"Grazie" avrebbe mormorato infine distogliendo lo sguardo, un po' in imbarazzo. Non le era mai capitato che qualcuno le salvasse la vita, sapete com'è.
Infine si sarebbe anche congratulata con Andrea. "Mi spiace non essere riuscita a vedere come l'hai tirato giù, dev'essere stata una gran scena. Ho sentito i boati fin nello stato di concentrazione in cui mi trovavo", disse con un sorriso divertito. "Ti chiederei di allenarci insieme qualche volta, anche a me piacerebbe imparare ad usare i pugni in battaglia..." fece una pausa e rise. "...Ma forse ti annoierei e basta, dato che al momento non sono molto potente", concluse seria, facendo spallucce. Sarebbe stato divertente però.


Citazione:Yoki utilizzato: 50%>0%
Stato Fisico: Ferita leggera ad arti, tronco e testa; uniforme e armatura danneggiate
Stato Psicologico: Torna di buonumore, seppur ancora un po' scossa
Punti limite: 18/25
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)
Tecniche utilizzate: Nessuna
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
17-07-2018, 06:45 PM
Messaggio: #165
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Una leggera risatina sfugge alle labbra di Layla alle parole di Crystal e Juliet. Per nulla turbata o intimorita dalle parole delle due guerriere anzi, sempre col suo sardonico sorriso sulle labbra, l’accolita replica:
 
Oho! Sembra che alle nostre due gattine Crystal e Juliet stiano spuntando gli artigli e le zanne eh? Sarebbe stato meglio se tutta quella grinta l’aveste messa nel combattere! Peccato che il maestro Cort non sia qui: di sicuro, dopo aver assistito a questa scenetta, vi avrebbe ordinato di ammazzarvi tra di voi e, a proposito tu, Numero 16, forse dovresti ricordarti che mai, per nessun motivo, una guerriera dell’Organizzazione deve causare la morte di un umano…
 
Lo sguardo dell’accolita dai capelli rossi si sposta su Juliet:
 
… In quanto a te, Numero 26, se ci tieni tanto ad andare a rinforzare i ranghi delle guerriere resuscitate, potremmo anche pensare a un modo per accontentarti! In fondo il dottore farebbe salti di gioia se avesse un’altra guerriera come quelle da poter studiare.
 
A quel punto, Layla inarca la schiena al contrario e, dopo aver represso uno sbadiglio, conclude:
 
In ogni caso, ho preso nota delle vostre obiezioni e provvederò a segnalarle nel mio rapporto. Ora devo andare, ho ancora parecchie cose da fare qui.
 
Nonostante il sorriso beffardo, il tono della voce di Layla suona gelido. L’impressione che danno le sue parole è che l’accolita non stia scherzando. Poi la donna coi capelli rossi alza il suo cappuccio e se ne va, ignorando eventuali commenti o frasi ingiuriose rivoltele dal gruppetto di guerriere, alle quali non rimane altro da fare che tornare alla casa del Giudice William Carson per prendere uniformi e armature di ricambio e poi riprendere la strada che le riporterà alle loro aree di pattuglia. I soliti commenti sussurrati e sguardi in tralice le accompagnano lungo la via dovuti, oltre al fatto che sono quello che sono, anche dallo stato pietoso del loro abbigliamento e, soprattutto, dal fatto che Andrea si trascina dietro l’enorme mazza di Achilles. Lungo la strada sentite dire che la salma di Leyan è stata portata nella locale cappella del culto di Rabona e, forse, non sarebbe una buona idea andare a vederla, visto quanto è successo.
Comunque, in breve tempo, le quattro compagne sono nuovamente equipaggiate di tutto punto: non resta loro altro da fare che salutarsi, se lo desiderano e poi rimettersi in strada.
 
 
AVETE DIRITTO A UN ULTIMO POST CONCLUSIVO

 
 
Citazione:Lascio a voi decidere se qualcuna vuole fare un favore ad Andrea e andare a prendergli la sua uniforme nera e la sua armatura nuova, sennò Hotenshi tieni conto che te le porterà Rutger, uno dei servitori del Giudice William.

 
Citazione:SUGGERIMENTO @clayfax: fai attenzione a quello che scrivo! L’accolita che ha rimproverato Camillah è, per l’appunto, Layla. La signora Semirhage non si è mossa da Staph.

 
 
Turnazione
Juliet
Crystal
Camillah
Andrea
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
17-07-2018, 11:45 PM
Messaggio: #166
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Citazione:Narrato
"Parlato"
"Pensato"
"Sussurrato"
"Detto da altri"

"Oho! Sembra che alle nostre due gattine Crystal e Juliet stiano spuntando gli artigli e le zanne eh? Sarebbe stato meglio se tutta quella grinta l’aveste messa nel combattere! Peccato che il maestro Cort non sia qui: di sicuro, dopo aver assistito a questa scenetta, vi avrebbe ordinato di ammazzarvi tra di voi e, a proposito tu, Numero 16, forse dovresti ricordarti che mai, per nessun motivo, una guerriera dell’Organizzazione deve causare la morte di un umano…
… In quanto a te, Numero 26, se ci tieni tanto ad andare a rinforzare i ranghi delle guerriere resuscitate, potremmo anche pensare a un modo per accontentarti! In fondo il dottore farebbe salti di gioia se avesse un’altra guerriera come quelle da poter studiare.
In ogni caso, ho preso nota delle vostre obiezioni e provvederò a segnalarle nel mio rapporto. Ora devo andare, ho ancora parecchie cose da fare qui."

Juliet ridusse gli occhi a fessure, e dal tremore delle sue mani serrate in pugni era chiaro che stesse facendo del suo meglio per trattenersi dal farle la festa.
"Brava. Vattene.", sibilò tra i denti, per poi aggiungere, a voce più bassa ma udibile dalle compagne vicino a lei, "Vai a fare in culo, stronza"
Quando la figura dell'accolita sparì in lontananza, tuttavia, la guerriera tirò un sospiro di sollievo e rilassò i muscoli. Cosa... cosa le era preso? Certo, la rossa aveva parlato un po' troppo a sproposito, arrivando a minacciarla per così poco, ma Juliet... Non era da lei essere così aggressiva. Che ricordasse, non le era mai capitato di prendere a parolacce un accolito; al contrario, era sempre stata obbediente.
C'era anche da dire però che, con lo spavento dell'essere quasi schiattata, il fatto di aver usato così tanto Yoki per un tempo così prolungato, l'essere stanca ed infine l'esser stata minacciata di "entrare nei ranghi delle guerriere resuscitate" subito dopo aver sentito di Samara, doveva aver stimolato la sua aggressività un bel po'. Aveva reagito come un animale ferito: scappa o attacca... e Juliet non era tipo da correre via. Anche se la natura gli aveva donato due gambe belle lunghe e forti.
Per allentare la tensione scoppiò a ridere. "Ma l'avete sentita? Spero che la nuova generazione di uomini in nero non sia suscettibile come lei! Andrea le ha detto di peggio, eppure a lei non ha fatto minacce... Evidentemente se la stava facendo sotto. Crystal, sbrighiamoci a diventare numeri singoli e a mettere su più massa muscolare, magari a quel giro ci rispetteranno un po' di più"

Beh, era andata. Non nel migliore dei modi, ma anche questa missione era andata. Il gruppo di guerriere ripassò dalla casa del giudice per prendere le uniformi di ricambio, in modo da tornare alle proprie aree di pattuglia in condizioni più o meno decenti. Non restava che dirsi arrivederci: Juliet avrebbe salutato le compagne rispettosamente e ringraziato Crystal un'altra volta, prima di andare per la propria via.
Presto una nuova caccia l'avrebbe aspettata.


Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ferita leggera ad arti, tronco e testa; uniforme e armatura danneggiate
Stato Psicologico: Ha qualche momento di aggressività, che mette in discussione non appena si calma; stanca
Punti limite: 18/25
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)
Tecniche utilizzate: Nessuna
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
22-07-2018, 07:04 PM
Messaggio: #167
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Legenda:
narrato
parlato
pensato
parlato da altri



Crystal sorrise quando Juliet rispose a tono alla "simpatica quanto un pugno sui denti" accolita. Seppur infastidita, la Numero 26 non perdeva mai la sua vena ironica, diversamente da lei che prendeva sempre tutto sul serio, forse troppo. Forse se sarebbe stata più come Juliet non sarebbe rimasta lacerata dalla morte di Shirley, chissà...
Ma la compagna la guardò stranita quando si scusò per l'incidente in battaglia, poi scosse la testa :-Ma di cosa stai parlando... Vieni- e questa volta fu Crystal quella confusa, non comprendendo cosa volesse fare, nemmeno quando Juliet le si avvicinò tendendo le braccia.
L'imbarazzo la colpì nel profondo e arrossì vistosamente irrigidendosi tutta. Seppur fosse maturata nell'interazione col prossimo, non era per nulla pronta ad una manifestazione d'affetto o gratitudine di quel livello.
Eppure... cos'era quel calore che si stava sostituendo all'imbarazzo? Era una sensazione sopita ma conosciuta, quasi primordiale, che la riportava indietro negli anni, alla sua fanciullezza, alla vita in montagna col nonno adorato. Perché sentiva la sua corazza sgretolarsi e il cuore traboccarle di gioia? Forse perché quello era la prima palese manifestazione d'affetto in otto anni. Nessuno da quando aveva perso il nonno le aveva voluto bene. L'avevano usata, sfruttata e maltrattata, una schiava alla stregua di un oggetto.
Sul suo volto apparve un sorriso timido, appena accennato, e alzò le braccia stringendo a sé colei che ormai considerava un'amica.
-Grazie- le disse infine anch'ella imbarazzata e, Crystal, distogliendo ugualmente lo sguardo, rispose con le gote ancora imporporate :-Sono felice che tu stia bene-

Ancora intorpidita da tali sensazioni, badò poco alle parole di circostanza dell'accolita, parole superflue. Avvertì appena le ultime che suonarono come una minaccia, che tuttavia appena la preoccupava :-In ogni caso, ho preso nota delle vostre obiezioni e provvederò a segnalarle nel mio rapporto. Ora devo andare, ho ancora parecchie cose da fare qui-

-Ti prego di salutarmi Minerva e di farle sapere che verrò presto a trovarla- salutò con un leggero sogghigno. Se c'era una guerriera che sarebbe potuta venire a sapere di quella discussione, era certamente lei.
Era ancora così lontana da poterla eguagliare.

-Ma l'avete sentita?- irruppe Juliet :-Spero che la nuova generazione di uomini in nero non sia suscettibile come lei! Andrea le ha detto di peggio, eppure a lei non ha fatto minacce... Evidentemente se la stava facendo sotto. Crystal, sbrighiamoci a diventare numeri singoli e a mettere su più massa muscolare, magari a quel giro ci rispetteranno un po' di più-

Crystal ridacchiò :-Dubito ma provare non guasterà- poi si voltò in direzione della caposquadra :-Immagino ti risulterà scontato Andrea, ma sei davvero una forza, complimenti- le sorrise sincera :-E grazie per averci salvato il culo- non era da lei lasciarsi andare a simili termini, ma se mai c'era stata un'occasione più adeguata, sicuramente era quella.

Al momento di separarsi dalle compagne, le avrebbe ringraziate e salutate per la caccia, sperando che quello sarebbe stato un arrivederci.
Prima di lasciare la città, avrebbe raccolto un fiore e richiesto al Giudice Carson o a qualcuno dei suoi collaboratori che aveva conosciuto di lasciarlo sulla tomba di Leyan.
Ringraziato anche loro, si sarebbe messa in marcia, ma non per il suo territorio, in quanto non le ne era stato assegnato uno, piuttosto per l'Organizzazione. Sentiva di essere pronta per il secondo step della sua Tecnica: affinarne la precisione.




Citazione:Yoki utilizzato: 0% - Punti Limite esauriti
Stato fisico: buono ma spossata
Stato psicologico: imbarazzata ma felice per l'abbraccio ricevuto
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki e Lettura dello Yoki (passive)
Tecniche di combattimento: Onniscienza Oscura [2/3 sessioni disponibili] (passiva)

"ciò che feci per sopravvivere uccise la mia anima"

[Immagine: claymore_priscilla_who_surpasses_the_aby...6b5fzm.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-07-2018, 09:35 PM
Messaggio: #168
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Legenda:
Narrato Parlato Pensato

Diciamo che le parole di Juliet risultarono quasi uno schiaffo per Camillah. Purtroppo, però, la ragazza capiva che avevano rischiato la pelle e che quindi le reazioni non potevano che essere quelle nei suoi confronti, dato l'insuccesso. Però lei sapeva che aveva tentato di articolare un gioco di squadra, cosa che fino a quel punto non era avvenuto. Non si sentì nemmeno di aggiungere nulla. Incassò e basta. Di sicuro aveva imparato che poteva migliorare sul comando, un'abilità che aveva sempre abbastanza ignorato fino a quel momento. Le sue sottoposte in qualche modo le avevano fatto capire che direttamente o indirettamente riponevano sempre una certa stima dei numeri singoli e lei non poteva tradirle. In ogni caso la ragazza s'incupì e non si curò più altro: per fortuna le sue compagne erano tute vive e questo doveva già essere un ottimo risultato per lei.

Senza aggiungere altro, si sarebbe recata a casa del Giudice Carson per recuperare un cambio d'armatura. Come al solito, lungo la strada, una folla di curiosi commentava lo stato delle guerriere: in effetti non erano proprio intonse, un pò di botte se l'erano prese questa volta ed i loro vestiti parlavano chiaro.

Addio Ragazze. In bocca al lupo per tutto.. e chissà, forse ci rivedremo.

Detto questo Camillah si sarebbe chinata in avanti per salutarle e poi avrebbe intrapreso la strada verso la sua zona di pattuglia.


Yoki Utilizzato: 20% -> 0% (25/35 PLM).
Stato Fisico: Ferita [Sanata] al collo, Ferita [Sanata] da impatto sulla spalla sinistra, ma senza braccio sinistro. Ferite e fratture sparse su gambe [Sanata], trovo [Sanata] e testa [Sanata]. Occhi argentati.
Stato Psicologico: Sorpresa dalla durezza di Juliet, sebbene la comprendeva. Non le resta che leccarsi le ferite.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata).

Citazione:NdC: Sorry Master, non so perché ma mi ero convinto fosse Semirhage Tongue
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
24-07-2018, 02:11 PM
Messaggio: #169
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
Narrato/pensato
Parlato


Be', mentre recuperavo le mie armi ne ho sentite delle belle! Anche se non penso che gli altri tizi in nero sono proprio simpatici a nessuno, Layla se n'è tirate addosso un bel po', e devo dire che anche se non sono state molto utili sono contenta che Crystal e Juliet sono sopravvissute solo per godermi questo momento dove ne dicono quattro a quella troia. E per giunta riempiono me di complimenti! Potrebbe andare meglio? Be', se Camillah si univa alla festa era meglio, ma mi accontenterò di Juliet che mi chiede di fare un po' di allenamento insieme.
Deludermi?
Mi rialzo con Maria Carolina e gliela sbatto tra le mani, poi tiro su la mazza. Ho trovato un modo per portarle tutt'e due.
Intendi più di come hai fatto stavolta? Perché la vedo dura.
Il mio tono però è quello di uno scherzo: Juliet è quella più vicina ai miei modi di fare, almeno quando si tratta di insultare la gente. Vediamo un po' se le sa prendere senza incazzarsi troppo, oltre che darle.
Voialtre fate bene a ringraziarmi. Date la colpa a quei bastardi in nero per avervi scelto un compito difficile, ma io dico che eravate voi impreparate. Se non volete essere inutili, dovete diventare più forti e smetterla di pensare che vi stanno mandando a morire. O se preferite pensatelo, e decidete che volete provargli che non è così facile liberarsi di voi. Se non ne siete capaci, allora vorrà dire che ho sbagliato a non lasciare che Achilles vi facesse a pezzi.
Oh... cazzo. Ho finito col fare anche io la ramanzina. Però se la meritavano. Le deboli muoiono, non è cambiato nulla dalla prima volta che l'ho scoperto. L'hanno passata liscia una volta, ma se non si decideranno a diventare forti, non le rivedrò più. E un po' mi spiacerebbe, anche se non sono brave a combattere, a parole se la cavano.
Non voglio ripetere quello che ha detto la stronza rossa, però spero che la prossima volta sarete capaci di darmi una mano o levarvi dalle palle fin da subito.
Ecco quello che volevo dire, insomma. Se non sei capace, togliti dai piedi. Mi dai solo fastidio, e ti prendi le mazzate. Impara a capire quando non puoi farcela... però l'arena è una buona occasione per capire quanto ancora ti manca per diventare forte. L'ho imparato a mie spese. Quindi, anche se le ho fatto una bella lavata di capo, a Juliet dico:
Vuoi sfidarmi? Io sono sempre felice di accettare. Le ho prese dalla numero uno... da due diverse numero uno, e non solo. Se ti aiuterà a essermi utile la prossima volta, eviterò di farti fuori.
Con una risata cerco di spezzare quell'aria da maestrina che mi ero data. Merda, sono partita veramente con la lezione. Odio ammetterlo, ma forse stavolta Layla non aveva tutti i torti.
A parole ci sai già fare. Crystal potrebbe fare di meglio, ma tutt'e due dovete solo riuscire a colpire forte quanto insultate. Camillah, forse è il caso che impari anche tu.
Intanto ci avviamo verso la casa del giudice, quella dove siamo arrivate all'inizio di tutta 'sta roba. E sì, la gente si toglie dai piedi al vedermi in giro con una specie di tronco d'albero. Oh, sì.
Ci rivedremo.
Dico alle mie compagne dopo che ci siamo cambiate le armature distrutte. Ora posso mettere Maria Carolina al suo posto e portarmi via la mazza senza problemi. Peccato che non ci entrava dalla porta: m'è toccato far venir fuori un tizio per darmi i vestiti nuovi, perché non volevo mollarla lì. Sì, sì, forse è tutto perché sono io che sono grossa, ma non voglio pensarci. In ogni caso, saluto le ragazze senza tanti altri con... covv... covenevvoli? Quelli, insomma. Non ce n'è bisogno. Dovrebbe essere un modo per dir loro che ci conto, e se non capiterà vorrà dire che non avevano abbastanza palle per arrivarci. Certo che se Juliet la rivedo in arena, non sarà un gran cambiamento. Oh, be', sarà divertente però. Io intanto mi avvio... penso che tornerò a Staph, non so bene dove dovrei andare e Layla ha avuto la buonagrazia di levarsi dai coglioni prima di dire qualcosa di utile. Troverò Hayez o Semirhage e mi farò dire da loro cosa devo fare. O magari me ne fregherò e partirò a cercare uno Yoma da sola. Per una volta, magari è divertente.

Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato fisico: Ferite leggere a braccia, gambe, torace e testa. Armatura a brandelli, poi sostituita con una intatta. Una nuova, enorme treccia tra i capelli.
Stato psicologico: Contenta di aver ricevuto un sacco di lodi e tutto sommato anche che le sue compagne se la siano cavata. Nonostante ciò, finisce per lanciarsi in una ramanzina sul fatto che dovrebbero decisamente migliorare, sperando che le sue parole diano loro un po' di motivazione. Non è un granché come ispiratrice, ma ci prova. Eccitata dall'essere riuscita a portarsi via l'arma di Achilles.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva); Trapianto (Innata, passiva).

[Immagine: 2j0cw1s.jpg]


"La guerra è il tribunale del mondo: chi vince ha sempre ragione, chi perde ha sempre torto, perché lo spirito del mondo sta dalla parte del vincitore." (Hegel)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
27-07-2018, 08:17 PM
Messaggio: #170
RE: Grosso Guaio a Bose! [Hotenshi, Clayfax, Victoria, Ophelia]
QUEST CONCLUSA CON SUCCESSO!

A breve riceverete la vostra valutazione. Provvedete intanto (se non l'avete già fatto) ad aggiornare le schede delle vostre guerriere con il capitolo relativo alla quest appena terminata.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)