Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
CACCIA I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
09-09-2019, 10:37 PM
Messaggio: #81
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Triela
Mentre allunghi la mano, Arjun sussurra qualcosa di incomprensibile a Darma e la tigre rimane immobile finché tu non riesci a posarle una mano esitante sulla grossa testa.
 
Non abbiate paura, signorina Triela! Le tigri come Darma percepiscono questo sentimento e ne sono infastidite. Abbiate fiducia e tutto andrà bene…
 
Ti sussurra Arjun. Lentamente, il tuo desiderio di accarezzare il “bel gattone” prende il sopravvento su tutto il resto e cominci lentamente ad accarezzare la testa della tigre, la quale risponde con quel suo strano verso:
 
Ron… Ron…
 
Che, ti sembra di capire, sia il suo modo di fare le fusa:
 
Darma apprezza le vostre carezze. Ora, qualunque cosa faccia Darma, non vi spaventate e rimanete immobile!
 
Ti dice Arjun, sempre sussurrando.
A conferma delle sue parole, sempre facendo le fusa, la tigre ti si avvicina e inizia a sfregare il suo muso contro la tua gamba sinistra, emettendo ogni tanto come dei sordi miagolii.
A quell’atto Arjun sorride e, carezzando a sua volta la tigre e sussurrandole ancora qualcosa, la allontana gentilmente da te, dicendoti poi:
 
Ben fatto, Signorina Triela! Adesso Darma vi riconoscerà come una di noi! Ha riconosciuto il vostro odore e lasciato il suo su di voi! Certo, non è detto che vi ubbidirà come fa con noi anche perché dovremmo insegnarvi come darle ordini, però, se lei capirà che siete in pericolo e se sarà libera di muoversi, sono convinto che accorrerà in vostro aiuto!
 
Mentre Arjun ti rivolge queste parole, con la coda dell’occhio noti che è ritornata Angelica, seguita da un uomo molto vecchio, molto magro e, apparentemente, molto povero, il quale porta in spalla una gerla di vimini intrecciati.
Vedi che la vostra Numero 23 confabula un attimo con Suri, dopodiché la ragazza si avvicina al tuo gruppetto:
 
Signorina Triela? La signorina Angelica ha bisogno di vedervi subito nella vostra stanza!
 
Detto questo e dopo averti rivolto un leggero inchino, la ragazza si allontana velocemente.
Chissà cosa sarà successo…
 
 
Luna
Una sporgenza piana del tetto della casa sembra il posto ideale per rilassarsi un po’ e tenere d’occhio quanto ti circonda. Un paio di agili balzi che strappano degli “Oooh” di stupore da alcuni degli uomini presenti nel giardino della casa e raggiungi il tuo obiettivo.
Da quel punto riesci a spaziare con lo sguardo tutt’attorno e anche oltre, riuscendo a raggiungere con il tuo sguardo sia la zona del porto che la periferia di Stand, lambita dalla Jungla.
Nel giardino di sotto sembra che i preparativi siano quasi terminati e allora, cercando qualcosa di interessante, ti sembra di vedere la tua compagna Triela che voglia fare amicizia con la tigre di Ram Narajan: o almeno sembra riuscire a carezzarla senza rimetterci la mano!
Poi, per quanto tu non soffra il caldo, la quiete del pomeriggio inoltrato, l’assenza di pericoli immediati e il caldo umido tipico del posto ti mettono in corpo un certo torpore, al punto che senti le tue palpebre farsi un po’ pesanti…
 
Ci pensa la voce squillante di Suri a scuoterti dal tuo languore, quando la senti gridare da sotto:
 
Signorina Luna? La signorina Angelica ha bisogno di vedervi subito nella vostra stanza!
 
Cosa mai potrà essere successo? E chi è il vecchietto assieme alla tua compagna?
Non ti resta che andare a vedere…
 
 
Camillah
Raggiungi quindi a tranquillità del vostro alloggio, ti sbarazzi del peso e dell’ingombro dell’armatura e ti stendi sul giaciglio che ti eri scelta la sera precedente: qualcuno, prima che tu arrivassi ha provveduto a portare dell’acqua e degli asciugamani puliti nel caso tu voglia darti una rinfrescata, nonché un cesto in vimini contenente un po’ di frutta fresca.
Una brezza tiepida spira dalla finestra socchiusa, mentre il rumore dei preparativi in cortile va via via scemando mentre le attività volgono verso la fine…
Vieni colta poco alla volta da un lieve torpore e ti ritrovi a riflettere su come, nonostante la consapevolezza del trauma che hai subito, a volte hai come la sensazione che il tuo braccio sinistro sia ancora al suo posto… La signora Semirhage ti ha detto che stanno prendendo provvedimenti in tal senso; chissà come sarà sentirsi di nuovo… integra.
Il torpore prende il sopravvento, ma il tuo non è un riposo del tutto tranquillo. Immagini, del tuo passato e del tuo presente scorrono veloci nel flusso dei tuoi pensieri, risvegliando sensazioni e sentimenti che, visto quella che sei e il tuo ruolo, hai dovuto per amore o per forza ignorare: Lune, Giada, Martina, il mostro che ti ha portato via il braccio, Caesy, alcune delle compagne che hanno combattuto al tuo fianco, i Risvegliati che avete eliminato…
Queste e anche altre immagini, normalmente sepolte nel profondo della tua mente, si rincorrono nel tuo sogno sempre più velocemente, finché qualcuno bussa alla porta della camera, richiamandoti alla realtà.
Si tratta di Angelica, seguita da uno strano vecchio e, poco dopo, dalle vostre altre compagne e, infine, da Ram Narajan…
 
 
Angelica
Come speravi, il vecchio Ajar ti segue senza protestare e, mentre tornate alla casa del mercante non avverti e non percepisci nulla che possa metterti in allarme.
Quando arrivi al cancello della villa di Ram Narajan, noti più di uno sguardo stupito ma quelle occhiate non sono rivolte a te, bensì al vecchietto che ti tiri dietro.
Mentre percorri il breve tratto che dal cancello porta al portone della casa, Suri ti si fa incontro: la ragazza però sembra a disagio e hai l’impressione che voglia dirti qualcosa, tuttavia non lo fa e, quando le chiedi delle tue compagne ti risponde:
 
Le signorine Triela e Luna sono qui attorno, ma la signorina Camillah è andata a riposare dopo aver parlato con il padrone. La troverete nella vostra stanza.
 
Poi, mentre ti appresti a varcare la porta di casa, diretta alla vostra stanza Suri, ancora a disagio, conclude:
 
Io… io vado a chiamare le vostre compagne e il padrone…
 
Prima di andare via.
 
Dopo qualche minuto, siete tutte riunite nella vostra stanza. Ram Narajan, con un’espressione perplessa dipinta in volto, arriva pochi istanti dopo.
Ora tocca a te spiegare la tua idea…
 
 
Turnazione
Angelica (per spiegare la sua idea)
Triela
Luna
Ram Narajan (Narratore)
Camillah (per trarre le conclusioni)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
11-09-2019, 01:40 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 11-09-2019 11:31 AM da La X di Miria.)
Messaggio: #82
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
L’anziano la seguì senza troppi indugi. Lungo il percorso, Angelica notò le occhiate stupite della gente lungo la strada, solo che questa volta non erano rivolte a lei, bensì all’incantatore di serpenti che le veniva subito dietro.

Che sia qualcuno di famoso? O è la categoria degli incantatori a suscitare questo stupore?


Raggiunse la casa del mercante e una delle due inservienti che avevano accolto lei e le sue compagne all’arrivo le si fece incontro con le mani unite in grembo. La ragazzina corrugò la fronte alla vista dell’anziano e Angelica ebbe la sensazione che le stesse per dire qualcosa, ma alla fine restò muta.


Le mie compagne sono all’interno?


La ragazzina la informò brevemente sulla posizione delle altre e si ritirò alla svelta per andare chiamarle. Angelica restò un attimo sulla soglia e girò la testa verso l’anziano che le stava dietro. Per dieci lunghi secondi lo guardò dall’alto della sua statura, con uno sguardo penetrante e autoritario. Non sapeva bene perché la gente si agitasse a quel modo non appena lo vedeva, ma, qualunque fosse il motivo, era meglio non sgarrasse con loro.
Fece il suo ingresso nella villa e si diresse verso lo studio del mercante, dove tutti si erano radunati.
Anche Ram venne loro incontro con sguardo perplesso e questa volta Angelica si esibì in un mezzo sorriso.
Durante la mia ricognizione ho incontrato quest’uomo, penso possa mostrarci qualcosa di utile per la nostra missione. Prego, mostri quello che sa fare, e gli fece gesto di accomodarsi a terra. Lasciò che l’anziano si esibisse nel suo spettacolo da incantatore e che le sue compagne guardassero attentamente*.
Quando l’uomo ebbe finito, Angelica fece un passo in avanti. La ringrazio molto per il suo tempo. Si rivolse poi a una delle inservienti all’esterno*: accompagni pure quest’uomo al piano inferiore e, mentre aspetta, gli consegni una generosa razione del cibo che non è stato consumato ieri sera. Verrò a congedarlo io stessa, appena finito.
Non avrebbe certo commesso l’imprudenza di permettere a un estraneo di ascoltare i loro discorsi, né di lasciarlo andare con troppa leggerezza dalla casa. Tuttavia, con la lauta razione di cibo che avrebbe ricevuto come ricompensa, era certa che l’anziano non avrebbe avuto motivo di andarsene dalla villa amareggiato. Immaginava anche che Ram non avesse nulla in contrario a riguardo, dato che lui stesso aveva detto che gli avanzi dei banchetti venivano ridistribuiti tra i poveri. Così erano tutti d’accordo, no?
Angelica avrebbe atteso quindi che l’anziano venisse condotto fuori e che nessuno avesse nulla da ridire su ciò. Solo quando le porte si fossero richiuse e il rumore degli scalini le fosse giunto all’orecchio, avrebbe proseguito: tutti avete visto come quell’uomo ha incantato quel serpente. La serpe sembrava volerlo attaccare eppure restava immobile, ipnotizzata dalla musica. Ora, sembra che la nostra missione abbia decisamente a che fare con i serpenti. Un simile incantesimo melodico potrebbe avere effetto… sugli adepti o le loro trappole? Angelica glissò per un attimo sulla vera domanda che avrebbe voluto fare a Ram, ovvero se quell’incantesimo avrebbe potuto influenzare la Risvegliata mezza donna mezza serpe adorata dagli Shara. Le sovvenne infatti che per lui non esisteva alcuna Risvegliata con l’aspetto della dea, solo uno “Yoma famelico”. Tuttavia, trovò presto il modo per chiedergli quello che voleva: esiste, per caso, qualche leggenda o racconto che parla della dea Yxuonei incantata da una melodia simile? Lanciò delle rapide occhiate alle sue compagne, accennando un sorriso complice. Potrebbe risultarci davvero utile.





Citazione:Yoki: 0%
Punti Limite: 0/27.5
Stato Fisico: Ottimo.
Stato Psicologico: Sospettosa nei confronti dell’anziano per l’agitazione che suscita nelle persone. Decide di metterlo in guarda con uno sguardo. Felice di aver difeso il riserbo delle loro discussioni e sistemato l’anziano con una buona scusa. Cauta nell’esporre la sua domanda.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
14-09-2019, 10:10 PM
Messaggio: #83
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Triela accarezzò compiaciuta l'animale, che si rivelò essere persino più soffice di quanto avesse sperato.
Seguendo le istruzioni di Arjun lasciò che la fiera le si strusciasse sulle gambe, sorridendo al pensiero che se avesse ancora avuto i suoi vecchi stivali non avrebbe potuto apprezzare appieno la cosa.

Non importa se non ubbidisce ai miei ordini, sarebbe anzi strano il contrario, ma il fatto che ora conosce il mio odore potrebbe tornare davvero molto utile, ad esempio se qualcuno di voi rimanesse ferito immagino potrebbe venire da me e farsi seguire, giusto? Ad ogni modo, male non farà.
Disse Triela in risposta alle ultime frasi dell'uomo.

Proprio quando stava riflettendo se fosse azzardato chiedere di poter stare ancora un po' con la tigre, notò con la coda dell'occhio l'arrivo di Angelica. Ringraziò mentalmente Arjun per aver allontanato Darma al momento perfetto. Si stava giusto chiedendo se fosse il caso di avvicinarsi e capire chi fosse il vecchio che si portava dietro quando vide che Suri si stava avvicinando.

Signorina Triela? La signorina Angelica ha bisogno di vedervi subito nella vostra stanza!

Va bene, arrivò subito, grazie. 

Beh, immagino lo scoprirò a breve.
Pensò la ragazza mentre si girava verso Arjun rivolgendogli un gesto di commiato.

Riprendendo la sua più consona espressione seria, si avviò in direzione della compagna. 


*****


È una follia. 

Pensò la ragazza. 

Questo metodo funziona sugli animali che hanno una scarsa intelligenza, a differenza dei risvegliati. Dubito che questa abbia preso dai serpenti qualcosa di diverso dalla forma. O forse possiede qualche loro capacità vantaggiosa, ma di certo non i difetti... Inoltre, anche leggende sulla dea sono inutili temo, in fondo è solo una ex guerriera che si spaccia per lei. 

Per il momento decise di tenere per sé i propri dubbi, attendendo le risposte delle sue compagne più esperte e rimanendo quindi in un attento silenzio.


Citazione:Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Normale.
Stato Psicologico: Ha ripreso la serietà, dubbiosa sul piano di Angelica.
Abilità Utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva). Coordinazione Straordinaria (+3 al comando su sé stessi, solo in combattimento).
Punti Limite: 0/15


[Immagine: yuE0yP]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-09-2019, 05:32 PM
Messaggio: #84
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Narrato
Parlato
Pensato
Raaka


La quiete che Luna aveva trovato non durò molto.
Il calore del sole, l'aria sul viso e il panorama rilassante che portava il lieve rumore del mare la stava per far addormentare quando la voce di Suri la tirò fuori da quella sorta di trance rilassante.

Ah maledizione se solo mi lasciassero udire la voce della natura ogni tanto...

Non avere fretta Luna, un giorno tornerai a correre nelle foreste, a ululare con i lupi, ad essere libera.
La natura non ha fretta, eppure, tutto si realizza.


Si alzò quindi tirando un sospiro.

Arrivo.

Scese giù proprio da dove era salita per poi seguire Suri all'interno della casa dove si riunì alle compagne in attesa delle novità di Angelica.


*****


Mmmm interessante... ma chissà se funzionerebbe...

Si Angelica la tua non è stata una cattiva idea.

Tuttavia, per quanto posso dire della mia esperienza in questa circostanza, queste entità sì assumono una forma molto simile a quella animale ma quanto quest'ultima possa prendere il sopravvento, in quanto mischiata con l'indole demoniaca e quella nostra non possiamo saperlo. Il controllo e la volontà non è una costante.

Io credo sia un equilibrio molto precario e troppo differente da soggetto a soggetto per farne una carta principale da giocare. Lo vedo più come un piano di emergenza, molto valido tra l'altro.


Luna notando l'intenzione di Angelica nel rimanere sul vago riguardo l'argomento risvegliati cercò anch'essa di fare meno riferimenti possibili sperando che le compagne capissero.



Condizioni fisiche: Eccellenti
Condizioni psicologiche: Incuriosita dalla tattica che il gruppo applicherà.
Abilità in uso: Percezione dello yoki e olfatto straordinario [Passive],
Yoki in uso: 0% [1/32,5 PLM]

Resterò un lupo solitario finchè non troverò il branco giusto.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-09-2019, 04:32 PM
Messaggio: #85
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Ram Narayan assiste senza fare una piega allo spettacolo del vecchio Ajar e del suo serpente: come prima, quest’ultimo sembra rimanere ammaliato dalle note del flauto dell’incantatore.
Poi, quando Suri esita alla richiesta di Angelica di portare del cibo al vecchio e cerca con lo sguardo il suo padrone, egli le rivolge un cenno d’assenso con il capo e, a quel punto, Suri si allontana per ottemperare alla richiesta.
Quindi il mercante rivolge la sua attenzione alle domande di Angelica e, dopo averle ponderate per alcuni istanti e preso un gran respiro, risponde alla Numero 23:
 
Per quanto riguarda gli adepti o le loro trappole… beh, se sono uomini non credo che la musica del flauto possa avere qualche effetto su di loro a parte, forse, distrarli per qualche istante. Sugli yoma non saprei dire, credo che su di loro ne sappiate più voi di me…
 
Il mercante riflette ancora un attimo:
 
Per quel che riguarda invece le leggende sulla “vera” Yxuonei,la risposta è: no! Nelle nostre tradizioni ella rappresenta la distruzione, nell’accezione più terribile di questo termine ma viene intesa anche come preludio necessario alla rinascita che segue la distruzione stessa! Quindi è considerata una figura importante nel nostro pantheon però, come premesso, essa è una forza inarrestabile che soltanto il suo sposo celeste è in grado di calmare e trattenere.
 
Ram Narayan a quel punto sorride gentilmente ad Angelica, prima di concludere:
 
Però, per quanto sia forte e terribile e visto che non sono un fervente religioso, dubito che la Yxuonei che è a capo degli Shara sia la reincarnazione della nostra dea, anche se evidentemente c’è chi è disposto a crederle.
 
 
Citazione:@La X di Miria: effettivamente hai commesso l’errore di autoconclusività. Però, visto che così facendo mi hai evitato un ulteriore giro di post, per questa volta e solo per questa non ti sanziono.
Alla prossima occasione però, se si presenterà, avvisami prima delle tue intenzioni via MP.
 
 
Turnazione
Camillah
Narratore (fine turno)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
22-09-2019, 06:39 PM
Messaggio: #86
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Legenda
Narrato Parlato Pensato

Camillah non riusciva a capire se stesse realmente dormendo oppure se quelle immagini che si susseguivano davanti ai suoi occhi fossero vere: di sicuro c'era un certo coinvolgimento emotivo. Chissà perché questo doveva capitarle ora. Si strinse nelle sue braccia.. e si accorse di riavere il suo braccio sinistro, più forte e vigoroso che mai. Che strano era convinto di averlo perso.. Mentre la ragazza era avvolta ed ammaliata da questa coltre di pensieri successe qualcosa e tutto svanì nel nulla. E si ritrovò nella sua stanza.
La tranquillità della ragazza durò poco, infatti era stata destata da un nugolo di persone che erano venute a disturbarla.

****

Camillah seguì attentamente quanto Angelica aveva da riferire ed assistette allo spettacolo musicale del vecchio. Poi rimase in silenzio, riflettendo e giocando con le sue ciocche di capelli. Ram si espresse immediatamente, ma lei non era molto convinta. Era d'accordo con Ram -per una volta- anche secondo lei quel tipo di melodia non poteva nulla contro gli adepti degli Shara e soprattutto era sicura che non sarebbe servito a niente nemmeno per gli yoma. Ed invece contro un risvegliato che si definiva l'incarnazione della dea? Come aveva fatto a spacciarsi come incarnazione della dea serpente ed a convincere quegli integralisti? Forse poteva avere assunto davvero una forma molto simile a quella dei tatuaggi degli Shara. Un serpente con la testa di una donna. Ma poteva significare che avesse anche delle "vere" qualità di un serpente e lasciarsi incantare da una semplice melodia? Non avevano prove a riguardo.

Grazie Angelica per averci resi partecipi della tua idea. Sono dello stesso avviso di Ram. Non credo che sia un metodo efficace sugli Shara, sugli yoma infiltrati.. e sulla "finta" dea. Ritengo che quest'ultima sia sufficientemente furba da non farsi abbindolare e non abbiamo nemmeno la certezza che abbia l'istinto di una vera serpe.

Rifletté nuovamente sulle sue parole prima di pronunciarle. Sembrava combattuta da qualcosa.

In una situazione del tutto normale, avrei posto il mio veto a portare con noi un essere umano. Dubito che in una notte tu sia in grado di imparare quella melodia alla perfezione.

Sembrò quasi volesse pizzicarla, ma per stimolarla. La situazione migliore sarebbe stata quella di non coinvolgere il vecchio.

Ma dal momento che con noi avremo un gran seguito di esseri umani, non vedo per cui non possa venire con noi anche lui, se d'accordo. Lascio a te decidere se coinvolgerlo.
Ma bada bene, Angelica, sarà tua responsibilità assicurarti che sopravviva fino al momento giusto. Intesi?



Yoki Utilizzato: 0% (0/35 PLM).
Stato Fisico: Sana, ma senza il braccio sinistro. Occhi Argentati.
Stato Psicologico: Scocciata di essere stata disturbata. Soprattutto da Ram, visto che l'aveva invitata a riposare. Dubbiosa, ma non convinta dell'idea di Angelica.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
25-09-2019, 10:12 PM
Messaggio: #87
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Ram Narayan annuisce alle parole della Caposquadra:
 
D’accordo! Se pensate che quel vecchio possa tornarvi utile, vedrò di aggregarlo alla spedizione!
 
Poi il mercante trattiene a stento uno sbadiglio:
 
Ora, con permesso signorine! Devo occuparmi ancora di alcune cose prima della partenza e, se mi posso permettere, vi suggerisco di riposarvi prima di partire domattina. Potreste non avere altre occasioni per farlo prima della fine della missione.
 
A quel punto, Ram sta per uscire dalla vostra stanza ma, prima di farlo, si gire un’ultima volta verso di voi:
 
Ah! Dimenticavo! Come ho già detto alla signorina Camillah, se lo desiderate nella mia casa c’è una piccola zona che ho fatto sistemare apposta per rilassarsi: potete usarla se volete. Se lo desiderate, basta che chiediate a Suri o a Romi. Dite loro anche se volete farvi portare qualcosa da mangiare per la cena, nel caso ne sentiate il bisogno.
 
A quel punto, sia pur impacciato dalla sua gamba malandata, Ram Narayan vi rivolge un leggero inchino prima di congedarsi:
 
Buona serata, signorine! Ci vediamo domattina all’alba giù in cortile.
 
E con queste parole, il mercante esce dalla stanza, chiudendo educatamente la porta alle sue spalle, lasciandovi la tranquillità che vi serve per rilassarvi, per ponderare le vostre prossime mosse in vista della caccia imminente o…
Entrambe le cose!
 
 
Turnazione
Angelica
Camillah
Luna
Triela
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
29-09-2019, 01:48 AM
Messaggio: #88
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]

Angelica osservò i volti delle compagne dopo il suo intervento e le parvero tutti un po' perplessi. I loro commenti confermarono questa sua impressione, anche se sia Luna che Camilah si mostrarono un po' aperte a riguardo. In particolare l'osservazione riguardante il fatto che non era sicuro che la Risvegliata possedesse anche un "istinto" da serpe la rese dubbiosa.

Bisognerebbe capire quanto l'aspetto di serpente influenzi lo "spirito" della Risvegliata: se essa è uno "Yoma potenziato" che non ha alcun legame particolare con la forma che assume, allora non ha senso sperare che quella melodia ipnotica possa avere effetto. D'altra parte, se invece esiste qualche correlazione tra la sua trasformazione e il suo lato interiore, potremmo sperare in qualche effetto... . Quello che mi chiedo è come abbia potuto assumere proprio la forma di quella dea serpentina. Davvero è solo una coincidenza? O è qualcosa che ha scelto? 


Nella sua testa ruotavano vorticosamente le immagini di una guerriera, uno Yoma e una serpe e lei cercava di farle quadrare assieme in qualche modo, senza esito.

Trasalì alla decisione della caposquadra di portare l'anziano in missione. Per quanto fosse solo un vecchio apparentemente innocuo, non si fidava per nulla a coinvolgere un estraneo nella loro spedizione. Poteva essere chiunque, senza contare che, data la sua età, avrebbe potuto rallentare il gruppo o rappresentare un elemento estremamente vulnerabile. Era un prezzo molto alto se paragonato all'incerto vantaggio che avrebbe potuto portare loro. 

Con rispetto, Camillah, credo sia meglio evitare di portare quell'anziano con noi. Rappresenterebbe più un problema che un vantaggio. Invece, si rivolse a Ram, esiste qualcuno nel nostro gruppo di spedizione che possiede la stessa abilità dell'anziano? Basterebbe anche solo una persona, nel caso ritenessimo opportuno ricorrere a quell'espediente.


Non aggiunse altro e attese un'eventuale reazione dei presenti. Se non ci fossero stati ulteriori problemi, si sarebbe diretta nel cortile per una breve passeggiata e, poi, in cerca di uno spazio riparato dove poter piantare la spada e riposare.

Yoki: 0%
Punti Limite: 0/27.5
Stato Fisico: Ottimo.
Stato Psicologico: Dubbiosa riguardo a quanto quella melodia possa ipnotizzare la Risvegliata. Decisa a non portare con loro l'anziano, che a suo dire rappresenterebbe un punto debole non da poco per il loro gruppo.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-10-2019, 09:24 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 01-10-2019 09:24 PM da clayfax.)
Messaggio: #89
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Legenda
Narrato Parlato Pensato

Forse per via delle parole di Camillah, Angelica preferì fare marcia indietro. Non se la sentiva di coinvolgere un innocente, soprattutto per via della sua età. Come darle torto. Invece, aveva provato a chiedere a Ram una soluzione alternativa. In effetti poteva andare bene. Chissà cosa avrebbe risposto il mercante.

La ringraziamo, Ram. Domani mattina saremo puntuali.


Camillah non aveva altro da aggiungere ne sulla questione e ne da dire alle sue compagne. Quindi le congedò, senza ulteriori raccomandazioni particolari da fare loro. Decise, quindi, di tornare a fare il riposo che stava facendo prima di essere disturbata. Avrebbe trascorso in questo modo il tempo fino al momento della partenza.

Il mattino successivo, si sarebbe destata lavandosi il volto, poi avrebbe indossato la sua armatura ed avrebbe atteso le sue compagne sulla soglia della loro stanza con un bel sorriso in volto.

Pronte? Finalmente si incomincia!


Yoki Utilizzato: 0% (0/35 PLM).
Stato Fisico: Sana, ma senza il braccio sinistro. Occhi Argentati.
Stato Psicologico: Desiderosa di iniziare l'avventura.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-10-2019, 08:07 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 08-10-2019 08:08 PM da WolfSoul.)
Messaggio: #90
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Narrato
Parlato

Luna ascoltò con attenzione le parole delle compagne e di Ram finché il discorso non giunse alla conclusione.

Ram infine si ritirò a riposarsi lasciando la casa e i suoi servizi a disposizione delle guerriere che rimasero da sole.

Luna approfittò per chiedere ad Angelica come mai del suo parziale ripensamento:

Se posso permettermi Angelica, cosa ti ha fatto cambiare idea? Ti preoccupi della sua sorte oppure non vuoi avere responsabilità mentre combatti?

Avrebbe atteso la risposta della compagna per poi congedarsi.

Con il vostro permesso ora vado a rilassarmi un po', non mi dispiace approfittare di un po' di comodità, chissà quando mi ricapiterà l'occasione. Concluse abbozzando un lieve sorriso.

Chiese quindi a Suri o Romi di accompagnarla nella zona di relax dove avrebbe riposato mente e corpo per poi andare a dormire in vista della partenza.



Condizioni fisiche: Eccellenti
Condizioni psicologiche: In cerca di un po' di relax prima della partenza della spedizione.
Abilità in uso: Percezione dello yoki e olfatto straordinario [Passive],
Yoki in uso: 0% [1/32,5 PLM]

Resterò un lupo solitario finchè non troverò il branco giusto.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
11-10-2019, 12:57 PM
Messaggio: #91
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Non mi piace per nulla. Portare con noi un vecchio che, non solo non potrebbe difendersi, ma non potrebbe nemmeno stare al passo con la carovana... è una follia. Inoltre se Angelica dovesse pensare all’incolumità dell’uomo per tutto il tempo rimarrebbe distratta, e una perdita di concentrazione nel momento sbagliato potrebbe rivelarsi fatale contro un nemico furbo e potente quanto questa risvegliata.

Con rispetto, Camillah, credo sia meglio evitare di portare quell'anziano con noi. Rappresenterebbe più un problema che un vantaggio. Invece, esiste qualcuno nel nostro gruppo di spedizione che possiede la stessa abilità dell'anziano? Basterebbe anche solo una persona, nel caso ritenessimo opportuno ricorrere a quell'espediente.

Concordo con Angelica su questo punto. Quel vecchio potrebbe faticare a reggere il ritmo della nostra marcia, e nel caso migliore ci rallenterebbe. Di conseguenza, ci renderebbe più esposti a trappole ed imboscate. Senza contare che, oltre ad i problemi logistici che causerebbe, l’avere con noi un bersaglio da proteggere potrebbe portare a distrazioni fatali. Per come la vedo io, è un rischio enorme.

Concluse la ragazza, tornando silenziosa per ascoltare la risposta dell’uomo.

Una volta concluso il discorso, avrebbe ricambiato il saluto dell’uomo e, visto che le sue compagne non sembravano intenzionate a intavolare altre discussioni, avrebbe preso congedo.

Uscita dalla stanza, Triela avrebbe chiesto a una delle due serve della carne secca, o qualcosa di simile che potesse essere mangiato mentre passeggiava per il cortile. Un buon metodo per rilassarsi prima di andare a dormire e, nel mentre, tenere sotto controllo l’area ancora per un po’.


Citazione:Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Normale.
Stato Psicologico: Rimane dubbiosa sul piano di Angelica e sul portare con loro il vecchio.
Abilità Utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva). Coordinazione Straordinaria (+3 al comando su sé stessi, solo in combattimento).
Punti Limite: 0/15

[Immagine: yuE0yP]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
13-10-2019, 03:53 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 13-10-2019 03:57 PM da Narratore.)
Messaggio: #92
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Ram Narayan scosse la testa:

Temo di no, signorina Angelica. L'abilità del vecchio è una cosa che si acquisisce con gli anni e va affinata assieme a un rettile ben specifico. Inoltre quasi tutti gli uomini della spedizione sono combattenti e non credo abbiano avuto tempo e modo di imparare l'arte di incantare i serpenti.

Quindi Angelica, la tua idea non sembrerebbe applicabile e, oltre a questo fatto, c'è la domanda di Luna che rimane sospesa nell'aria...


Citazione:Turno extra concesso ad Angelica per darle, se lo desidera, la possibilità di rispondere a Luna e/o di trarre le sue conclusioni, prima di andare a riposarsi.


Turnazione
Angelica
Narratore (Fine Turno)
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-10-2019, 01:33 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-10-2019 01:41 AM da La X di Miria.)
Messaggio: #93
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]


Angelica annuì sospirando alle parole del mercante. Aveva sperato che ci fosse stato almeno qualcuno nella spedizione che avrebbe potuto fare le veci di quell'anziano, nel caso avessero voluto tentare con la melodia ipnotica. Ma, a quanto pareva, l'abilità di incantare i serpenti era una capacità molto complessa da sviluppare e nessuno nella loro spedizione la possedeva.
Nel contempo, Luna le espresse il suo dubbio: 

Se posso permettermi Angelica, cosa ti ha fatto cambiare idea? Ti preoccupi della sua sorte oppure non vuoi avere responsabilità mentre combatti?


Angelica la guardò interrogativa e lanciò una rapida occhiata a tutti i presenti, per capire se anche gli altri avessero la medesima perplessità.


Non c'è stato nessun cambio d'idea. Il punto importante è l'abilità dell'anziano, non l'anziano stesso. L'unico motivo per cui l'ho fatto venire era quello di mostrarvi di che cosa fosse capace, perché non penso proprio mi avreste creduto soltanto sulla parola. In seguito, non a caso, ho provveduto ad allontanarlo; se avessi ritenuto opportuno fargli prendere parte alla spedizione, lo avrei lasciato partecipare alla nostra discussione, non trovi? Penso che, data la delicatezza del nostro incarico e il concreto rischio di infiltrazioni nel nostro gruppo, coinvolgere un perfetto sconosciuto sia una pessima mossa. Senza contare che l'uomo in questione presenta notevoli svantaggi fisici a causa della sua età, aspetti che ci porterebbero ulteriori problemi. Quindi, sinceramente, la mia idea non è mai stata quella di portare l'anziano in missione. Anzi, forse col solo condurlo qui ho già rischiato troppo.
Sospirò.
In realtà contavo sul fatto che nel nostro gruppo ci fosse qualcuno in grado di sostituirlo, qualcuno di fidato, in grado di badare a se stesso e già al corrente dei piani per la missione, cosa che però non sembra essere... 

Sembrava proprio che, prima di lasciare quella stanza, avrebbe dovuto decidere il da farsi, dato che la caposquadra aveva lasciato a lei l'onere di occuparsi della questione,
Personalmente, le risultava già poco piacevole dover cooperare con un contingente di umani in grado di badare a se stesso, doversi occupare di un anziano indifeso era decisamente peggio. In missione, tuttavia, le sue preferenze personali non avevano voce in capitolo, la precedenza andava a ciò che era necessario per i loro obiettivo. Per quanto non le facesse piacere essere affiancata dal gruppo degli umani, esso era necessario, in quanto avrebbe provveduto ad aprire loro la strada in mezzo agli umani nemici, e ciò le rendeva la loro presenza del tutto tollerabile. Ma l'anziano? Aveva qualcosa di fondamentale da portare al loro gruppo che avrebbe bilanciato l'obbligo di fargli da guardia e addirittura la sottrazione del supporto di una guerriera al resto del gruppo? Tutto quello che poteva offrire era la sua abilità da incantatore, ma non era certo che potesse sortire qualche effetto sulla Risvegliata. 
Da quello che lei aveva provato a carpire da Ram, pareva che la dea della leggenda non fosse in alcun modo correlata a qualche melodia ipnotica. Non che si aspettasse di ritrovarsi davvero davanti alla beniamina reincarnata di un credo umano, ma forse le leggende avrebbero potuto fornire loro qualche indizio in più sulla faccenda. Per quanto la riguardava, non aveva idea di quanto la forma della Risvegliata influisse sulla sua personalità. Il fatto che fosse una donna serpentina, come aveva detto loro Semirhage, contava qualcosa? Gli Yoma prendevano possesso del corpo degli umani e lo abitavano per tutto il tempo necessario, tradendo, in alcuni casi, le emozioni della persona della quale si erano appropriati. In quel caso, il corpo umano pareva influire sullo Yoma*. Loro stesse, in quanto guerriere, erano il prodotto di carne umana e di Yoma insieme e vivevano sulla loro pelle gli influssi di entrambe le parti. Ma era lo stesso anche per le Risvegliate? Nel loro caso, più che di un appropriazione di un corpo o di una composizione di parti in un unico corpo, si trattava più di una trasformazione... .
Purtroppo Angelica non aveva idea di quali componenti influenzassero la Risvegliata nell'assumere una determinata forma. 
Tradotto, non poteva sapere quanto ci fosse di "istinto" serpentino in quell'essere e quanto avrebbe potuto essere influenzato dalla melodia, per cui...

... stando così le cose, ritengo che la mia proposta porti più svantaggi che vantaggi. Infatti, se volessimo tentare con questo espediente, ora dovremmo per forza condurre l'anziano con noi, con tutti gli svantaggi che ne conseguono. Tutto questo solo per avere la possibilità di ricorrere all'ipnosi sulla Risvegliata, espediente che però non assicura degli effetti.  Per cui, considerato questo, la mia risposta è: no. Non ritengo conveniente tentare, se l'unico modo per farlo ci obbliga a farci carico dell'anziano, e non mi sento pronta ad assumermi una tale responsabilità.


Guardò Luna e le rivolse un tenero sorriso.


Adesso ho cambiato idea.





Citazione:[font=Verdana, Arial, sans-serif][b]Yoki: 0%
[/b][/font]

[font=Verdana, Arial, sans-serif][b]Punti Limite: 0/27.5
[/b][/font]

[font=Verdana, Arial, sans-serif][b]Stato Fisico: Ottimo.
[/b][/font]

[font=Verdana, Arial, sans-serif][b]Stato Psicologico: Le sue speranze di attuare l'espediente della melodia sulla Risvegliata vengono affossate nel momento in cui viene a sapere che nessuno, nella loro spedizione, possiede la medesima abilità dell'anziano. Il suo proposito era infatti quello di poter disporre di questo espediente in quanto "arma in più" contro la Risvegliata, ma l'obbligo di portarsi dietro l'anziano per potervi ricorrere trasforma la sua scommessa in un vero azzardo. Per cui, Angelica decide di rinunciare al suo proposito. 
[/b][/font]

[font=Verdana, Arial, sans-serif][b]Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva).
[/b][/font]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-10-2019, 09:42 PM
Messaggio: #94
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Detto quello che c’era da dire, ognuna di voi decide di prendersi un po' di tempo per sé
 
 
Camillah
Dopo che le tue compagne hanno preso congedo, ti stendi nuovamente sul letto che avevi occupato in precedenza e di nuovo, dopo un po', il tepore di quelle terre meridionali, il brusio delle attività in giardino che va via via affievolendosi e la sensazione che, oramai, quel che si poteva fare in vista della spedizione è stato fatto, ti aiutano a rilassarti e ad assopirti, facendo ritornare i tuoi pensieri in quella dimensione onirica nella quale le immagini del tuo passato assieme a quelle che potrebbero rappresentare il tuo futuro si susseguono senza nessuna logica apparente, mentre il tempo passa…
 
Un potente barrito emesso da uno degli elefanti nel giardino ti fa da sveglia la mattina successiva. La lunga notte di sonno ha contribuito a dissipare buona parte della tensione che ti sei portata dietro in questi mesi e ti senti bene come non ti sentivi da tempo. Non ti sei nemmeno accorta che, chissà a che ora, Luna e Triela erano rientrata nella stanza e, come te, sono state destate dal verso del pachiderma, mentre Angelica non c’è.
 
Ti dai una bella rinfrescata, indossi la tua corazza e, come da tue intenzioni, attendi il ritorno della Numero 23 per poi dirigerti con tutte le tue compagne all’adunata nel giardino di casa del mercante.
 
 
Angelica
Chissà, forse è stata la frustrazione dovuta al fatto di non poter mettere in pratica la tua idea a spingerti a isolarti dalle tue compagne e a cercarti un posticino tutto per te dove passare la notte. Comunque, dopo aver passeggiato un po' per l’ampio giardino della villa, assistendo con fare distaccato agli ultimi preparativi, una volta giunta sul retro della costruzione trovi qualcosa che forse fa al caso tuo.
A prima vista sembra un piccolo boschetto di canne di bambù cresciuto in maniera incontrollata tra il limite del giardino e una macchia di vegetazione spontanea che cresce poco oltre: le canne sono grosse e talmente fitte che sembra impossibile passarci attraverso senza tagliarle. Però a guardar bene in un punto defilato c’è una sorta di piccolo cancelletto in metallo il quale, incastrato in maniera opportuna tra le canne, ha impedito che in quel punto queste crescessero in modo da ostruire il passaggio.
Rimuovere il cancelletto richiede un minimo sforzo al tuo corpo ibrido ma comunque, per passare oltre, devi metterti a gattoni e fare attenzione che la tua armatura e l’elsa della tua claymore non si incastrino nel canneto. Una volta dentro, ti ritrovi in uno spazio semicircolare di circa tre metri di diametro, completamente libero dalle canne e ricoperto da un soffice strato d’erba ben curata: esattamente di fronte a te, dall’altro lato rispetto al punto d’ingresso, noti quello che sembra essere un piccolo, semplice altare in pietra, alto circa mezzo metro, dietro al quale è sistemata una piccola statuetta, apparentemente fatta della stessa pietra dell’altare, che rappresenta una figura umanoide un po' in carne con la testa di un elefante.
Sospetti che si tratti di un altare dedicato a un’altra divinità locale, chissà forse quella alla quale Ram Narayan è devoto: il tuo sospetto è rafforzato dalla costatazione che, per entrare qui, di fatto ti sei dovuta inginocchiare davanti alla statua, la quale sembra proprio guardare verso di te.
Detto questo, il posto sembra tranquillo e, tornata per un attimo là del cancelletto, scopri che lo puoi rimettere a posto anche dall’interno, per poi tornare nello spiazzo, piantare la tua claymore a terra, sbarazzarti dell’armatura e poi sistemarti per la notte libera dalle costrizioni della corazza. Chissà, forse è il delicato tepore che avvolge questa terra, o forse i profumi speziati che avverti nell’aria, oppure un senso di pace e protezione che, forse a causa di una sottile suggestione dovuta a tutte le storie di divinità così diverse da quelle delle quali avevi sempre sentito parlare, sembra provenire dalla figura in pietra la quale non sembra così minacciosa, al confronto con la spietata e terribile Yxuonei, oppure la protezione offerta dalla robusta barriera fatta dalle canne di bambù, unita alla stanchezza del lungo viaggio, appesantiscono le tue palpebre e scivoli in un lungo, pacifico, sonno senza sogni.
Apri gli occhi quando, a giudicare dalla luce che vedi in alto sembra essere l’alba. Con calma riprendi le tue cose, esci dal tuo riparo e risistemi il cancelletto al suo posto. Indossata poi l’armatura ritorni nel giardino davanti alla casa laddove assisti al risveglio dell’accampamento. Non ti sfugge un cenno di saluto da parte di Dahrak-Nà, da poco arrivata con la sua compagnia al gran completo, mentre rientri nella casa del mercante, per raggiungere le tue compagne.
 
 
Luna
Piacevolmente sorpresa dal gentile sorriso che Angelica ti ha rivolto al termine della sua spiegazione, chiedi a Suri di accompagnarti nel luogo suggerito da Ram Narayan per rilassarti. La giovane cameriera non si fa pregare e, preso lo scalone principale, inizia a scendere verso il basso, anche al di sotto del piano terra.
Mano a mano che scendete sotto quel livello, hai la sensazione che l’umidità nell’aria aumenti sempre di più finché, giunte in fondo alla scala, vi trovate davanti a una robusta porta a doppia anta, che però Suri apre senza nessuna difficoltà, mentre uno sbuffo di vapore caldo vi avvolge.
Una volta entrata, ti ritrovi in una grande sala di forma circolare col soffitto a cupola, le cui pareti sono rivestite con una pietra lucida dalle sfumature che vanno dal bianco all’azzurro intenso: al centro della sala vi è collocata una piscina di pianta quadrata con almeno quattro metri di lato, dalla cui superfice si eleva un leggero strato di vapore, segno che l’acqua dev’essere calda. In prossimità degli angoli del bordo piscina si elevano quattro colonne larghe mezzo metro e fatte della stessa pietra che ricopre i muri, le quali danno l’impressione di sostenere la cupola sovrastante e, su di esse, alcune lampade a olio di fine fattura garantiscono un'illuminazione tenue ma gradevole.
Nel frattempo Suri ha estratto da un bianco armadio posto vicino all’ingresso alcuni asciugamani grandi e piccoli e quattro piccole, strane cassette di legno, per poi rivolgersi a te:
 
Immergetevi pure nell’acqua, signorina. Potete sedervi su una delle panche sommerse o lasciare che il vostro corpo galleggi libero nella piscina. Nessuno verrà a disturbarvi e, finiti i preparativi vi lascerò da sola anche se Romi attenderà qui fuori per ogni vostra necessità. Comunque, se lo desiderate, potete avvolgervi in uno dei teli più grandi prima di entrare nella piscina.
 
Effettivamente, guardando meglio, da uno dei lati della piscina parte una scala larga un paio di metri che scende verso il fondo della vasca, la quale non sembra molto profonda. Mentre esamini la piscina, noti che Suri ha sistemato le quattro scatolette in prossimità delle colonne, per poi rivolgerti un leggero inchino:
 
Bene, signorina Luna. È tutto pronto. Entrate pure in acqua e pensate solo a rilassarvi. Se vi serve qualcosa, chiamate pure.
 
Detto questo la cameriera esce dalla sala termale, richiudendosi la porta alle spalle e lasciandoti libera di goderti il bagno come meglio credi. Mentre lo fai, ti rendi conto che dalle quattro piccole cassette di legno si spande un delicato profumo e, mentre il tuo corpo è avvolto dal tepore dell’acqua termale, lentamente quella sensazione di torpore che avevi provato mentre ti rilassavi nel pomeriggio si impadronisce nuovamente di te, sciogliendo tutte le tensioni che avevi accumulato in questi ultimi mesi…
E’ormai scesa la notte quando ti riscuoti da quella sensazione: non ricordi l’ultima volta nella quale ti sei sentita così bene. Dopo esserti asciugata e aver ripreso le tue cose, trovi Romi ad attenderti fuori dalla porta la quale ti riaccompagna alla stanza che condividi con le tue compagne, nella quale trovi Camillah e Triela addormentate e lentamente, per non disturbarle, ti accomodi sul tuo giaciglio, rilassandoti ancora un po' in attesa dell’ora del risveglio… segnalata da un improvviso, potente barrito emesso da uno degli elefanti che avevi visto in giardino, il quale ha l’effetto di riscuotere le tue compagne!
 
 
Triela
Romi non ci mette molto a ottemperare alla tua richiesta e così, poco dopo, ti ritrovi a camminare in giardino con in mano un cartoccio contenente alcune strisce di carne secca e leggermente speziata. Distratta da tutto quanto ti sta accadendo attorno, perdi di vista Angelica mentre fissi i due elefanti che stanno finendo di divorare la scorta di vegetali che i loro padroni avevano accumulato davanti a loro. Guardandoli bene e vedendo come loro guardano te, hai come la sensazione di percepire… intelligenza, dietro quei grandi occhi. Avvicinandoti un po' di più ai due pachidermi, arrivi quasi inconsapevolmente entro il raggio d’azione della proboscide di uno dei due, il quale la protende cercando di afferrarti per una gamba. Immediatamente uno dei due uomini che badavano agli elefanti gli dà dei leggeri colpetti col suo lungo bastone uncinato sulla sommità dell’imponente cranio del pachiderma, urlandogli:
 
TOOMAI! Quante volte devo dirti di lasciare in pace la gente?
 
Emettendo un sordo brontolio l’elefante ritira la proboscide e l’uomo si rivolge a te:
 
Dovete perdonare Toomai signorina! Spero non vi abbia spaventato… è che lui è molto curioso e forse, vedendo com’è… ricamata la vostra veste, ne è stato attirato! Perdonatelo, ve ne prego!
 
L’uomo sembra sinceramente imbarazzato e addolorato per il contrattempo, mentre ti sorge il sospetto che ci sia qualcosa in te che attira le bestie selvatiche.
Congedato come meglio credi l’uomo e il suo elefante, ti aggiri ancora per un po' tra l’accampamento oramai silente finché un grosso sbadiglio non ti convince che è ora di mettersi a letto. Raggiungi la stanza che dividi con le compagne e vi trovi soltanto la Caposquadra che sembra profondamente addormentata. Hai giusto il tempo di sistemarti sul letto prima che, cullata dalla temperatura gradevole e dalla comodità del giaciglio le tue palpebre lentamente si chiudano.
Chissà… forse avevi sognato nuovamente l’incontro con l’elefante perché, all’imprvviso, un barrito ti riscuote dal tuo sonno e scopri che, durante la notte, anche Luna è tornata mentre di Angelica non c’è traccia. Tuttavia la Numero 23 si ricongiunge con voi mentre vi apprestate a uscire in giardino per l’adunata.
 
*****
 
Dopo il saluto di Camillah, scendete nel cortile della grande villa, oramai ingombro di persone.
Non avete difficoltà a individuare il gruppo dei mercenari al comando di Dahrak-Nà e un secondo gruppo che sembra sia comandato da un uomo un po' più alto della mercenaria, un po' in carne ma anche molto muscoloso, con gli occhi stretti, pelle bronzea, un naso un po' a patata e un lungo barbone nero ma striato di grigio a incorniciargli il viso: l’uomo indossa un’armatura di cuoio nero rinforzata da borchie di metallo e brandisce senza apparente sforzo una grande ascia a doppia lama.
I due elefanti sono stati caricati con una bardatura che sostiene delle grosse casse che sporgono su entrambi i fianchi dei pachidermi e, sull’apice della schiena di tutti e due sono collocate delle strutture che ricordano delle grandi ceste. I loro conduttori sono seduti a cavalcioni subito dietro la testa dei grossi animali.
Poco distanti, assieme al padrone Ram Narayan e il suo fido Arjun, notate un altro bel giovane dalla pelle scura ma con gli occhi azzurri e capelli e una corta barba biondi e ben curati, due giovanotti molto simili tra loro, diversi da Arjun come aspetto ma con la stessa tonalità di carnagione e di capelli e, accovacciata a terra come se fosse un gatto, la tigre Darma.
Non appena fate la vostra comparsa, Ram Narayan, reggendosi sempre sul suo bastone, vi si fa incontro, rivolgendosi poi a tutti i presenti con voce ferma e decisa, indicandovi:
 
Queste sono le cacciatrici di Yoma che vi accompagneranno! Ricordatevi che loro non possono e non devono alzare le loro spada su nessun uomo, anche se si tratta di uno Shara. Per contro, loro vi proteggeranno se, come sospettiamo, degli Yoma vi attaccheranno assieme ai Settari! Non dimenticate però che il loro compito è raggiungere il tempio e ammazzare lo Yoma che finge di essere la dea Yxuonei e questa dev’essere la priorità per tutti voi!
 
Poi Ram si rivolge voi, con tono più gentile:
 
Signorine, questi saranno i vostri…compagni: conoscete già la capitana Dahrak-Nà, mentre l’altro gruppo di combattenti è comandato da Sambigliong.
 
L’omone con l’ascia si piega leggermente in avanti in segno di saluto, mentre Ram prosegue:

I due conduttori degli elefanti, che noi chiamiamo “Cornac” sono Ghana e Brona, mentre i loro pachidermi rispettivamente Toomai e Kala-Nag, mentre le vostre guide, oltre ad Arjun, che ha già esperienza nel combattere gli Shara e sarà il capo spedizione, abbiamo qui Shaka…
 
L’uomo con i capelli e la barba bionda ti rivolge un inchino, mentre Ram prosegue:
 
che conosce la Jungla come le sue tasche, poi abbiamo i due fratelli Aghur e Bhanu…
 
Entrambi salutano, chinando il capo
 
che hanno perso i genitori a causa degli Shara e non aspettano altra occasione per farne fuori il più possibile e poi…
 
Ram Narayan si porta vicino alla tigre, la quale si alza e, lasciandosi accarezzare dall’uomo, sfregando il suo muso sulle gambe di Ram:
 
Questa è Darma, anche lei indomita cacciatrice di Shara, il quali la conoscono e sanno quanto vale: molti di loro hanno assaggiato i suoi denti e artigli; pochi di loro sono sopravvissuti per raccontarlo!
 
Grida di giubilo e incoraggiamento partono in ordine sparso dai gruppi dei mercenari, mentre la tigre ritorna da Arjun e dal gruppetto delle guide, e Shaka sembra attardarsi un momento per abbracciare e baciare Romi.
Poco dopo Ram Narayan richiama l’attenzione di tutti un’ultima volta:
 
Bene, se non c’è altro da dire, andate e che i vostri dei vi siano propizi!
 
E’ giunta l’ora di mettersi in marcia: a un gesto di Arjun Darma si lancia in avanti e scompare poco dopo alla vostra vista, mentre lui e le altre guide si pongono in testa, seguiti da Ghana e dal suo Toomai, il più grosso dei due elefanti. Il drappello di Dahrak-Nà si dispone dietro l’animale e viene seguito da Brona con
Kala-Nag, ai quali si accodano Sambigliong col suo gruppo.
 
In breve, il vostro drappello attraversa una Stand ancora avvolta nel sonno, quindi con poca gente in giro, giungendo in breve al limite della cittadina e inoltrandosi poi nella fitta Jungla.

La vostra caccia è iniziata!
 
 
Citazione:Nel prossimo post descrivete le sensazioni delle vostre guerriere all’inizio della caccia e come intendete organizzarvi durante la marcia nella Jungla.

 
 
Turnazione
Camillah
Angelica
Luna
Triela
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
16-10-2019, 09:50 PM
Messaggio: #95
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Legenda
Narrato Parlato Pensato

Nonostante l'inizio del sonno fosse stato turbato nuovamente da quei pensieri che la ossessionavano, il resto fu rilassante. Al suo risveglio -aiutato da un barrito di un elefante- Camillah si sentì bene e riposata. Era eccitata all'idea di iniziare la missione per cui si preparò il più velocemente possibile. Una volta pronta si rese conto che Angelica non era in stanza con le altre ragazze. Si domandò dove fosse, ma poco dopo la vide rientrare. Per un momento volle chiederle dove fosse stata, ma poi rinunciò, convincendosi che fosse alzata prima per fare un giro nel cortile a curiosare.

Appena furono tutte pronte, raggiunsero gli altri partecipanti e udirono il discorso di Ram. Le presentazioni erano praticamente state fatte ed ognuno sapeva quali fossero sia i propri compiti che quelli degli altri. Il fermento e l'agitazione erano tali che si poteva avvertire nell'aria una carica elettrizzante. In qualche modo modo Camillah si sentiva a suo agio. Aveva già provato questa sensazione nel passato, ma non ricordava dove. Si guardò intorno. Controllò le sue compagne e provò ad intuire i loro stati d'animo. Poi passò in rassegna tutti presenti: riconobbe molte persone viste nei giorni precedenti durante le loro ronde. Poi non poteva mancare la banda di Dahrak-Nà ed oltre a loro c'era anche un altro squadrone. Poi vide la tigre Darma e dei ragazzotti giovani che non sembravano minimamente preoccupati per la spedizione. Camillah si chiese se quello fosse davvero un posto per loro e se sapessero quello a cui stavano andando incontro.

Sicuramente fu attirata dagli elefanti. Questi grossi animali la affascinavano molto. Si domandò come fosse possibile riuscire ad addomesticare delle bestie così grandi. Sicuramente sarebbero molto utili in quella battaglia. L'eccitazione continuava a montare dentro di lei ed ora non vedeva l'ora di darsi da fare. Il morale era alto ed anche la voglia di aiutare la gente di Stand era tanta.

Terminate le sue considerazioni, ed arrivato il "via" da Ram, Camillah si riavvicinò alle sue compagne ed abbozzò una prima tattica.

Care ragazze, il momento è finalmente giusto. Vediamo di darci da fare e di essere all'altezza del nostro compito. Dobbiamo essere rapide ad individuare le minacce per queste persone e a reprimerle. Evitiamo gli scontri inutili e cerchiamo di non avere a che fare con gli Shara umani. Andiamo dritti al nostro obiettivo e poniamo fine alla vita di questa finta divinità che sta mettendo in ginocchio questo paese.

Nel frattempo la caposquadra lasciò che la lunga colonna si mettesse in marcia, per vedere come si schierassero le varie forze. A quel punto, optò per dividersi a coppie per coprire al meglio tutta la fila ed essere tempestive nel agire. Non aveva senso che rimanessero anche loro in gruppo.

Dunque..
Io e Triela andremo avanti nella fila, mentre voi, Luna ed Angelica, starete nella retroguardia. Cerchiamo di disporci anche noi in fila e di garantire la copertura su tutta la colonna. In caso di necessità potremmo radunarci rapidamente. Dubito che avremmo a che fare con il risvegliato fino a che non saremo arrivati al tempio. Una volta arrivati ci raduneremo nuovamente.


Se non ci sono domande, allora andiamo!

Poi si forzò a sorridere, per nascondere la preoccupazione

Mi raccomando, state attente.

Alla fine, Camillah, come al solito, avrebbe fatto di tutto per proteggere le proprie compagne.


Yoki Utilizzato: 0% (0/35 PLM).
Stato Fisico: Sana, ma senza il braccio sinistro. Occhi Argentati.
Stato Psicologico: Desiderosa di iniziare l'avventura. Eccitata e con morale alto.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
22-10-2019, 12:09 AM
Messaggio: #96
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]

La discussione che era nata in seguito alla sua proposta l'aveva un po' spossata. Non appena avevano raggiunto una decisione, Angelica provò il desiderio di starsene un po' da sola.
Si divise dalle sue compagne e passò rapidamente per il cortile che aveva ispezionato quella mattina, con l'intento di evitare di essere fermata da qualcuno per qualsiasi motivo. Raggiunse il retro della casa e individuò un fitto canneto in mezzo al quale si apriva un piccolo passaggio chiuso da un cancello. Incuriosita, Angelica si avviò in quella direzione, mentre le voci provenienti dal giardino si affievolivano. Spostò il cancelletto senza fatica e si addentrò inginocchiandosi nel boschetto. La luce filtrava appena tra le foglie tremolanti del canneto e nella penombra, Angelica scorse una statua umana con la testa di elefante posata su un piccolo altare. 

Sembra che in questa regione la gente sia particolarmente devota a divinità dalle fattezze umane e animali insieme. E sono tutti animali particolari, tipici del luogo.


Rimise il cancelletto al suo posto e piantò la spada a fianco dell'altare. Si sfilò i pezzi dell'armatura e li depose a fianco a sé, appoggiandosi al piatto della spada.

Così domani è il grande giorno... 

L'aria speziata le appesantì la mente e l'oscurità del posto la invitò a lasciarsi andare a un sonno ristoratore.

Il giorno dopo si svegliò al sorgere del sole. Si rimise l'armatura e rinfoderò la spada, dirigendosi verso il cortile dove si era radunato il resto della spedizione. Incrociò lo sguardo di Dharak - Nà e raggiunse le sue compagne. C'era anche il mercante, che presentò loro tutti i partecipanti alla spedizione. Per quanto la riguardava, bastava che tutti svolgessero il proprio ruolo. Ascoltò le disposizioni di Camillah e si limitò ad annuire decisa. Si sarebbe quindi diretta in coda alla carovana per proteggerla.



Citazione:Yoki: 0%
Punti Limite: 0/27.5
Stato Fisico: Ottimo.
Stato Psicologico: Riposata.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
28-10-2019, 07:18 PM
Messaggio: #97
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Narrato
Parlato
Pensato
Raaka


Quella che Luna trascorse fu una notte di una tranquillità e riposo che da lungo tempo non si concedeva, forse addirittura dalla sua infanzia.

Il risveglio però non fu dei più tranquilli dato il forte barrito degli elefanti fuori dalla casa che ruppero l'armonia nella mente di Luna facendola tornare alla sua vita da guerriera.

Si alzò un po' amareggiata, quasi scocciata dal dover abbandonare quello stato di benessere provato nelle ultime ore per vestirsi e scendere di sotto insieme alle compagne.

Erano le prime ora del mattino e a Stand molti ancora erano nel mondo dei sogni, nella città vi erano i primi movimenti dei più mattinieri mentre nella casa di Ram, il gruppo era pronto per partire a caccia degli shara e della risvegliata.

All'arrivo delle guerriere Ram iniziò i preparativi presentando alla spedizione le guerriere e designando le figure principali della spedizione.

Vi erano due gruppi di mercenari principali, Arjun e altri ragazzi alla guida, degli enormi elefanti e una maestosa tigre di nome Darma.

Mio dio quanta bellezza ed eleganza in un solo essere vivente.
Aveva sentito parlare delle maestose tigri ma non ne aveva mai vista una dal vivo, rimase a fissarla per qualche secondo per catturarne ogni tratto prima che al segno di Arjun l'animale si dileguò con grande agilità.

Anche gli elefanti erano imponenti e affascinanti, ma troppo goffi.
Amava la natura in tutte le sue sfaccettature, ma aveva sempre avuto un debole per gli animali con un portamento elegante.

Ti mancano le terre del nord vero? Vorresti tornare a ululare coi lupi?
Per un attimo il volto di Luna si tinse di tristezza, vecchi ricordi di una libertà che ora non aveva più.

A far tornare in sé la ragazza però furono le parole di Ram che augurava buona fortuna al gruppo e dava inizio alla caccia.


Si avvicinò quindi alle compagne per vedere come Camillah avrebbe voluto agire.

La compagna ordinò di dividersi a gruppi da due, rispettivamente Camillah e Triela davanti al gruppo mentre Angelica e Luna avrebbero chiuso la fila per coprire le spalle.

Non era mai stata una grande stratega e odiava passare per polemica, tuttavia, dato che Luna aveva l'olfatto molto sviluppato, fece nota di nuovo la cosa alle compagne cercando di rendersi più utile che poteva.

Perdonami Camillah, se lo ritieni necessario potrei utilizzare il mio olfatto per aiutare nella ricognizione.

Dipende molto dalla direzione del vento, tuttavia, stando in fondo al gruppo avrei molti più odori di interferenza e potrei avere più difficoltà.


Avrebbe quindi atteso la risposta della compagna per prendere posizione in modo definitivo.

Nel mentre l'adrenalina cominciava a farsi sentire, il brivido della caccia, come in quella volta, il pericolo, sensazioni fastidiose ma anche piacevoli.

La caccia era iniziata, e il lupo cercava la sua preda insieme al suo branco.



Condizioni fisiche: Eccellenti
Condizioni psicologiche: Eccitata per l'inizio della caccia ma anche un po' tesa.
Abilità in uso: Percezione dello yoki e olfatto straordinario [Passive],
Yoki in uso: 0% [1/32,5 PLM]

Resterò un lupo solitario finchè non troverò il branco giusto.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-11-2019, 12:59 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 01-11-2019 01:00 AM da GioRix.)
Messaggio: #98
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Quando Triela venne svegliata da un imponente barrito, non poté fare a meno di ricordare l'enorme animale visto la serata prima.

Sarà che per un po' di tempo mi sono improvvisata cacciatrice di cinghiali...

Pensò la ragazza mentre si stiracchiava, come a voler dare una risposta al sospetto del giorno precedente.

Una volta scesa dal letto, stavolta già vestita, ripiegò con cura il mantello nella maniera precedentemente sperimentata. Una volta appurato che tutti i vari lacci fossero saldamente fissati, uscì dalla stanza a seguito delle compagne.

Una volta all'esterno la ragazza ascoltò le spiegazioni di Ram, inchinandosi leggermente alle nuove presentazioni.
Ora che il momento era finalmente giusto, sentì i muscoli irrigidirsi per la tensione. Prese un paio di profondi respiri per evitare tremori, e si rivolse verso la caposquadra per ascoltare il suo piano.

Mi pare un buon piano. Se Luna preferisce stare davanti per sfruttare le sue capacità al meglio posso prendere io il suo posto in fondo alla carovana.

Inoltre vorrei tenere d'occhio Dahrak-nà, non mi piace per nulla quella donna. Purtroppo sembra troppo abile per farsi ammazzare da qualche shara, peccato.


Citazione:Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Normale.
Stato Psicologico: Tesa per l'inizio della missione, vuole anche tenere d'occhio la mercenaria.
Abilità Utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva). Coordinazione Straordinaria (+3 al comando su sé stessi, solo in combattimento).
Punti Limite: 0/15

[Immagine: yuE0yP]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
04-11-2019, 10:18 PM
Messaggio: #99
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Mentre Luna, sostenuta da Triela, perora la sua causa presso la caposquadra, le guide conducono il gruppo lungo le strade della cittadina finché, senza quasi che voi ve ne rendiate conto, vi ritrovate in mezzo alla vegetazione.
A un cenno di Arjun, la tigre Darma si infila nelle piante e sparisce dal vostro sguardo, mentre Shaka assume il compito di prima guida: l’uomo sembra sapere il fatto suo e, quando la vegetazione comincia a farsi troppo intricata, lui fa sfilare in avanti il primo elefante, con l’evidente compito di aprire la strada per tutti quelli che seguono. Vi trovate quindi a camminare in un vero e proprio tunnel, finché vi rendete conto che state camminando su un sentiero il quale, poco dopo, sbuca sulla riva del fiume, libera dalle piante, cosa che vi permette di mantenere un passo più veloce.
Proseguite la vostra marcia fino a ora di pranzo quando Arjun comanda una sosta per rifocillarsi un po' e permettere agli uomini del drappello di riprendersi dopo una marcia a ritmo sostenuto percorsa con un caldo e un’umidità che sembra averne provato più di qualcuno, soprattutto nel gruppo di Dahrak-Nà.
Dopo circa un’ora il vostro cammino riprende, ma si rivela più duro della sgambata mattutina: vi ritrovate infatti ad attraversare un terreno composto da canne, spine e pantani, e poi altre spine e canne, che rallentano notevolmente la vostra marcia. L’elefante stavolta vi è di poco aiuto e anche voi, come i mercenari, dovete in alcuni momenti ricorrere alle vostre spade per aprirvi la strada ma Shaka continua imperterrito a guidarvi attraverso quel territorio infido e, nonostante l’oggettiva difficoltà, nessuno degli altri si lamenta, dando prova di una tenacia non comune.
Al tramonto, cosa difficile da credere, avvertite anche voi un po' di stanchezza: evidentemente marciare su quel terreno difficile ha richiesto il suo prezzo anche ai vostri corpi ibridi. Siete quindi liete che, alla fine, le guide diano l’ordine di fermarsi per la notte.
Mentre i fratelli Aghur e Bhanu coordinano altri uomini per preparare un riparo per la notte e i due cornac si prendono cura degli elefanti, la tigre Darma ritorna da voi, sedendosi vicino ad Arjum e, mentre vengono fatte girare delle razioni di gallette e carne secca, Arjun richiama la vostra attenzione, assieme a quella di Dahrak-Nà e di Sambigliong, i quali si avvicinano. A quel punto, Arjun prende la parola:
 
Molto bene, abbiamo percorso molta strada oggi! Continuando con questo ritmo di marcia, domani al tramonto arriveremo alle terre basse e fangose che segnano l’inizio della foce del grande fiume, rifugio preferito delle tigri, dei rinoceronti, dei serpenti e dei coccodrilli…
 
Dopo quella che sembra essere una battuta, l’espressione di Arjun si fa seria:
 
E proprio in mezzo a quelle terre, che noi chiamiamo Sunderbunds, si trova il tempio nascosto degli Shara, che è sfuggito alla caccia di qualche anno fa. E’molto probabile che gli Shara sopravvissuti si siano riorganizzati laggiù, ma è possibile che possano tenderci delle imboscate lungo la strada per cercare di indebolirci prima del nostro arrivo a destinazione: le paludi delle Sunderbunds sono il loro territorio e lo conoscono meglio di noi. Per questo motivo manderemo Darma in avanscoperta. Di solito basta lei per scoraggiare animali molesti o eventuali curiosi ma, se ci fosse qualche pericolo più serio, tornerebbe immediatamente da noi senza attaccare. Se la vedete arrivare prima che ci fermiamo per fare una sosta, allora sarà il caso di iniziare a preoccuparsi!
 
Poi il capo spedizione si rivolge nuovamente a tutti:
 
Domande?
 
Sambigliong annuisce senza chiedere nulla, apparentemente soddisfatto dalle informazioni ricevute, mentre Dahrak-Nà, espressione seria sul suo viso dai tratti orientali, chiede:
 
Che genere di imboscate pensi potrebbero architettare gli Shara? Da quel che ho capito, dubito che potrebbero reggere in uno scontro aperto con degli uomini armati come i nostri.
 
Arjun poggia l’indice della mano destra sulla punta del naso, per poi rispondere:
 
Il fanatismo è la loro arma principale, signora, non scordatelo mai! Se devono sacrificare tre di loro per uccidere uno dei nostri lo faranno. E useranno contro di noi ogni genere di trucco sporco: trappole, veleni, tattiche mordi e fuggi e ogni genere di malefatta che le loro menti malate possano pensare! Indubbiamente se lo faranno ne moriranno molti: lo sanno anche loro ma questo non li fermerà!
 
Mentre Arjun parla, voi notate qualcosa che attira la vostra attenzione: guardando meglio, vedete che a una certa distanza da voi, su entrambe le sponde del fiume, sorgono due piccole torri, in apparenza uguali…
Mentre guardate però notate o, meglio, sentite anche qualcos’altro: una debole, fugace traccia di yoki proprio nella direzione delle torri anzi, per dirla tutta, sembra stia scendendo da quella posta sull’altro lato del fiume, molto ampio in questo tratto!
Aguzzando lo sguardo, vi sembra di scorgere una figura umana che corre via tra la vegetazione, assieme ad altre due persone che però non emanano yoki.
Poi, tra l’oscurità e la Jungla perdete di vista i tre misteriosi individui e, poco dopo, anche la traccia di yoki non è più percepibile.
 
 
Turnazione
Camillah
Angelica
Luna
Triela
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-11-2019, 09:43 PM
Messaggio: #100
RE: I Misteri della Jungla Nera [clayfax-WolfSoul-La X di Miria-GioRix]
Legenda
Narrato Parlato Pensato


Diciamo che la valutazione della caposquadra era stata fatta con un certo criterio, ma dal momento che Luna si era offerta di adoperare il suo olfatto per anticipare problemi le sembrò una richiesta più che sensata alla quale lei non aveva pensato.

Va bene Luna. Non puoi che trovarmi d'accordo. Eseguite pure lo scambio.

Per il resto della giornata il corpo della spedizione fu in marcia, dapprima nella fitta foresta e poi lungo le sponde di un grosso fiume. Camillah era affascinata da quel tipo di esplorazione che stavano facendo: assomigliava molto a quella che si era sempre immaginata da piccola ascoltando i racconti inventati di suo fratello. Per questo si guardava intorno con eccitazione, quasi dimenticandosi del suo compito.

Durante la sosta serale Arjun condivise informazioni sul viaggio del giorno dopo, sulle strategie ed iniziò ad allertare su quali pericoli sarebbero andati incontro nei giorni seguenti.

Durante la riunione, Camillah notò dei movimenti sospetti da una delle due torri che erano in lontananza. Sembrava si trattasse di persone, forse proprio di Shara. In particolare, una figura di queste emanava una traccia evidente di yoki. La ragazza l'avverti fintanto che quelle ombre non si dileguarono. Probabilmente doveva trattarsi di uno yoma al servizio del risvegliato. Come temeva, erano tenuti d'occhio e presto le preoccupazioni di Arjun si sarebbero manifestate. Camillah reputò che fosse inutile inseguirli, tanto si sarebbero poi scontrati con loro più avanti. Decise di tenere queste considerazioni per sé, ma si limitò a cercare gli sguardi delle compagne, per capire se anche loro avessero notato quello che lei aveva visto.



Yoki Utilizzato: 0% (0/35 PLM).
Stato Fisico: Sana, ma senza il braccio sinistro. Occhi Argentati.
Stato Psicologico: Desiderosa di iniziare l'avventura. Eccitata e con morale alto.
Abilità Utilizzate: Percezione dello yoki (Passiva), Yoki Straordinario (Passiva - Abilità Innata).
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)