Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Questa discussione è chiusa  
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
16-09-2014, 12:12 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 24-09-2014 02:13 AM da Majin.)
Messaggio: #1
Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Quicksilver


Citazione:1° livello (abilita  sviluppata parzialmente)

Lune può sprigionare e ridurre yoki in modo sicuro fino a salti di 60% per turno e mantenere il valore desiderato, senza ripercussioni sul fisico e sulla mente. Il controllo sullo yoki permette a Lune di non subire modifiche al colore degli occhi, ma ogni altra modifica fisica dovuta all'uso di yoki agisce come di consueto (viso deformato al 30%, muscolatura rigonfia dal 50%). 

Durata massima: 5 turni. Quicksilver ha un limite di 5 turni consecutivi per combattimento, finiti i quali lo sforzo di concentrazione diventa eccessivo. Per ritrovare la concentrazione bisogna riposare la mente per qualche ora, possibilmente a 0%.
 
Nuovo Livello proposto:
Citazione:3° livello (abilità  sviluppata al 100%)

Lune può modificare liberamente lo yoki sprigionato, scegliendo turno per turno quanto rilasciarne, persino da 0% a 60% 80% (e viceversa) e mantenere il valore desiderato, senza ripercussioni sul fisico e sulla mente. Il controllo sullo yoki è tale che il fisico non subisce alcuna modifica apparente (gli occhi restano argentati, il viso non si imbruttisce e il fisico non si deforma), pur conservando ogni bonus e beneficio derivanti dall'uso di yoki. Questo può avvenire solamente grazie al perfetto dominio della volontà  di Lune sul proprio corpo. 

Durata massima: 5 turni l'abilità diventa passiva.

Bonus:
- capacità di sprigionare o ridurre yoki più rapidamente del normale (da 0% a 80% e viceversa);
- Punti Limite Massimi aumentati di 5 punti (40 in tutto);
- capacità di mantenere il proprio aspetto umano comune anche sotto ingenti quantità di yoki sprigionato.

Malus: 
- un controllo simile implica un'estrema difficoltà nel semi-risvegliarsi, altrimenti possibile grazie al valore di Spirito massimo;
- quando Lune combatte usando yoki rende estremamente facile a chiunque sia dotato di percezione di individuarla, anche da molto lontano.


In pratica l'abilità si perfeziona: nessun cambiamento fisico evidente grazie al pieno controllo del proprio yoki e durata ormai costante.

Rispetto alla precedente sessione di Biblioteca Lune è cresciuta molto, ha sperimentato più volte la sua abilità in battaglia e non ha mai perso il controllo, anche durante momenti di concreto pericolo, lasciando avanzare l'ipotesi che sia pronta per un miglioramento. 

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-09-2014, 03:48 PM
Messaggio: #2
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Mentre si dirigeva verso la Biblioteca, già visitata in precedenza, Lune sentì picchiettare delicatamente e improvvisamente sulla sua spalla sinistra. Si voltò, ma alle sue spalle non vide nessuno; tuttavia, era indubbio che qualcosa le avesse picchiettato sulla spalla. Non appena si voltò nuovamente, per tornare sui suoi passi, si trovò davanti una figura ammantata in uno strano mantello grigio, tagliato a strisce e che dava la sensazione di muoversi costantemente, nonostante non ci fosse vento; in realtà, quasi ci sbatté contro.

Vediamo un pò... Lineamenti delicati, capelli lunghi... Non ti ho mai vista, ma ho sentito parlare di te... Lune, giusto?

Una mano guantata accarezzò delicatamente una guancia della guerriera e l'uomo in nero sorrise, un sorriso perfetto, bellissimo e candido.

Complimenti per essere tornata dalla missione affidatavi dal vecchio Ufizu. Confido che tu sia qui per migliorarti ulteriormente, per poter essere ancor più d'aiuto alla nostra Organizzazione.

Si tirò giù il cappuccio che copriva la maggior parte del volto, rivelando così un viso avvenente, profondi occhi verdi, capelli biondi e un'affascinante barba incolta. Non perse nemmeno per un secondo il suo magnifico sorriso, ma si allontanò leggermente dalla guerriera, indicandole di seguirlo. Lune notò come le sue braccia, scoperte grazie alle nere maniche tirate su fino al gomito, fossero ricoperte di cicatrici.

Io sono Kelsier. Duran mi ha spiegato ciò che sei in grado di fare e... sospetto tu sia venuta qui con il desiderio di affinare questa tua meravigliosa capacità... Sbaglio? Raccontami un pò di te, mentre arriviamo a destinazione, abbiamo qualche minuto...

~

Dopo qualche minuto, la coppia arrivò davanti ad una porta di legno e Kelsier si fermò sorridendo, per poi aprire la porta che rivelò una stanza scarsamente illuminata.


Citazione:Questo è solo un Post introduttivo, in cui avrai la possibilità di spiegare cosa vorresti ottenere.
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-09-2014, 08:05 PM
Messaggio: #3
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».


Kelsier le fece una buona impressione iniziale, nonostante l'avesse lasciata indubbiamente spiazzata. Era un uomo bello ed evidentemente agile, capace di prendere di sorpresa una guerriera come lei, non certo al livello di una Numero Singolo ma nemmeno alle prime armi. Affascinata e obbediente Lune gli parlò di sé.

«Maestro Kelsier, sono felice di fare la vostra conoscenza. Sì, sono Lune, sono io.»

«Sono una guerriera di difesa e mi sono specializzata nel controllo dello yoki. Da molti anni ho combattuto contro il mostro che è in me, odiando l'idea di perdere il controllo e diventare uno yoma. Ho sviluppato una notevole capacità e posso rilasciare tutto il mio yoki in un solo istante.»

Ripensò all'esperienza dello scontro con Teresa, quando era stata interrotta e rimproverata.

«Alcuni...» e stava per interrompersi, ma Kelsier le dava sicurezza e decise di proseguire la frase, forse un po' incautamente: «Alcuni maestri non apprezzano la mia qualità. Non hanno fiducia. Hanno... credo che abbiano paura. Ma io ce l'ho fatta. Ce l'ho già fatta. Ho combattuto contro molti yoma e anche contro una guerriera ribelle, Fortune; in tutti i miei combattimenti ho sempre combattuto al limite massimo del mio yoki senza mai provare la sensazione di perdere la mia umanità.»

Camminavano e Lune raccoglieva i pensieri. L'uomo le aveva detto di raccontare di sé e lei non voleva disobbedire.

«Voglio sviluppare questo mio dono come nessun'altra guerriera ha mai fatto prima. Non sono mai stata fisicamente prestante ma ho capito che se avessi imparato a sfruttare al massimo il mio yoki avrei potuto superare tutte le altre. Il mio maggiore desiderio è servire l'Organizzazione ed essere la migliore di tutte.»

«Voglio giocare sulla sorpresa. La mia abilità, quella che sto sviluppando, consiste nel controllo completo della mia mente sul mio yoki. Un controllo tale che mi permetterebbe di abbassarlo e ridurlo a piacimento, senza nessun tipo di  contraccolpo fisico o mentale, addirittura tale da mantenere integro l'aspetto della mia persona!»

«So che sembra assurdo, deve sembrarlo, lo capisco se voi non ci credeste, maestro Kelsier, ma sono già riuscita a mantenere piccole parti del mio corpo intatte rispetto alla mutazione. Quando uso il minimo del mio potenziale riesco a mantenere gli occhi argentati ed è la prova che la mia abilità può funzionare! Vorrei estendere il controllo completo a tutto il corpo e usando il massimo del mio yoki. Potendolo rilasciare in un istante e senza mutare di aspetto, sarebbe un modo per prendere di sorpresa molti avversari!»

Concluse quando giunsero a destinazione. Accettando l'invito implicito del suo superiore Lune varcò la porta  inoltrandosi nella penombra.



Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato fisico: Ottimale.
Stato psicologico: Serena. Affascinata da Kelsier.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva).

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
19-09-2014, 01:32 AM
Messaggio: #4
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Kelsier ascoltò con attenzione ogni singola parola che Lune pronunciò e quando infine lei si fece avanti per entrare nella stanza, a sua volta entrò, chiudendosela delicatamente alle spalle. La stanza, un cubo di circa sei metri per lato di pietra, era scarsamente illuminata da alcune candele sparse e le loro piccole fiammelle provocavano bizzarri giochi di ombre.

Bene mia cara. Per prima cosa, vorrei che ti mettessi al centro della stanza e che mi facessi vedere personalmente ciò che riesci a fare. Sentirlo raccontare è una cosa, vederlo di persona un'altra... In questo modo, potrei pensare ad un modo per aiutarti a migliorare.

Kelsier si appoggiò quindi ad una parete, con le braccia incrociate sul petto e guardò con attenzione la guerriera, annuendole con un sorriso, quasi per spronarla. Lune poteva quindi dare una dimostrazione pratica della sua Abilità.
Trova tutti i messaggi di questo utente
19-09-2014, 08:15 PM
Messaggio: #5
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

Lune si mosse come Kelsier le aveva suggerito, occupando il centro della stanza. Fissò i suoi occhi da guerriera verso i piedi dell'uomo in nero, non sentendosi degna di reggere il suo sguardo, ma non per questo voleva astenersi dal dare il massimo. 

Quando rilasciò il massimo del suo yoki, tutto in una volta, fu rapida e repentina. Già poteva sembrare straordinario riuscire in quell'impresa ma lei sapeva che molte potevano arrivare al suo stesso livello. Divenne talmente brutta e grottesca da essere irriconoscibile, molto più simile a uno yoma che a una ragazza. 

Pochi istanti dopo era nuovamente alla sua forma normale. Così come il suo corpo era stato violentato dalla mostruosa forma demoniaca, così ritornò puro e immacolato, come quando era entrata nella stanza. Erano passati solo pochi attimi.

«Vi ho mostrato il controllo, maestro Kelsier.»

Lune si accinse ora a fargli vedere i risultati ottenuti. Liberò yoki a sufficienza da rendere il proprio viso ferino e ricoperto di vene, i denti aguzzi e il sorriso affilato. Ma gli occhi rimasero argentati.

«E questa è l'abiità che sto sviluppando. Non posso vedermi ma so che i miei occhi non sono diventati dorati.»


Citazione:Yoki utilizzato: 0% - 80% - 0% - 30%
Stato fisico: Ottimale. In mutevole cambiamento.
Stato psicologico: Serena. Affascinata da Kelsier.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (attiva, 1° turno)

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
22-09-2014, 03:42 AM
Messaggio: #6
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Kelsier osservò la dimostrazione di Lune senza distogliere lo sguardo nemmeno per un istante, mantenendo gli occhi verdi fissi sulla guerriera.

Lo confermo, i tuoi occhi sono rimasti del color argenteo. E se hai un controllo così determinante sulla tua forza diabolica, vuol dire che puoi riuscire a controllare anche tutto il resto delle... deformazioni fisiche che vi colgono, quando la liberate.

L'uomo in nero fece nuovamente sfoggio del suo sorriso smagliante.

Ora voglio che tu riesca a controllare anche tutto il resto. Libera tutto lo Yoki che reputi di poter controllare con sicurezza, ma tenta di reprimere l'aspetto che dovresti avere a certe vette di potere. Prenditi tutto il tempo necessario, ora dobbiamo capire se puoi riuscire a farlo.

Lune aveva i suoi ordini, ma sarebbe stata in grado di eseguirli?
Trova tutti i messaggi di questo utente
22-09-2014, 12:58 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-09-2014 01:02 PM da Majin.)
Messaggio: #7
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

La fiducia che Kelsier le diede fece sentire Lune importante. Era la prima volta che un uomo in nero la trattava così e sentì i battiti del cuore accelerare con consistenza. Le venne da sorridere ma si trattenne, non volendo infastidire il superiore. Invece, pensò, avrebbe dovuto concentrarsi per eseguire gli ordini. Annuì e lasciò che ancora una volta lo yoki scorresse libero. 

Provò a imprimersi nella mente la sensazione che provava quando i suoi occhi restavano argentati e cercò di estenderla al resto del viso. Iniziò a sprigionare yoki lentamente, in modo da non perdere l'attimo. Una delle cose che aveva capito era che le sensazioni erano tutto. Una volta capito come ci si sentiva, avrebbe potuto imparare la sua abilità e riprodurla. Ma all'inizio serviva ascoltare il proprio corpo con attenzione, sincronizzarlo con la mente, assaporare la sensazione dello yoki farsi libero ma senza lasciarsene influenzare. 

Estese le proprie sensazioni fino al collo, alle braccia e al petto, all'addome e alle gambe, alle mani e ai piedi. Mentre lo yoki aumentava Lune teneva gli occhi chiusi in modo da concentrarsi maggiormente sul proprio corpo, immaginandolo normale, umano, mantenendo quella immagine nitida e sovrapponendola al controllo che cercava di esercitare, come se le due cose fossero imprescindibili e lei, infatti, sentiva che lo fossero.

«Maestro Kelsier, come sto andando?»

Aveva infine sprigionato tutto il proprio yoki, tutto quello che sapeva di poter controllare, nemmeno una goccia di più. Se fosse riuscita a sentirsi normale, se il suo controllo fosse davvero stato perfetto come era auspicabile, avrebbe azzerato lo yoki e riprovato, ma questa volta a velocità istantanea, dal niente al tutto, forte dell'aver memorizzato la "sensazione giusta". E per sicurezza lo avrebbe fatto una o due volte ancora. Se invece non ci fosse ancora riuscita, allora avrebbe azzerato il proprio yoki e atteso le istruzioni del buon Kelsier.


Citazione:Yoki utilizzato: 0% - 80% (gradualmente) e poi ancora 0% (e nel caso vari cambiamenti da 0% a 80% e viceversa)
Stato fisico: Ottimale. In mutevole cambiamento (ma se l'abilità dovesse funzionare non ci sarebbe alcun cambiamento)
Stato psicologico: Affascinata da Kelsier. Concentrata.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (attiva, 2° turno)

Nota: non ho descritto cambiamenti fisici nel post perché ho pensato dipendesse dal fatto che l'azione fosse andata a buon fine o meno, perciò ho preferito fosse il master a deciderlo, ma in caso di problemi potrei anche editare! 

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 01:23 AM
Messaggio: #8
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Kelsier continuò ad osservare attentamente Lune, quindi alzò un sopracciglio alla domanda improvvisa della guerriera.

Stai andando perfettamente. Il tuo controllo non è solo degno di ammirazione, ma ha dell'incredibile. Non ho notato nessun cambiamento, stupefacente.

L'uomo in nero si staccò dal muro su cui era appoggiato e si mosse leggermente avanti, quindi schioccò le dita.

Juza. Fuudo.

Sì, Maestro.

Due uomini comparirono all'improvviso al fianco di Kelsier, come se fossero stati fagocitati fuori dalle ombre; che fosse un effetto dato dalle luci tremolanti delle candele? I due uomini, vestiti allo stesso modo ma con corporature decisamente differenti, si inginocchiarono e tennero il capo chino, in attesa di ordini. L'uomo in nero comunque sorrise all'indirizzo di Lune, quindi si avvicinò ancor di più, fermandosi ad appena un metro dalla guerriera.

Bene. Il tuo controllo pare perfetto... Se sei immobile e se hai il tempo necessario per concentrarti. Ora ti sottoporrò a pressioni varie. I miei due allievi tenteranno di colpirti con dei bastoni di legno e tu dovrai tenere a bada la stessa quantità di Yoki di poco fa, però mentre sei sottoposta a vari stress, tra cui l'impegno a schivare i loro colpi. Attenzione, sono bastoni di legno, ma fanno molto, molto male.

Kelsier si voltò e tornò ad appoggiarsi contro il muro, non prima però di aver fatto cenno agli altri due uomini, che si alzarono e raccolsero da terra dei bastoni di legno che parevano piuttosto pesanti. Fuudo, quello più grosso e muscoloso dei due, si posizionò davanti a Lune, quindi Juza, dalla corporatura simile a Kelsier, si mise alle sue spalle. La voce di Kelsier si fece sentire nuovamente, seria.

Quando sarai pronta per cominciare, dovrai dire "ora". Se dovessi avere problemi e se volessi fermarti per qualche motivo, dovrai dire semplicemente "basta". Quando sarò soddisfatto, se non ti sarai fermata tu, ti dirò io di fermarti. Comincia quando sei pronta e... Ti sconsiglio di dire "basta".

Toccava a Lune quindi. Se la sarebbe sentita?
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 01:39 AM
Messaggio: #9
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

Non vedeva l'ora di iniziare. Annuì, liberò nuovamente tutto il proprio yoki ancora presa dalla profonda concentrazione eppure, allo stesso tempo, capace di guardarsi intorno e di rispondere con un secco:

«Ora.»

Cosa sarebbe successo? Si preparò a muoversi come meglio poteva. Sarebbe stato il suo battesimo di fuoco. D'altronde, se la sua capacità non fosse stata utilizzabile in combattimento che vantaggi ne avrebbe ottenuto?


Citazione:Yoki utilizzato: 80%
Stato fisico: Ottimale. 
Stato psicologico: Affascinata da Kelsier. Concentrata.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (attiva, 3° turno)

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 02:03 AM
Messaggio: #10
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Nel momento in cui Lune diede il via libera, Fuudo partì con un fendente diagonale discendente, diretto verso la gamba sinistra della guerriera. La numero 11 si accorse per un soffio, con la coda dell'occhio, che nello stesso momento anche Juza attaccò, mirando con un fendente orizzontale alla sua tempia destra. Fortunatamente per lei, per quanto fossero decisamente ben allenati, i due avversari erano comunque esseri umani, quindi non ebbe difficoltà particolari a schivare entrambi i colpi, considerando anche l'enorme quantità di Yoki che stava liberando, per quanto non sembrasse.

I due uomini non si diedero per vinto e anzi attaccarono con più impeto di prima, perfettamente coordinati tra loro, nonostante la differenza di mole. Lune, comunque, riusciva a seguire i loro movimenti con un margine sufficiente a permetterle di schivare i loro tentativi di colpirla; il suo stesso Yoki, pareva non sfuggire minimamente al controllo ferreo che la volontà di Lune imponeva, fino a che la voce di Kelsier non si fece sentire, chiara e assoluta.

Tutti i miei colleghi che hanno avuto a che fare con te concordano su una cosa; sei arrivata a questo punto solo ed esclusivamente grazie a Camillah, costretta a proteggerti e a fare da esca la stragrande maggioranza delle volte. Le sei estremamente inferiore sia in velocità che in potenza e come se non bastasse, hai fatto ripetutamente la figura della codarda e opportunista. Normalmente ti terremmo in bassissima considerazione, ma essendo a corto di personale, ci troviamo malauguratamente costretti a far uso di scarti come te. Il massimo dell'aspirazione che abbiamo per te è che tu muoia al posto di una più promettente... ovvero quasi la totalità delle Novizie ancora in addestramento. Sei patetica e infanghi il nome della nostra Organizzazione continuamente, anche solo col tuo respiro. Non c'è nemmeno il pericolo che tu ci deluda, poiché non ci aspettiamo che fallimenti da parte tua.

Un fiume di parole cattive e senza pietà alcuna furono quelle che si riversarono nelle orecchie della guerriera. Forse era questo che Kelsier intendeva con "pressioni varie"? Come avrebbe reagito Lune? I due uomini continuavano ad attaccarla impetuosamente e le parole dell'uomo in nero l'avrebbero come minimo scossa. O forse no?


Citazione:Hai libertà di descrivere gli attacchi di Juza e Fuudo (ad esclusione del primo colpo di entrambi, che ho descritto io), quindi potrai decidere tu stesso come reagirà Lune (e di conseguenza il suo Yoki) alle parole di Kelsier.
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 12:21 PM
Messaggio: #11
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

Non le fu difficile evitare gli attacchi dei due combattenti, dopotutto era una guerriera non solo addestrata ma anche con molta esperienza e le bastavano i riflessi, non doveva nemmeno starci a pensare troppo. Ma contro l'attacco psicologico di Kelsier ebbe un sussulto interiore talmente violento che non le bastarono tutta la freddezza, il controllo e l'inamovibilità che aveva imparato. 

Pensavo... no... Io non... Volevo solo... io...

«...»

Mentre scattava all'indietro sentì i muscoli delle gambe gonfiarsi inverosimilmente, e cercando di mantenere l'equilibrio perse anche il controllo dei muscoli delle braccia. Fu un fallimento completo. I suoi occhi argentati fissarono il pavimento, incapaci di trattenere le lacrime, che rigarono un volto mostruoso e raggrinzito.

Calmati.

Si diede un repentino ordine silenzioso. Continuò ad evitare gli attacchi della coppia di servitori e si costrinse con tutta la propria forza di volontà a ritrovare lucidità. Kelsier non aveva fatto altro che dire la verità, e questo Lune poteva accettarlo, ma l'ultima parte era evidentemente una provocazione atta a metterla alla prova. Se per l'Organizzazione lei fosse stata davvero inutile nessun uomo in nero avrebbe preso a cuore di aiutarla a sviluppare la sua abilità. 

Calmati.

Pochi secondi dopo riassunse il controllo. Il suo corpo ritornò umano e l'unica cosa che testimoniava il suo fallimento erano le lacrime ancora sul volto. Nonostante tutto sapeva di non essere stata in grado di controllare le proprie emozioni e di fronte a quell'insuccesso non poté che affermare:

«Mi dispiace, questa volta ho fallito.»



Citazione:Yoki utilizzato: 80%
Stato fisico: Ottimale. Per una manciata di istanti diventa mostruosa e orribile, ritrova il controllo solo dopo essersi ripresa.
Stato psicologico: Inizialmente concentrata, ma poi è presa da una sorta di confusione emotiva estrema, che la porta a perdere il controllo di Quicksilver. E' comunque determinata e dopo  il primo momento di instabilità dimostra di riuscire a riottenere rapidamente la calma.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (attiva, 4° turno)

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 09:25 PM
Messaggio: #12
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
In risposta alle parole di Lune, Kelsier si staccò nuovamente dal muro su cui era appoggiato, ma non disse nulla. Di contro, Lune sentì un forte dolore alla caviglia destra e si sentì spinta verso terra; prima di toccare il suolo, tuttavia, venne raggiunta da un altro, pesante colpo al fianco sinistro, che la fece atterrare pesantemente e dolorosamente.

Fermi.

Il tono di Kelsier fu calmo, ma i due uomini smisero immediatamente di attaccare la guerriera, che nulla aveva di rotto, ma sentiva un forte dolore al fianco offeso. [Ferita LEGGERA]

L'uomo in nero si avvicinò a Lune e si fermò a pochi centimetri di distanza da lei, guardandola dall'alto, con quello che sembrava genuino disprezzo. Ricominciò a parlare, usando un tono sprezzante che la guerriera mai avrebbe potuto immaginare di sentire proprio da lui.

Hai fallito? Hai fallito?! Lo decido IO se hai fallito! Tu devi solo eseguire gli ordini, non sai nemmeno fare questo?! Ora ci riproverai e ci riuscirai, perché in caso contrario ordinerò la tua epurazione immediata, perché io posso farlo! Sei solo un'arma e le armi che non funzionano, non ci servono, ci danneggiano! E subito dopo penseremo anche alla tua protettrice, Camillah, per evitare rappresaglie future in nome della tua disonorevole morte. In piedi, avanti! Di nuovo!

Kelsier si voltò sprezzante e andò a riappoggiarsi nella stessa posizione di poco prima, con sguardo critico e duro. Lune poteva, anzi, doveva ricominciare.


Citazione:Questa volta Lune avrà successo, ma le ultime parole di Kelsier avranno certamente un impatto emotivo per lei, cosa che le procurerà qualche problema iniziale, quindi ruola bene quella parte.
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-09-2014, 10:00 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 24-09-2014 12:02 AM da Majin.)
Messaggio: #13
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

Kelsier continuò a infierire. Se prima Lune aveva avuto dei problemi a causa delle sue parole, non poteva non averne di nuovi quando la dose fu rincarata. Strinse con forza i pugni e sentì che presto, molto presto avrebbe perso il controllo ancora una volta. Sì sentì lasciare andare, arrancare nel vortice di emozioni contrastanti, ma comprese nello stesso istante di non dover ripetere lo stesso errore due volte. 

Camillah.

«Camillah non è la mia protettrice.»

Lune rispose gelidamente, ritrovando in quel nome tutto ciò di cui aveva bisogno per ritrovare il controllo. Il buon Kelsier l'aveva provocata abbastanza, e si era spinto molto oltre, ma lei non gli avrebbe permesso, prova o non prova, di mettere in dubbio la sua utilità né di minacciare la vita di Camillah. Quando i due scagnozzi l'attaccarono ancora, lei reagì evitando i loro attacchi.

Calmati. Calmati. Calmati.

Continuò a ripeterselo finché non divenne parte di lei. Lune il primo nome, calmati il secondo. Respirò profondamente, ignorando il dolore dei colpi ricevuti, fissando Kelsier negli occhi. Lui era l'Organizzazione, e l'Organizzazione poteva fare ogni cosa; sciocca nel pensare per un attimo che fosse buono, che la stimasse. Lei era un'arma, aveva ragione lui. Se non fosse stata in grado di accettare la verità come avrebbe potuto sopportare il fardello della menzogna, della crudeltà, della perdita? Lune fece di più: si accodò a Kelsier e immaginò la sua compagna morta e straziata, ai suoi piedi. Sentì il suo respiro farsi pesante, le lacrime gonfiarle gli occhi. Immaginò il proprio corpo ridotto a brandelli, dilaniato in più parti, i propri organi riversi al suolo. 

«Io. Sarò io a proteggerla d'ora in poi.»

Continuò a schivare, ma il corpo restò normale. Fu come se dopo aver vissuto nella propria mente la scena più terribile che potesse immaginare, tutto il resto fosse diventato improvvisamente più facile da sopportare, quasi insignificante. Si asciugò rapidamente le lacrime e si lasciò andare. Sentì il mostro dentro di lei domato, sotto controllo. Aveva infine capito il segreto: non uccidendo la propria emotività ma facendola scorrere nel modo giusto. Abbracciando il dolore. 

«Maestro Kelsier, grazie per il vostro aiuto. Sento di avere tutto sotto controllo. Vi prometto che sarò un'arma affilata, non avrete di che pentirvi.» 

Crudele e spietato, ma efficace. Lune sentì una profonda riconoscenza, nonostante tutto quello che lui le aveva detto. Lo guardò, nuovamente ammirata, pensando a quanto fosse difficile per un uomo in nero avere a che fare con delle guerriere come lei. Quanto fosse grande la responsabilità di doverle addestrare e aiutare a migliorarsi. Quante altre volte aveva dovuto farlo? E presa dai suoi pensieri, dalle immagini, dalla concentrazione, continuava a schivare.


Citazione:Yoki utilizzato: 80%
Stato fisico: Dolore alla caviglia destra e al fianco sinistro [Ferita Leggera]. Aspetto all'inizio instabile ma poi sotto controllo.
Stato psicologico: Kelsier la provoca in uno stato di nuova confusione, dal quale esce grazie al proprio sangue freddo e autocontrollo.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (passiva)

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
24-09-2014, 01:28 PM
Messaggio: #14
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Finalmente, Lune trovò ciò che le mancava per raggiungere la perfezione della propria Abilità. Kelsier non smise mai di osservarla attentamente e quando si rese conto del cambiamento di Lune, il suo viso cambiò completamente e il suo caldo, smagliante sorriso prese il posto dell'espressione dura di poco prima.

Basta così.

Juza e Fuudo si fermarono all'istante.

Kelsier quindi si avvicinò con grazia e agilità alla guerriera e posò i suoi profondi occhi verdi su quelli argentei e ancora un pò gonfi per le lacrime di lei; le accarezzò delicatamente una guancia e parlò con tono dispiaciuto ma in qualche modo allegro.

Ce l'hai fatta. Hai raggiunto un traguardo davvero importante, non solo per te stessa... Hai dimostrato che esiste la possibilità di controllare i mutamenti del proprio corpo nonostante tutto. Lune, brava. Spero tu sia abbastanza sveglia da aver capito che tutto ciò che ho detto, l'ho detto appositamente per colpirti psicologicamente, per permetterti di trovare l'equilibrio mentale che ti servirebbe in qualsiasi caso di pericolo. Mi rendo conto di essere stato duro, seppur per una giusta causa, ma ti chiedo di perdonarmi; mai avrei potuto far epurare una guerriera senza un motivo davvero valido e di certo, tu sei molto lontana dall'essere un fallimento.

Kelsier fece una piccola pausa, poi indietreggiò di qualche passo, eseguì un leggero inchino all'indirizzo di Lune e parlò nuovamente, con tono solenne.

D'ora in avanti, per l'eccellente risultato raggiunto, sarai conosciuta e ricordata come Lune dagli Occhi d'Argento. Porta con orgoglio il tuo nome.

Kelsier aprì la porta e fece per uscire, ma si voltò appena prima di scomparire dietro l'angolo, per aggiungere qualche parola, con il suo immancabile sorriso.

Vai a riposarti. Entro poco tutte le guerriere di Staph saranno nuovamente sparse per tutto il territorio, com'era consono fino a qualche mese fa... Stai pronta.

Poi se andò, lasciando Lune sola nella stanza scarsamente illuminata dalle candele sparse; di Juza e Fuudo non c'era più traccia.


Citazione:Hai diritto ad un post conclusivo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
24-09-2014, 01:37 PM
Messaggio: #15
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Citazione:Narrato.
Pensato.
«Parlato».

Lo seguì con gli occhi finché non se ne fu andato. Non si accorse di aver trattenuto il fiato tutto il tempo. Le emozioni scorrevano e il mostro dormiva. 

Lune dagli Occhi d'Argento?

«...»

Tutte le guerriere avevano gli occhi d'argento, pensò Lune, ma le ci volle poco a capire l'implicazione di quel soprannome. Solo lei avrebbe mantenuto il suo colore argentato per sempre. Nessun'altra. Sorrise, perché non era un fallimento, perché Kelsier l'aveva elogiata, perché finalmente sentiva in sé la forza nuova necessaria per essere una guerriera. Avrebbe protetto Camillah. Sarebbe riuscita a farlo. Ripensò a quanto fosse cambiata, a come erano diventate compagne, amiche, sorelle. Kelsier l'aveva solo provocata, ma quanto di quello che aveva detto sembrava vero alla giovane guerriera dagli Occhi d'Argento. 

Si asciugò il viso, prese la porta e guadagnò l'uscita, lasciando alle sue spalle le penombre della stanza. La accompagnavano un'aura di potere sconcertante e un desiderio rinnovato di essere grande, sempre più grande. 


Citazione:Yoki utilizzato: 80% (0% dopo qualche minuto)
Stato fisico: Dolore alla caviglia destra e al fianco sinistro [Ferita Leggera].
Stato psicologico: Soddisfatta. Serena.
Abilità usate: Percezione dello Yoki (passiva). Quicksilver (passiva).

[Immagine: Turning-the-Tides-700x393.png]

«Turning the tides.»
Trova tutti i messaggi di questo utente
24-09-2014, 01:40 PM
Messaggio: #16
RE: Lune [Majin] - Quicksilver, seconda parte
Quest di Biblioteca conclusa.
Entro breve riceverai un MP con la Valutazione. Intanto aggiorna la scheda con il nuovo capitolo.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Questa discussione è chiusa  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)