Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Questa discussione è chiusa  
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
QUEST Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
08-02-2014, 03:07 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 16-02-2014 01:31 AM da Kelsier.)
Messaggio: #1
Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Nascosto nel buio II
Again. Are you ready?

Olivia e Seayne vengono convocate all'improvviso da un adepto dell'Organizzazione e dopo esser state costrette ad equipaggiarsi di tutta fretta, vengono portate all'esterno dell'edificio di Staph; poco dopo l'adepto si allontana, dicendo alle due guerriere di attendere in quel punto. E' notte, ma fortunatamente il tempo è mite.

Pochi secondi più tardi, le due sentono una voce provenire dalla loro destra.

Seayne, numero 23. Olivia, numero 31.

Da dietro una colonna, esce una figura ammantata di grigio, con un cappuccio tirato su che mette in ombra i suoi occhi e con un mantello lungo e tagliato in modo da creare strisce che paiono essere sempre in movimento. Le maniche sono tirate su, lasciando intravedere numerose e lunghe cicatrici su entrambe le braccia del Uomo in Nero, nonostante le mani siano coperte da guanti neri. Esegue un leggero inchino verso le due, quindi ricomincia a parlare con tono sicuro, un tono che non ammette repliche.

Io sono Kelsier e sto per affidarvi la vostra prossima missione. Siete ferme da parecchie settimane, quindi immagino non vi dispiacerà sgranchirvi un pò le gambe.

Un sorriso fa capolino da sotto il cappuccio, denti candidi e perfetti, incorniciati da una barba appena incolta.

Abbiamo ricevuto una richiesta d'aiuto da parte di Durenor, una città del Centro, vicina ai confini orientali...

Fa una piccola pausa, quindi si tira giù il cappuccio, rivelando un volto parecchio avvenente e biondi capelli folti; i suoi occhi, comunque, denotano una certa apprensione.

Dovete sapere che questa è la seconda richiesta che ci arriva da questa città. La prima volta, le due guerriere mandate lì hanno fallito e... una di loro è morta.

Kelsier sbuffa leggermente, sembra quasi contrariato per qualche motivo, ma continua a parlare.

Pare che ci sia una Setta, una setta che ha a che fare le con morti e sparizioni. Per mesi non abbiamo avuto notizie o richieste, nonostante il precedente fallimento, ma ora...

Ancora una pausa, mentre i suoi occhi assumono un'espressione determinata.

Abbiamo finalmente ricevuto una nuova richiesta. Il vostro contatto si chiama Jason, una vecchia guardia della milizia. Vi incontrerete con lui alla taverna del Tasso che Ringhia.

Kelsier porta una mano in una tasca, quindi estrae un sacchetto che lancia verso Seayne.

Quelle sono soppressori di Yoki. Vi serviranno, poiché secondo le informazioni in nostro possesso, questa Setta ora ha occhi e orecchie in tutta la città, nonché un certo controllo da dietro le quinte, pare...

Un nuovo sorriso incornicia l'avvenente viso di Kelsier.

Motivo per cui, dovrete travestirvi e mantenere segreta la vostra identità. Siete state addestrate anche per questo, no? E so che almeno una di voi ha svolto compiti simili in maniera più che soddisfacente, in passato.

Kelsier attende qualche secondo, aspettando che le due guerriere assimilino bene le sue parole. Poi parla.

Ovviamente, sceglierete voi da cosa travestirvi e come nascondere il vostro equipaggiamento. Nel limite del ragionevole, si tenterà di accontentare le vostre richieste. Avete altre domande?

Turnazione:
Nardo
Sir_Alric

Citazione:Avete a disposizione tutti i post liberi che volete, fino a che lo riterrete opportuno. Potete presentarvi, discutere tra voi su ciò che volete fare, basta che facciate lo stesso numero di Post. Interverrò io quando avrete concluso o se la narrazione lo richiederà (ad esempio in caso di domande). Se avete dubbi, scrivetemi pure un MP.
Trova tutti i messaggi di questo utente
08-02-2014, 05:20 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 08-02-2014 05:30 PM da Nardo.)
Messaggio: #2
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Era passato un bel po’ di tempo dalla sua ultima missione e dall’ultimo suo duello in Arena.
Seayne aveva cercato di ingannarlo cercando di fare il possibile per incrementare almeno di un po’ la sua forza fisica. Finora i risultati erano sotto le sue attese, ma almeno aveva trovato il modo di ingannare l’attesa finché, in una notte mite, un adepto bussò alla porta della sua celletta, ordinandole di raccogliere il suo equipaggiamento completo e di seguirlo… una nuova missione probabilmente l’attendeva.
Quando fu pronta, vide che un’altra guerriera li aveva raggiunti: Seayne notò subito che era più bassa di lei, che anche lei non sembrava particolarmente robusta e che anche i suoi capelli erano lunghi (anche se non tanto quanto quelli della guerriera albina) e sembravano crescere in maniera un po’ disordinata
 
Ciao…
 
Azzardò a dire alla compagna, mentre l’adepto le conduceva all’esterno dell’edificio. L’uomo ordinò alle due di attendere e poi si congedò; l’attesa non durò a lungo…
 
Seayne, numero 23. Olivia, numero 31.
 
Disse una voce alle loro spalle, presentandole l’una all’altra
Da dietro una colonna, sbucò una figura intabarrata in un mantello grigio dalla foggia particolare che ne nascondeva buona parte del volto, ma le braccia erano scoperte, rivelando una ragnatela di cicatrici che le ricoprivano. La figura fece un leggero inchino nella loro direzione…
 
Io sono Kelsier e sto per affidarvi la vostra prossima missione. Siete ferme da parecchie settimane, quindi immagino non vi dispiacerà sgranchirvi un pò le gambe.
 
Disse loro, sorridendo leggermente prima di continuare.
 
Abbiamo ricevuto una richiesta d'aiuto da parte di Durenor, una città del Centro, vicina ai confini orientali...
 
Il supervisore fece una pausa, forse per prender fiato, tirandosi poi giù il cappuccio rivelando le fattezze di un uomo biondo e dal volto parecchio avvenente, anche se il suo sguardo appariva teso.
 
Seayne rimase per un istante sorpresa dall’aspetto dell’uomo, ma solo per un istante: per quanto bello, l’uomo non reggeva il confronto col suo amato Stephan. E poi era un supervisore e, come tale, Kelsier continuò
 
Dovete sapere che questa è la seconda richiesta che ci arriva da questa città. La prima volta, le due guerriere mandate lì hanno fallito e... una di loro è morta.
 
-Ombre!- Pensò Seayne
 
Pare che ci sia una Setta, una setta che ha a che fare le con morti e sparizioni. Per mesi non abbiamo avuto notizie o richieste, nonostante il precedente fallimento, ma ora...
Abbiamo finalmente ricevuto una nuova richiesta. Il vostro contatto si chiama Jason, una vecchia guardia della milizia. Vi incontrerete con lui alla taverna del Tasso che Ringhia.
 
Vari stati d’animo si alternarono sul volto di Mastro Kelsier, forse non aveva detto loro tutto? C’era qualcosa da nascondere? Non l’avrebbe mai saputo, quindi era meglio continuare a fare attenzione. Giusto in tempo… un sacchettò volò verso di lei e Sayne l’afferrò al volo. Il supervisore riprese:
 
Quelle sono soppressori di Yoki. Vi serviranno, poiché secondo le informazioni in nostro possesso, questa Setta ora ha occhi e orecchie in tutta la città, nonché un certo controllo da dietro le quinte, pare...
 
-Ma bene!- pensò la guerriera albina mentre Kelsier, sorridendo, continuava.
 
Motivo per cui, dovrete travestirvi e mantenere segreta la vostra identità. Siete state addestrate anche per questo, no? E so che almeno una di voi ha svolto compiti simili in maniera più che soddisfacente, in passato.
 
-E questa dev’essere la mia compagna. Bene, l’addestramento è una cosa, la realtà è un’altra e se lei si è già trovata in queste situazioni non potremo che trarne beneficio entrambe dalla sua esperienza.-
 
Alla fine Kelsier concluse:
 
Ovviamente, sceglierete voi da cosa travestirvi e come nascondere il vostro equipaggiamento. Nel limite del ragionevole, si tenterà di accontentare le vostre richieste. Avete altre domande?
 
Seayne fece un profondo respiro e poi guardò la sua nuova compagna, alla quale rivolse un lieve sorriso
 
Piacere di conoscerti Olivia! Come ha detto Mastro Kelsier io sono Seayne e ho il numero 23.
Credo molto nella collaborazione tra le compagne, perciò se durante la missione hai un’idea non aver timori nel confidarmela.
 
Fece una piccola pausa, riflettendo per un istante, un abbozzo d’idea le si stava formando in testa.
 
Per quel che riguarda noi… Ecco, io sono nata in un villaggio a nord di Pieta, un villaggio che sfruttava una miniera d’oro che si trovava nei pressi…
 
Si interruppe per un attimo, mentre la sua consueta espressione triste s’impadroniva nuovamente nel suo volto e la sua voce ogni tanto aveva un tremito
 
Io… Ecco… il villaggio è stato distrutto dagli Yoma, che sono stati uccisi da altre guerriere, solo io sono sopravvissuta ma… la miniera è ancora là, perciò ho pensato… che potremmo fingerci due che cercano volontari per riaprirla in cambio di una percentuale sullo sfruttamento in quanto noi, come donne, non dureremmo molto a lavorare in miniera.
Pensavo di portare con noi un piccolo carretto per portare le nostre cose e alcuni attrezzi tipo pale e picconi e nel quale nascondere le nostre claymore in un doppio fondo posticcio.
 
Seayne si asciugò con la mano una fugace lacrima di tristezza che stava per scapparle da un occhio, poi fece correre lo sguardo da Olivia a Mastro Kelsier, ritornando poi sulla compagna, mentre concludeva:
 
A questo punto, tutto quello che ci servirebbe, a parte il carretto, gli attrezzi e i vestiti, sarebbero un paio di piccoli pezzi d’oro e una mappa della zona di Pieta, sulla quale segnare il punto dove si trova il mio villaggio, tutto ciò per rendere credibile la finzione.
 
Fece una pausa per riprendere fiato e ricomporsi.
 
Che ne pensi, Olivia?   
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: In ansia per la risposta di Olivia. Spera che possano diventare amiche.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
11-02-2014, 06:44 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 12-02-2014 03:20 PM da Sir_Alric.)
Messaggio: #3
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:
Narrazione | Pensiero | - Parlato -


Dannazione... per quanto tempo ancora dovrò restare rinchiusa in questo luogo maledetto? Distesa supina sul letto, nella sua stanza del dormitorio delle guerriere, Olivia fissava il grigio uniforme del soffitto di pietra e continuava a ripetersi la stessa domanda, da giorni. Del resto era comprensibile. Dopo sei, interminabili, noiosissimi mesi passati ad attendere un nuovo incarico che sembrava non dover arrivare mai, la sua insofferenza verso quel posto lugubre e opprimente stava aumentando sempre di più, al punto che le veniva persino da chiedersi come diavolo avesse fatto a resistere per sette lunghi anni ad una vita tra quelle mura. Dopo aver assaporato, sia pure temporaneamente ed in maniera assai limitata, un po' di quella libertà che tanto agognava, ed aver provato la gioia di viaggiare per il mondo e vedere posti nuovi, era terribilmente difficile per Olivia rassegnarsi all'idea di essere di nuovo rinchiusa a tempo indeterminato in quella che per lei non era altro che una prigione.

Finalmente, la lunga attesa cessò quando un accolito venne a chiamarla e le ordinò di prepararsi in fretta a partire per una nuova missione. Olivia non se lo fece ripetere due volte, ed in men che non si dica fu pronta a seguire l'uomo all'esterno, dove era già scesa la notte. Si accorse subito che non era da sola, c'era un'altra guerriera lì con lei. Una ragazza alta e slanciata dai lunghi capelli bianchi come la neve del nord, con ogni probabilità la sua nuova compagna di missione. La ragazza le rivolse un saluto, al quale Olivia rispose con un sorriso ed un cenno del capo. A prima vista sembrava cordiale. Beh, se non altro non ringhiava, era già qualcosa.

Una volta arrivate a destinazione l'accolito si allontanò dicendo loro di attendere in quel punto, e dopo pochi secondi apparve da dietro una colonna l'uomo in nero..., anzi, l'uomo in grigio, che sarebbe stato il loro supervisore per quella missione. Olivia ebbe modo di osservarlo attentamente, soprattutto dopo che lui abbassò il cappuccio che in un primo momento aveva tenuto celato il suo viso. Kelsier, così aveva detto di chiamarsi. Per essere un membro dell'Organizzazione, era un tipo singolare: giovane (o almeno, dava l'idea di esserlo), avvenente, sembrava essere orgoglioso delle numerose cicatrici che portava su entrambe le braccia, o almeno questo era ciò che la ragazza dedusse dal fatto che non faceva nulla per nasconderle. Si era rivolto alle due guerriere con un inchino e un sorriso, anche se naturalmente il semplice fatto che fosse uno di loro lasciava presumere che fosse un bastardo senza cuore esattamente come tutti gli altri. Ma questo era un'altro discorso. 

Olivia ascoltò con attenzione le parole dell'uomo in nero... in grigio, mentre quest'ultimo spiegava alle due guerriere i dettagli della missione, e quando Kelsier finì di parlare, la ragazza non poté trattenersi dal sospirare. Un'altra missione sotto copertura, uh. Olivia sentiva puzza di guai. Il fatto poi che quella missione fosse già stata fallita in precedenza da altre due guerriere non era certo d'aiuto. Purtroppo non poteva farci niente, Kelsier era al corrente del fatto che lei avesse già svolto in precedenza un incarico sotto copertura per conto di Hayez, anzi, probabilmente l'aveva scelta apposta per questo. Grandioso. Mai una volta che mi capiti qualcosa di semplice. E ovviamente, ai dettagli su come travestirsi e su come portarsi dietro le armi di nascosto avrebbero dovuto pensarci loro due, che sennò era troppo facile, vero? Figlio di puttana.

Almeno la sua nuova compagna, la numero 23, Seayne, era più portata ad usare il cervello di quanto non lo fosse Andrea, il che era un'ottima cosa. Olivia non voleva ritrovarsi un'altra volta a dover pensare per due. Inoltre, la ragazza le disse anche di credere molto nella cooperazione tra compagne e la spronò per questo ad esprimere senza timori qualunque idea le venisse in mente. Seayne, dal canto suo, fece una proposta: spacciarsi per proprietarie di una miniera d'oro abbandonata nel nord, situata poco lontano dalle rovine del suo villaggio natale, e presentarsi a Durenor con un carro e degli attrezzi da scavo, con il pretesto di reclutare minatori dietro la promessa di una percentuale sui guadagni derivanti dall'estrazione dell'oro dalla miniera stessa.


- Il piacere è mio, Seayne - Disse Olivia, in tono cordiale, in risposta al saluto rivoltole dalla compagna. Poi, dal momento che Seayne le aveva chiesto un'opinione sulla sua idea, la ragazza si prese qualche secondo per rifletterci su, dopodichè rispose: - Ad essere onesta, mi pare una copertura poco credibile. Perchè due donne che desiderano riaprire una miniera situata nelle terre del nord, dovrebbero andare a cercare volontari proprio a Durenor? Nelle terre di Alfonse non ci sono uomini in cerca di lavoro, e per di più già abituati al rigido clima del nord? E inoltre, siamo sicure che a Durenor ci siano persone disposte ad abbandonare casa e famiglia per andare all'avventura in una terra sconosciuta? - disse Olivia, che poi aggiunse - Secondo me dovremmo fare qualcosa di più semplice. Ad esempio, potremmo dire che siamo due pellegrine partite da un villaggio dell'estremo est per raggiungere la città Santa di Rabona, e che abbiamo deciso di fermarci per qualche giorno a Durenor per riposarci dopo la fatica della traversata del deserto. In quanto pellegrine potremmo portarci dietro un qualche oggetto da donare come offerta alla Chiesa di Rabona, magari grande abbastanza da nasconderci dentro le nostre spade. Ho già usato un trucco simile nella mia precedente missione, e ha funzionato. - Si, aveva funzionato. Almeno finché non si era lasciata prendere la mano e aveva distrutto la statua nel bel mezzo di una sala da ballo gremita di nobili. Ma questi erano dettagli. Al momento, ad Olivia interessava conoscere la risposta di Seayne, perciò la osservò in silenzio in attesa delle sue parole...




Citazione:
Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Inizialmente felice di avere finalmente un nuovo incarico, si scopre poi perplessa e anche un po' seccata nello scoprire che si tratta di un'altra missione sotto copertura.
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).



 

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
12-02-2014, 03:55 PM
Messaggio: #4
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Seayne rispose con un timido sorriso e un cenno del capo al saluto di Olivia, poi ascoltò con attenzione le parole della compagna che sottolineavano i punti deboli della sua idea prima e che avanzavano una nuova proposta poi. A dirla tutta, l’idea di Olivia non le dispiaceva affatto ma, prima di dichiararsi d’accordo, la guerriera albina voleva chiarire ancora dei punti con la compagna di missione quindi, rivolgendosi a lei, con franchezza le disse:
 
Trovo che la tua idea non sia male, Olivia, ma ho ancora un dubbio… La mia idea, migliorabile finché vuoi, era mirata a fare da esche per gli emissari di quella setta: due ragazze apparentemente indifese, delle quali non importa nulla a nessuno, alla ricerca di un aiuto concreto e in possesso di qualcosa che potrebbe rimpinguare le tasche dei loro adepti… insomma, volevo tentare di forzare la mano alla setta, pensando che potrebbero scoprirsi troppo e commettere quindi un errore del quale avremmo potuto approfittarne.
Come dicevo, fingerci delle pellegrine dirette a Rabona mi sembra comunque un’idea altrettanto valida, solo che temo che ci metteremmo più tempo e queste…
 
Seayne fece saltellare un paio di volte sulla sua mano il sacchetto con i soppressori dello Yoki
 
… non dureranno a lungo. Perciò ti chiedo, secondo te è meglio cercare di forzare la mano alla setta, magari pensando a una proposta diversa dalla mia, oppure cercare di agire in maniera più defilata?
 
Seayne a quel punto tacque, come se attendesse la risposta di Olivia ma, prima di azzittirsi del tutto, rivolgendo un leggero sorriso alla compagna,concluse:
 
E non credere che tutti coloro che non hanno un lavoro al nord si precipiterebbero a lavorare in miniera: il lavoro è duro e pericoloso, fa molto, molto freddo soprattutto d’inverno, ci sono gli animali selvatici che, quando hanno fame non si fanno scrupoli ad attaccare anche gli uomini. Il mio stesso villaggio non aveva neanche un nome, era un piccolo gruppo di case nella quale vivevano i minatori con le loro famiglie…
 
Il sorriso di Seayne svanì come neve al sole al ricordo del suo villaggio, per essere rimpiazzato dalla sua oramai abituale espressione triste…
 
Per… per questo nella finzione che avevo in mente, volevo portare avanti l’idea che, nelle terre centrali, ove in teoria si possono trovare persone provenienti da tutti gli angoli di questa terra, ci potessero essere degli avventurieri disposti a rischiare per riempirsi le tasche… almeno finché non sapranno cosa li aspetta, in realtà!
 
Seayne fissò Olivia… Ora toccava a lei dire la sua.
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Attende la risposta di Olivia. Rattristata dal ricordo del suo villaggio natìo.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
12-02-2014, 09:37 PM
Messaggio: #5
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:
Narrazione | Pensiero | - Parlato -

- Non ho mai detto che tutti gli uomini del nord che non hanno un impiego sono ansiosi di lavorare in una miniera. Ho detto che, volendo rimettere in funzione una miniera che si trova in quelle terre, sarebbe più logico cercare volontari tra la gente del posto, già abituata ai rigori del clima, piuttosto che tra persone che vivono a centinaia di miglia di distanza. - Precisò Olivia, dato che la sua nuova compagna sembrava aver frainteso il senso delle sue parole. - Voglio dire, immagina di essere un abitante di Durenor, e di trovarti di fronte a due sconosciute giunte dall'est che affermano di essere venute proprio a cercare volontari per riaprire una miniera che si trova dall'altra parte del continente. Davvero crederesti ad una simile storia? Io ne dubito. - Spiegò la ragazza, per chiarire ulteriormente il suo pensiero. - Naturalmente, con questo non voglio certo dire che la mia idea invece è perfetta e funzionerà sicuramente. Solo, che come menzogna mi sembra già più credibile. - Aggiunse poi, mettendo le mani avanti. Non voleva rischiare di sembrare arrogante. - In più, non credo che il denaro sia un problema. Non conosco i dettagli di ciò che sta accadendo a Durenor e potrei sbagliarmi, ma penso che se la richiesta di aiuto è stata inviata all'Organizzazione, allora questo vuol dire che qualcuno ritiene che dietro questa Setta ci siano degli Yoma, altrimenti non avrebbero chiamato noi. Se è così, ai nostri avversari non importerà quanto sono piene le nostre tasche, ma solo che sapore hanno le nostre budella. - Proseguì Olivia - Inoltre... - Indicò con l'indice della mano sinistra il sacchetto con le pillole per la soppressione dello Yoki che Seayne teneva in mano -... l'effetto di una di quelle pillole dura circa dodici ore, lo so perché le ho già usate. Quindi, ci bastano quattro pillole per essere entrambe a posto per un giorno intero. Ora, non so quante ce ne siano in quel sacchetto, ma se temi siano poche allora possiamo chiedere al Maestro Kelsier... - Spostò lo sguardo sull'uomo in grigio, prima di riportarlo su Seayne -...di darcene ancora. Sarebbe una richiesta ragionevole, ritengo. - Concluse. Di nuovo, Olivia cedette la parola alla sua compagna...



Citazione:
Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Tranquilla.
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).
 

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
13-02-2014, 11:16 PM
Messaggio: #6
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Ancora una volta Seayne ascoltò con attenzione le parole e i commenti di Olivia senza interromperla. La guerriera albina temeva che, se la discussione si fosse protratta ancora a lungo, si sarebbe potuta innescare un po’ di tensione con la sua compagna e questo Seayne non lo voleva di certo…
 
-E poi, devo ammettere che la sua idea mi pare più sensata della mia inoltre, se Mastro Kelsier ha detto che ha già svolto missioni di questo tipo, la sua esperienza conterà pure qualcosa no?-
 
Così, Seayne rifletté ancora un attimo, con le braccia conserte e un’espressione seria sul viso, poi si rivolse alla compagna e, con voce gentile, le disse:
 
D’accordo Olivia, seguiremo la tua idea. Ammetto che la mia proposta era forse un po’ troppo… complicata per essere efficace, ci sarebbero stati troppi particolari stonati da mettere a posto e il tempo non è dalla nostra parte. A proposito, parlando di particolari…
 
La guerriera si rivolse direttamente al loro supervisore
 
… Mastro Kelsier, avete detto che due nostre compagne avevano già provato a stanare quella setta ma che non ci sono riuscite e che una è morta. La compagna sopravvissuta immagino avrà fatto rapporto, è dunque riuscita a scoprire qualcosa? Un particolare, un indizio, qualcosa da cui iniziare a indagare una volta che saremo là, a parte parlare col nostro contatto?
 
Mentre parlava, le venne in mente un piccolo, ma per lei importante particolare: erano dirette alle terre centrali e, nelle terre centrali si trovava la città santa di Rabona…
 
Oh! Signore, visto che siamo dirette alle terre centrali e, come probabilmente saprete, ho avuto qualche problema laggiù, non vorrei correre il rischio che, visto che la setta è ben radicata, possano aver avuto informazioni sul mio conto e possano riconoscermi anche se prenderò le pillole…
 
Seayne, soffocando la rabbia che quel ricordo sempre le provocava, prese in mano una ciocca dei suoi lunghi capelli candidi
 
Perciò vorrei includere nella richiesta, se fosse possibile, una mistura per tingermi i capelli per un po’ di tempo.
 
Poi, mentre attendeva le risposte della compagna e del loro supervisore, Seayne aprì il sacchetto con le pillole per la soppressione dello Yoki e se le fece cadere in mano, con lo scopo di contarle, tenendole in modo che anche Olivia potesse vederle.
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Attende le risposta di Olivia e Kelsier. Innervosita dal ricordo dei fatti di Rabona.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
14-02-2014, 01:17 AM
Messaggio: #7
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:
Narrazione | Pensiero | - Parlato -


Heh. Stavo per suggerirle la stessa cosa. Pensò Olivia, lasciandosi sfuggire un mezzo sorriso, quando udì Seayne chiedere a Kelsier una tintura per i capelli. In effetti, il colore dei capelli di Seayne era troppo inconsueto per non dare nell'occhio, ragione per cui Olivia aveva proprio avuto l'intenzione di suggerire alla compagna di tingerli, o di nasconderli sotto a una parrucca, o di coprirli con un velo, alla peggio. Tuttavia, dato che Seayne ci aveva pensato da sola a quel particolare, la ragazza si limitò ad annuire in segno di approvazione. Inoltre, la compagna aveva posto anche un'altra domanda molto interessante riguardo alla missione. Certamente, le due compagne inviate in precedenza, pur avendo fallito la missione, avrebbero dovuto scoprire almeno qualcosa. E se lo avevano scoperto loro, allora lo sapeva anche l'Organizzazione. Olivia era curiosa di sentire cosa avrebbe risposto l'uomo in nero... in grigio, perciò rimase in silenzio ad aspettare. Sperando che il bastardo si degnasse di rispondere, ovvio. Nel frattempo, si sarebbe crogiolata nella soddisfazione per aver convinto Seayne a fare a modo suo. Oh, e avrebbe anche contato le pillole, naturalmente.




Citazione:
Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Tranquilla. Soddisfatta di aver convinto Seayne. Curiosa di ascoltare la risposta di Kelsier, ammesso che ce ne sia una. 
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).
 


 

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
14-02-2014, 02:34 AM
Messaggio: #8
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Kelsier ascoltò con attenzione la discussione tra Seayne e Olivia, mentre il suo sorriso faticava vistosamente a non trasformarsi in una risata. In effetti, quando Seayne si rivolse a lui con una domanda, la risata saltò fuori, genuina, senza alcuna traccia di presa in giro nei confronti delle due guerriere. L'uomo in nero parlò, dopo essersi ricomposto un minimo, mantenendo comunque un caldo sorriso.

Scusatemi, scusatemi. Rido perché mi sono davvero divertito a sentire le vostre idee, davvero. Prima di parlare di quello, risponderò alla tua domanda, Seayne.

Il suo sguardo si fece più serio.

Purtroppo, tutte le informazioni che possediamo attualmente sono quelle che vi ho detto. Le due guerriere mandate precedentemente, fallirono la loro missione senza scoprire nulla più di quello che già vi ho detto. Avrete sicuramente altre informazioni dal vostro contatto, Jason.

L'avvenente Kelsier ricominciò a sorridere e il suo tono tornò allegro.

Ragazze, sentire le vostre originali idee è stato divertente, ma vi chiedo scusa, vi ho mentito. Avevo già deciso tutto io, volevo solo sentire se per caso una di voi due avrebbe avuto la stessa idea.

L'uomo in nero sollevo un sopracciglio, senza smettere di sorridere, quindi parlò in tono solenne.

Vi travestirete da giovani cortigiane! O se vogliamo essere un pochino più volgari, sarete prostitute d'alto borgo; o meglio, farete finta di esserlo.

Kelsier osservò per qualche secondo le espressioni delle due, quindi continuò.

Quel sacchetto contiene 24 pillole, ma se pensate di aver bisogno di una maggiore quantità, si può fare. E sì, Seayne, colorare i vostri capelli era già nei piani, per cui la tua richiesta sarà esaudita.

Il suo volto mantenne l'allegria, ma il suo tono di voce si indurì.

Ora partirete verso Nord e farete scalo alla cittadina di Holmgard, a circa due giorni di cammino da qui. Lì, sarete preparate da donne e uomini pagati da noi, che vi forniranno anche un mezzo di trasporto, vestiti degni del vostro ruolo e dei grossi bagagli, in cui potrete nascondere il vostro equipaggiamento.

Si avvicinò quindi alle due guerriere, mettendo le mani sulla spalle delle due. Il suo sguardo era sì divertito, ma anche determinato e sicuro.

Mi raccomando. Questa situazione è delicata, perché abbiamo perso una guerriera e abbiamo fallito un lavoro assegnatoci... Non sono ammessi fallimenti. Siete addestrate anche per queste cose, per cui... siate credibili. E discrete. Potete scegliere dei nomi falsi se volete.

Detto ciò, consegnò un sacchetto a Olivia.

Ora avete un totale di 48 pillole. Fate in modo che vi bastino. D'altronde, non vorrete trasferirvi lì per sempre, vero?

Kelsier cominciò quindi ad allontanarsi con passo fluido e aggraziato, tirandosi su nuovamente il cappuccio e sparendo poco dopo alla vista delle due. La sua voce però rimbombò poco dopo.

Jason vi darà tutte le informazioni di cui dispone. Lo riconoscerete per una benda nera legata al braccio destro. Vi dovrete far riconoscere da lui dicendo "a tutto c'è rimedio fuorché alla morte". Andate e buona fortuna!

Tutto qui? A quanto pareva, sì. Le due compagne, potevano quindi partire alla volta di Holmgard.


Turnazione Invariata.


Citazione:Avete a disposizione 2 turni a testa, dove potrete descrivere una vostra eventuale reazione e il vostro viaggio verso Holmgard. Tenete conto dell'ambiente tipo delle Terre dell'Est e concludete arrivando in vista delle mura della città. Se decidete di far socializzare tra loro le vostre PG o comunque se ne sentite il bisogno, mandatemi un MP, che vi concedo i Turni in più di cui potreste aver bisogno.
Trova tutti i messaggi di questo utente
15-02-2014, 04:28 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 15-02-2014 04:32 PM da Nardo.)
Messaggio: #9
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[
-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]
 
Il capo aveva parlato, non c’era altro da dire. Nonostante lo scambio di idee tra lei e Olivia, il piano per intrufolarsi nella città di Durenor era già bello che pronto, rendendo futile quella discussione… non restava che partire.
 
-Credo proprio che non li capirò mai i nostri superiori ma, del resto, a che servirebbe? Loro ci danno gli ordini, noi li eseguiamo. Punto e basta…-
 
In realtà quei pensieri non erano del tutto sinceri. Per quanto si sforzasse, Seayne non era ancora capace di accettarli senza sentirsi un po’ infastidita. Certo, il suo autocontrollo in tal senso era molto migliorato ma qualcosa, in fondo al suo animo, non smetteva ancora di agitarsi quando si trovava messa in mezzo a situazioni che, sotto sotto, non gradiva, come la storia delle… cortigiane, per esempio.
Era vero che, come tutte le guerriere, era stata addestrata ad arrangiarsi anche in una situazione come quella, ciò non toglieva che Seayne preferiva di gran lunga le missioni a volto scoperto.
 
-Tuttavia, che mi piaccia o no, questa è la situazione e non posso di certo cambiarla, perciò facciamo buon viso a cattiva sorte e andiamo avanti!-
 
Sospirando, Seayne rimise le pillole nel sacchetto e se lo agganciò al fianco, dopodiché si stirò, incrociando le mani e alzando le braccia tese sopra la sua testa, rizzandosi sulle punte dei piedi e inarcando leggermente la schiena all’indietro, quindi si preparò a mettersi in marcia.
 
Andiamo Olivia? Non ci rimane altro da fare qui!
 
Le disse, iniziando a incamminarsi verso Holmgard, regolando il suo passo a quello della compagna, un po’ più bassa di lei, apprezzando il fresco della notte nel deserto e, come sempre faceva quando partiva da Staph, Seayne cercava di distrarsi osservando l’ambiente circostante: la vita trovava il modo di andare avanti anche in un ambiente ostile come il deserto; piccoli animaletti che scappavano alla loro vista, il latrato lontano di qualche animale solitario, il verso sommesso di qualche occasionale rapace notturno che si faceva sentire da qualche roccia a cui il vento e la sabbia avevano conferito una forma strana e bizzara… Seayne aspettò che il quartier generale fosse fuori vista, si fermò girandosi verso la compagna, poi si rivolse a lei, cercando di assumere un'espressione mite:
 
Bene, eccoci qui! Mastro Kelsier ha già fatto le presentazioni, ma penso sia cortese farlo di persona: io sono Seayne e, come ti ho già detto, preferisco di gran lunga collaborare assieme alle mie compagne, piuttosto che impormi facendo valere il mio grado. Le nostre vite potrebbero dipendere l’una dall’altra, perciò spero che impareremo a conoscerci e a fidarci a vicenda. Come ti ho anche detto, se hai un’idea non tenerla per te, a volte vedere le cose da un’altra prospettiva potrebbe rivelarsi utile.
 
Seayne a quel punto tacque, attendendo l’eventuale risposta di Olivia. In cuor suo sperava veramente di poter instaurare un buon rapporto con la compagna, per il bene di entrambe…


Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Leggermente infastidita dall’atteggiamento di Kelsier, si sforza per dominare quel sentimento. Spera di riuscire a costruire un buon rapporto con Olivia.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-02-2014, 04:31 PM
Messaggio: #10
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:
Narrazione | Pensiero | - Parlato -

La risposta di Kelsier lasciò Olivia attonita, e anche un po' contrariata. Ma che cavolo! Se l'uomo in grigio aveva già pianificato ogni cosa nei minimi particolari, perché diamine non l'aveva detto subito? Perché lasciarle scervellare inutilmente, se aveva già bella che pronta la soluzione? Solo un suo capriccio, tanto per farsi due risate? Bah. Il bastardo pensa di essere divertente. Pensò la ragazza, sforzandosi di restare impassibile per non lasciar trapelare la sua irritazione. Comunque, se non altro ora avevano un (altro) piano. Certo, l'idea di fingersi una prostituta non le faceva fare i salti di gioia, soprattutto perché il bizzarro comportamento dell'uomo in grigio le aveva fatto venire il sospetto che egli avesse scelto quella particolare soluzione più per il suo divertimento che per un'effettiva necessità, ma sapeva perfettamente che era inutile anche solo pensare di protestare: se Kelsier aveva deciso così, allora quello era quanto. Punto. Non c'era altro da dire.

A quel punto, dopo aver preso il secondo sacchetto di pillole per la soppressione dello Yoki consegnatole dall'uomo in grigio, Olivia rivolse un cenno di assenso alla compagna e si incamminò dietro di lei senza dire una sola parola. In quel momento voleva soltanto allontanarsi da Staph il prima possibile. Quando però furono per strada, con la tetra fortezza dell'Organizzazione che diventava via via sempre più piccola alle loro spalle man mano che si allontanavano, l'umore di Olivia migliorò notevolmente, tanto che si mise a fischiettare allegramente mentre ammirava lo (scarno) panorama desertico delle terre dell'est. Dopo sei mesi di "prigionia" a Staph, finalmente poteva di nuovo viaggiare! Era ora, dannazione. Ad un certo punto, Seayne decise di presentarsi... di nuovo. Olivia aggrottò un sopracciglio, ma poi decise di fare finta di nulla. Magari se lo era semplicemente dimenticato. - E io, ma questo già lo sai, mi chiamo Olivia. Apprezzo molto quello che hai detto, condivido ogni parola. Da parte mia, ti prometto fin d'ora che mi impegnerò al massimo per contribuire al successo di questa missione, perciò conta pure su di me. - disse sorridendo, e parlando in tono molto cordiale. - Per adesso, pensiamo a raggiungere Holmgard. Una volta lì, vedremo il da farsi, d'accordo? - aggiunse. Dopodichè, attese un'eventuale reazione di Seayne. Nel frattempo, riprese a fischiettare...



Citazione:
Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Tranquilla. Inizialmente sbigottita e irritata per la risposta di Kelsier, le torna il buon umore appena si allontana da Staph.
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).

 

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-02-2014, 11:35 PM
Messaggio: #11
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Olivia le rispose con un apprezzamento e con la promessa di impegnarsi al massimo per la buona riuscita della missione. La compagna sembrava impaziente di proseguire verso Holmgard…
 
Va bene, andiamo Olivia. Prima ci arriviamo, prima potremo iniziare con questa missione!
 
Quindi si rimise alla via, mentre Olivia si mise a… fischiare? Sì, era proprio un allegro fischiettio quello che usciva dalle sue labbra… Era la prima volta che udiva una ragazza fischiettare e, a pensarci bene, Olivia lo aveva fatto anche prima di quello scambio di battute, ma la guerriera albina, persa nei suoi pensieri mentre osservava l’orizzonte, non ci aveva fatto caso.
Il motivetto fischiato dalla compagna, a poco a poco, fece breccia nella triste nebbia che avvolgeva l’animo di Seayne, riuscendo alla fine a strapparle un sorriso…
 
-Olivia sembra piena d’entusiasmo, inoltre sembra una ragazza molto sveglia… è una buona cosa! Dovrò fare del mio meglio anch’io se voglio guadagnarmi il suo rispetto!-
 
Così Seayne si fermò e attese che Olivia si rimettesse al passo ma, rispettosamente, non volle interrompere quell’attimo di allegria che la compagna si concedeva anzi, cercò di apprezzarlo lei stessa, attendendo finché Olivia non si fosse mossa…
 
-E speriamo che continui con il suo motivetto ancora per un po’, lungo la strada!-
 
Tuttavia, il tempo passava e la missione incombeva, per cui era intenzione di Seayne continuare la strada di buon passo, concedendo a sé e alla compagna qualche piccola sosta ogni tanto per riposare un po’.
Seayne non conoscendo ancora bene Olivia, esitava ad iniziare una conversazione, tuttavia le avrebbe risposto volentieri, se la compagna avesse desiderato parlare, finché non fossero giunte in vista delle mura di Holmgard.   
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale.
Stato Psicologico: Rallegrata dall’atteggiamento di Olivia. Impaziente di arrivare a Holmgard e iniziare.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
21-02-2014, 01:46 PM
Messaggio: #12
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:
Narrazione | Pensiero | - Parlato -


La conversazione tra lei e Seyane finì lì. La compagna non ritenne di aggiungere altro, e anche Olivia, da parte sua, decise di non importunarla. La ragazza tornò quindi a godersi quel suo scampolo di libertà: doveva approfittarne finché poteva, dato che ben presto sarebbe stata fin troppo impegnata a recitare la parte della battona (come richiedeva la copertura per la sua nuova missione) per avere tempo di apprezzare la semplice gioia di camminare all'aria aperta. Olivia si limitò dunque a seguire Seayne, stando attenta a mantenere l'andatura della compagna per non restare indietro, senza dire una parola. Tuttavia, continuò a fischiettare allegramente. Eccome se lo fece. Non durante tutto il tragitto, e non sempre lo stesso motivetto, però, altrimenti si sarebbe resa alquanto fastidiosa e non era suo desiderio. 



Citazione:Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Allegra. Fischietta mentre marcia verso Holmgard.
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
25-02-2014, 03:09 PM
Messaggio: #13
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]

Le due guerriere non si abbandonarono a frivole chiacchiere e procedettero spedite per la prima parte del loro viaggio, che le portò in breve tempo in vista delle mura di Holmgard.

~

La città è enorme, si trova al confine tra le terre dell'Est e quelle del Nord e sorge sulla confluenza di due fiumi, Eledil e Unoram. Dopo essersi avvicinate ulteriormente, le due compagne poterono rendersi conto dell'imponenza delle mura e videro che ai grossi cancelli aperti era presenti molte persone in fila; attendevano l'entrata in città.

Un bassa figura pelata notò le due guerriere e corse loro incontro, agitando la mano in segno di saluto. Arrivato vicino, cominciò a parlare velocemente e con tono nervoso, nonostante la faccia fosse paonazza per la corsa.

Buongiorno! Buongiorno! Voi siete le due guerriera mandate dal Maestro Kelsier! Cioè, è una domanda. Lo siete? Ma sì, certo che lo siete!

Fece una piccola pausa, in cui riprese fiato appoggiando le mani sulla ginocchia e le guerriere poterono osservarlo meglio. Anche se pelato, questo piccolo uomo era riccamente vestito e con una leggera barba curata, cui facevano da contorno alcuni orecchini preziosi e collane meravigliose.

[Immagine: snfddw.jpg]

Il mio nome è Bernard Michael Morhaime II e sarete mie ospiti fintantoché i preparativi per il vostro viaggio non saranno ultimati. I vostri nomi, per cortesia?

Le mani linde e fin troppo curate di Bernard si sfregavano l'una con l'altra, provocando leggeri tintinnii dovuti ai molti anelli preziosi presenti nelle sue dita.


Turnazione:
Nardo
Sir_Alric
Trova tutti i messaggi di questo utente
26-02-2014, 10:22 PM
Messaggio: #14
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Fu così che, accompagnate dagli allegri trilli di Olivia, le due guerriere giunsero infine in vista della confluenza di due fiumi, ove sorgevano le imponenti mura di Holmgard…
 
-Sembra molto grande come città, del resto è al confine tra Est e Nord e ci passerà molta gente…-
 
L’attenzione della guerriera albina si concentrò quindi sulla fila di persone che attendevano il loro turno per entrare in città… Seayne si incamminò in quella direzione e disse alla compagna, con una punta di ironia nella voce:
 
Andiamo Olivia… Chissà, se si scansano come fanno sempre potremmo risparmiare un po’ di tempo per entrare in città!
 
Fatti pochi passi però, una figura bassa e calva corse loro incontro, rivolgendo loro nel contempo un cenno di saluto con la mano. Seayne la vide e si fermò, permettendogli in breve di raggiungerle…
 
Buongiorno! Buongiorno! Voi siete le due guerriera mandate dal Maestro Kelsier! Cioè, è una domanda. Lo siete? Ma sì, certo che lo siete!
 
Disse l’omino ansante per la corsa, cosa che svuotò ancora di più i suoi polmoni e lo costrinse a fermarsi per riprendere fiato. Seayne ne approfittò per osservarlo meglio: anche se piccolo e pelato, l’uomo appariva curato nell’aspetto e ostentava delle ricche vesti e dei gioielli che avrebbero fatto l’invidia di più di una dama…
 
-Un facoltoso mercante? Oppure una persona che gode di una certa influenza in citta? Non mi aspettavo che il contatto dell’Organizzazione fosse una persona del genere!-
 
Per un attimo disorientata da quell’individuo, d’istinto Seayne si guardò rapidamente attorno per vedere se quella piccola conversazione tra due guerriere che, di solito, non passano certo inosservate, e l’uomo riccamente adornato avesse attirato l’attenzione di qualcuno, mentre l’interlocutore, ripreso fiato, continuava…
 
Il mio nome è Bernard Michael Morhaime II e sarete mie ospiti fintantoché i preparativi per il vostro viaggio non saranno ultimati. I vostri nomi, per cortesia?
 
Chiese loro l’omino, sfregandosi le mani e facendo tintinnare gli anelli che ne ornavano le dita. Seayne riportò la sua attenzione su di lui e, cominciando a rispolverare gli insegnamenti sul modo di comportarsi ricevuti a Staph così, tanto per ripassare la lezione, scostò con una mano all’indietro i capelli che le ricadevano scompostamente sul volto, raddolcì lo sguardo, accennando un sorriso e poi, portandosi la mano destra al petto e chinando quindi leggermente la testa in segno di saluto, gli rispose:
 
Buongiorno a voi, Mastro Bernard! Noi siamo le guerriere mandate dal Maestro Kelsier! Il mio nome è Seayne e vi ringrazio per la vostra ospitalità!
 
Disse educatamente la guerriera albina, lasciando alla compagna libertà di presentarsi come desiderava, non sembrandole educato parlare anche per lei…
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Disorientata per alcuni istanti dal fatto che il contatto dell’Organizzazione sia una persona diversa da quel che si aspettava. Inizia a utilizzare le “lezioni” ricevute durante l’addestramento.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
01-03-2014, 10:20 PM
Messaggio: #15
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:Narrazione | Pensiero | - Parlato -

Le due guerriere non impiegarono molto a giungere dinnanzi alle imponenti mura di Holmgard. Wow, è davvero enorme! Non avevo mai visto una città così grande, prima d'ora. Pensò Olivia, osservando quella che era la prima tappa del loro viaggio con genuino stupore. Era vero, in effetti la città dove aveva sostenuto la prova finale del suo addestramento (ovvero l'unica altra città che ricordasse di avere mai visto in tutta la sua vita) non si avvicinava nemmeno lontanamente alle dimensioni di questa. 

Davanti ai cancelli c'era una lunga fila di persone che attendevano il loro turno per poter entrare in città, ma ciò nonostante Seayne si incamminò senza esitare in quella direzione, affermando con una punta di ironia che se quelle persone si fossero scansate per timore vedendo arrivare le due guerriere, come a suo dire facevano sempre, allora questo avrebbe permesso loro di risparmiare un bel po'di tempo. Olivia seguì la compagna, curiosa di vedere se la sua previsione si sarebbe rivelata azzeccata oppure no. Da parte sua, per quel poco di esperienza che aveva avuto nel trattare con i civili, non le era sembrato che fossero particolarmente spaventati da lei, anzi. 

Tuttavia, non fu necessario mettere alla prova la reazione della folla. Fatti pochi passi infatti, un'ometto calvo notò le due guerriere e corse loro incontro. Heh. Quest'uomo di sicuro non se la passa male. Pensò Olivia, osservando l'aspetto opulento dell'uomo: i ricchi abiti, i gioielli, la barba e le unghie ben curate, lasciavano ben pochi dubbi sul fatto che fosse ricco sfondato. L'Uomo, che si presentò come Bernard Michael Morhaime II (un nome da aristocratico, anche se alla ragazza dava più l'idea di essere un ricco mercante), disse loro che le avrebbe ospitate finchè non fossero state pronte per riprendere il loro viaggio verso Durenor, la loro vera meta, e chiese i loro nomi. Olivia attese che Seayne si presentasse, dopodichè fece lo stesso: - Ed io invece sono Olivia, al vostro servizio. - Disse sorridente, parlando in un tono cordiale. A quel punto, attese semplicemente la reazione di Mastro Bernard. 



Citazione:
Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: E' ancora di buon umore. Tranquilla.  
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
02-03-2014, 03:20 PM
Messaggio: #16
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Oh, bene! Bene!

Bernard sfoggiò il suo miglior sorriso, non smettendo di sfregarsi nervosamente le mani, quindi fece cenno alle due guerriere di seguirlo.

Andiamo, andiamo! Con me non avrete problemi a passare, sì, sì! Nessun problema.

In effetti, lo strano trio passò tranquillamente a fianco della lunga fila di persone, accorgendosi di qualche sguardo irritato, ovviamente, di alcuni di quelli che attendevano pazientemente di entrare in città; arrivarono a fianco del grosso portone di legno aperto e, dopo essere state squadrate per qualche secondo da delle sospettose guardie in leggere armature di cuoio, passarono senza problemi, seguendo il basso uomo pelato che quasi non rallentò nemmeno.

Ed eccoci, benvenute a Holmgard!

Una volta entrate, Seayne e Olivia poterono osservare con meraviglia ciò che si prospettò loro davanti.

[Immagine: 1zy80uv.jpg]
Immagine esplicativa, la neve non c'è in realtà.

Colori, gioielli, cibi, mercanti, bambini che giocavano, tutto questo nello stesso posto, in un turbinio di odori e rumori che avrebbero potuto stordire qualcuno che non fosse mai entrato in un città così affollata prima d'allora. Bernard pareva muoversi con una naturale grazia in mezzo ad una folla del genere e le due guerriere non ebbero problemi a seguirlo, anche perché lui si fermò spesso per permettere alle due di ambientarsi; la cosa interessante era che nessuno pareva dare grande importanza alle due streghe dagli occhi d'argento, almeno ad una prima occhiata.

Se avessero osservato con attenzione, Seayne e Olivia avrebbero notato che ovviamente avevano attirato più di uno sguardo su di esse, qualcuno aveva pure indugiato, ma in nessuno di quegli sguardi avevano potuto vedere il naturale timore che normalmente si avrebbe avuto per loro, al massimo una sorta di diffidenza.

Coraggio, coraggio! Siamo solo ancora alle mura esterne!

In effetti le due guerriere poterono notare che oltre un piccolo fiume, sormontato da almeno quattro grossi ponti, si trovavano altre mura.

Là dentro c'è la vera Holmgard! E lì è dove andremo! Sì, sì!

Un certo orgoglio permeava la stridula voce di Bernard, mentre parlava alle due guerriere della sua città.

Ecco, sì! Passeremo dalla Piazza di Vinas! Vi piacerà, ne sono sicuro! Eh, per forza! Sì!

Dopo circa mezz'ora di camminata, in cui videro ogni tipo di merce in vendita, Seayne e Olivia superarono anche il ponte che passava sopra al fiume e, passate attraverso il secondo portone di legno, rimasero meravigliate da ciò che si trovarono davanti. Una magnifica piazza, completamente lastricata in marmo rosa si estendeva per almeno qualche centinaio di metri; intorno, erano presenti belle case a due, tre, quattro piani, tutte finemente lavorate e sgargianti, chiaramente abitate dai più agiati.

Ecco, ecco! Ancora poco e siamo arrivati!

Bernard era chiaramente soddisfatto con sé stesso per la bellezza di quella piazza, quasi come se fosse una sua creazione.

Camminarono ancora qualche minuto, quindi arrivarono davanti ad una grossa casa a tre piani di color mogano. L'entrata consisteva in un'elegante trio di colonne che sostenevano un tettuccio finemente intagliato, sotto cui c'era un portone di legno pregiato, aperto. A fianco, si trovava un alto uomo distinto, leggermente inchinato e con dei buffi baffetti incurvati all'insù; vestito in modo elegante, si rivolse a Bernard.

Padron Bernard, bentornato. I preparativi sono ultimati, è tutto pronto in giardino.

Bernard avanzò con passo sicuro, annuendo energicamente con la testa.

Bravo Alfred! A volte sei fin troppo efficiente, sì, sì! Queste sono Seayne indicò la guerriera dai lunghi capelli e lei è Olivia. Occupati di loro e dei loro bisogni, poi quando saranno pronte, illustra loro le istruzioni del Maestro Kelsier.

Alfred si inchinò appena di più.

Come desiderate. Lady Seayne, Lady Olivia, il mio nome è Alfred e sarò a vostra disposizione fino alla vostra partenza.

Bernard sorrise nervosamente, quindi eseguì un leggero inchino verso le due guerriere.

Bene, bene, ora posso tornare ai miei affari. Seayne, Olivia, ci rivedremo più tardi. Casa mia è a vostra disposizione e Alfred provvederà a voi. Buona giornata. Sì, certo!

Detto ciò, il basso uomo pelato si dileguò, lasciando le due sole con Alfred. L'uomo rimase fermo in attesa delle due, in silenzio. Cosa avrebbero chiesto o fatto le due compagne?


Turnazione:
Nardo
Sir_Alric
Trova tutti i messaggi di questo utente
03-03-2014, 10:45 PM
Messaggio: #17
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Seayne, se si esclude qualche occasionale visita a Pieta assieme ai suoi genitori, non era mai stata davvero in una grande città… La stessa Scramen, la città degli attori, dove si era recata per il suo test, l’aveva vista soltanto dall’esterno e a Rabona… aveva avuto altro a cui pensare! Fu quindi abbastanza normale che, passato il massiccio portone della città, tra gli sguardi irritati di chi attendeva il proprio turno per entrare e quelli sospettosi delle guardie alla porta, la guerriera albina rimanesse momentaneamente meravigliata e, al tempo stesso, disorientata da ciò che vide all’interno delle mura. Seayne rimase rapita dal turbinio incessante di colori, odori, schiamazzi di bambini, grida di mercanti che richiamavano l’attenzione sulle loro innumerevoli mercanzie esposte e, soprattutto tanta, tanta gente: com’era diversa Holmgard dalla bianca città del Nord! Ad un certo punto Seayne temette di essersi persa nel dedalo di strade affollate ma, fortunatamente, Mastro Bernard aspettava lei e la compagna poco distante… sul suo volto l’espressione orgogliosa di chi decanta le bellezze della propria città, mentre aspettava che le guerriere si ambientassero.
 
-Sembro proprio una bambina meravigliata alla fiera del paese!- si disse la guerriera albina –Ma purtroppo non sono qui per divertirmi! Cerchiamo di non far attendere troppo il nostro ospite!-
 
Coraggio, coraggio! Siamo solo ancora alle mura esterne!
 
Neanche il tempo di pensarlo, che il loro mentore spronò le due guerriere ad andare avanti. Seayne si rimise al passo, senza rinunciare però a guardarsi attorno, cercando comunque di trovare dei riferimenti che avrebbero potuto aiutarla a non perdersi. Intenta a osservare ciò che la circondava, Seayne non badò se la gente avesse rivolto a lei e a Olivia i soliti sguardi di disprezzo riservati alle guerriere come loro, forse anche perché, in fondo, non le importava.
 
A un certo punto, Mastro Bernard richiamò la loro attenzione su una seconda cerchia di mura che si trovava al di là di un piccolo fiume, il cui argine era scavalcato da quattro massicci ponti, informandole che là c’era la “vera Holmgard” e indicando il luogo come la loro meta. Il terzetto camminò ancora per un po’, mentre la loro guida descriveva alle ragazze l’itinerario che avrebbero seguito… Di lì a poco, valicato uno dei ponti e attraversato un altro massiccio portone di legno, il gruppetto arrivò in quella che l’elegante omino calvo aveva definito la “Piazza di Vinas”, ostentando nuovamente un certo orgoglio mentre la descriveva alla due.
 
La piazza era grande, circondata da edifici di gran pregio, sicuramente era la zona della città abitata dai più ricchi e facoltosi, il che confermava l’idea che Seayne s’era fatta del loro accompagnatore.
Il particolare che colpì maggiormente l’attenzione della guerriera albina fu la pavimentazione di marmo rosa che lastricava l’intera piazza ma, mentre l’osservava e ripensava a quanto aveva visto nell’ultima ora, l’umore incostante di Seayne le giocò un brutto scherzo…
 
-Perché… perché… tutta questa bellezza, tutta questa gioia, a noi guerriere è negata? Ombre! Quanto li invidio! Quanto vorrei poter essere per una volta al loro posto!-
 
Con il cuore bruciante di invidia per tutto quello che la circondava, ma con la sua parte razionale che faceva di tutto per reprimere quel sentimento, Seayne si rimise al passo con Bernard mentre questi si dirigeva verso quella che sembrava essere la sua casa, senza però poter evitare che il suo umore e la sua espressione si incupissero.
Ma forse… forse, La Grande Stella del Nord, alla quale Sayne era devota avrebbe concesso alla guerriera albina la possibilità di soddisfare almeno in parte questo suo desiderio… Infatti, quando i tre arrivarono alla grande casa di Mastro Bernard, vennero accolti da un alto uomo distinto e vestito in modo elegante e con dei buffi baffetti incurvati all'insù, il quale rivolse loro un leggero inchino: dallo scambio di battute tra quest’ultimo e Bernard, Seayne suppose che l’uomo, chiamato Alfred, fosse il capo della servitù oppure colui che organizzava la casa: comunque fosse, Bernard affidò le due guerriere alle sue cure e, a quel punto, la mente di Seayne si riscosse e si mise a ragionare…


-Per quanto ne so, le dame cercano sempre di essere belle e presentabili e curano molto il loro aspetto… A maggior ragione le cortigiane, che “intrattengono” persone di un certo rango. Quasi quasi chiederei di fare un bel bagno. Se me lo concedono, sicuramente, sarà molto, molto meglio di quelli che riesco a concedermi a Staph…-
 
Rincuorata da quel pensiero, Seayne si riscosse dalla sua apatia e, assumendo nuovamente la mimica, il tono di voce e  l’espressione che aveva ostentato quando si era presentata a Bernard, si rivolse ad Alfred:
 
Lieta di conoscervi Alfred! Se non vi arreca troppo disturbo, dopo due giorni passati a marciare nella polvere del deserto, avrei il desiderio di farmi un bel bagno. Dopodiché, siccome la missione della quale siamo state incaricate richiede discrezione, come ho richiesto a Mastro Kelsier avrei la necessità di tingere i miei capelli i quali, come potete vedere voi stesso, attirano forse anche troppo l’attenzione a causa del loro candore. Di altro non dovrei aver bisogno anche se mi riservo di poter chiedere qualcos’altro, sempre se non vi sarà d’impaccio, una volta conosciute le istruzioni che Mastro Kelsier ha preparato per me e la mia compagna.
 
L’idea di rilassarsi per un po’ in un bel bagno caldo e profumato la stuzzicava non poco…
 

Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%
Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Invidiosa della vita apparentemente felice degli abitanti di Holmgard e delle bellezze della loro città. Spera, che le venga concesso di fare un bagno nella casa di Bernard, per avere per sé un frammento di quella felicità e di quella bellezza.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
07-03-2014, 05:03 PM
Messaggio: #18
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Citazione:Narrazione | Pensiero | - Parlato -

Meraviglia. Era questa la parola che meglio descriveva il sentimento che catturò il cuore di Olivia mentre attraversava le vie di Holmgard al seguito di Mastro Bernard. La città non era soltanto enorme (e vista dall'interno lo appariva ancora di più) ma anche piena di colori e brulicante di vita! E non era così scontato che lo fosse, almeno non per lei che nella sua breve esistenza aveva conosciuto quasi soltanto dei luoghi tetri sui quali aleggiava minaccioso lo spettro della morte. Invece qui l'atmosfera, e le sensazioni che essa trasmettava, erano completamente diverse, e questo non poteva che contribuire a mantenere il suo buon umore.

La ragazza camminò per tutto il tempo guardandosi intorno con curiosità, come una bambina che vede il mondo per la prima volta (il che non era poi così distante dalla realtà, ad essere onesti), cercando di cogliere ogni dettaglio dell'ambiente circostante: Dalla cacofonia dei suoni della città al profumo invitante dei cibi esposti sulle bancarelle dei venditori ambulanti, dalle ricche e sgargianti vesti dei mercanti in cerca di buoni affari ai ben più modesti abiti dei bambini che giocavano nei vicoli, dall'archittettura sobria degli edifici della periferia al lusso ostentato delle eleganti dimore del centro città, nulla o quasi sfuggì alla sua attenzione. Naturalmente, si accorse anche degli sguardi diffidenti che più di un abitante rivolse a lei e alla sua compagna al loro passaggio, ma non ci diede peso. Tutto sommato, si disse, era una reazione comprensibile da avere di fronte a due streghe dagli occhi d'argento, e almeno gli Holmgardesi (si diceva così?) non davano in escandescenze come i nobili di Toulouse che aveva conosciuto in occasione del suo precedente incarico.

Finalmente, dopo più di mezz'ora di tragitto che le aveva portate, tra le altre cose, ad attraversare una magnifica piazza completamente lastricata di marmo rosa (la Piazza di Vinas, come aveva spiegato loro Mastro Bernard con evidente orgoglio), le due guerriere giunsero infine di fronte ad un lussuoso edificio a tre piani color mogano, la dimora del loro anfitrione. Quì, il padrone di casa le lasciò alle cure di quello che con ogni probabilità era il suo maggiordomo, Alfred, dopodiché si congedò dicendo che si sarebbero rivisti più tardi e che fino ad allora la sua casa era a loro disposizione.

- Ti dispiace se mi unisco a te per il bagno, Seayne? - Domandò Olivia alla compagna, dopo che quest'ultima ebbe espresso ad Alfred il desiderio di farsi, appunto, un bel bagno per togliersi di dosso la polvere accumulata durante la marcia attraverso il deserto. In effetti, non era un'idea malvagia. Dato che avevano l'occasione più unica che rara di godersi qualche piccolo lusso, perché non approfittarne? E poi non avevano niente di meglio da fare. Non prima di aver udito le istruzioni di Kelsier, comunque.



Citazione:Stato Fisico: Illesa.
Stato Psicologico: Di ottimo umore. Tranquilla. Meravigliata dalla vista di Holmgard e dei suoi abitanti, che ha osservato con grande curiosità. Approva l'idea di Seayne di fare un bagno, e chiede se può unirsi a lei. 
Yoki: 0%
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva).

Join us, brothers and sisters. Join us in the shadows were we stand vigilant. Join us as we carry the duty that cannot be forsworn. And should you perish, know that your sacrifice will not be forgotten, and that one day we shall join you.
Trova tutti i messaggi di questo utente
08-03-2014, 03:08 PM
Messaggio: #19
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
Meraviglia, sorpresa, curiosità e pure una punta di invidia. Questi furono i sentimenti che coinvolsero le due compagne, mentre Bernard le accompagnava per le strade di Holmgard; e come dare torto alle due?

~

Alla richiesta di Seayne, seguita dalla conferma di Olivia, Alfred sorrise leggermente e si prodigò in un altro piccolo inchino e facendo un educato cenno alle due di seguirlo all'interno dell'abitazione.

I vostri bagni sono già pronti, mie Lady. Alcune servitrici sono già lì ad attendervi e vi daranno una mano in caso abbiate bisogno. Avete comunque licenza di allontanarle, se desiderate mantenere il vostro momento più privato, ma sappiate che sono state avvertite e preparate anche per... certi particolari dei vostri corpi, nel caso ciò vi preoccupi.

Alfred procedette in modo completamente naturale all'interno della stupenda abitazione. Il soffitto a volta presentava affreschi di una bellezza sconvolgente, disegni basati soprattutto su ambienti naturali, seppur quasi irreali nella loro bellezza. L'alto maggiordomo si fermò e si voltò, rosso in viso. Eseguì l'ennesimo inchino e si rivolse con voce grave alle due guerriere.

Vi chiedo perdono. Sono così abituato all'abitazione di Padron Bernard che non ho pensato ad illustrarvi le varie parti della casa. Errore imperdonabile da parte mia!

Fece dunque un cenno verso l'alto.

L'affresco che vedete è stato disegnato da un famoso pittore di Sovirana. Padron Bernard, nonostante sia avvezzo a lussi e servitù, ama la natura, ne è affascinato. Più tardi ne avrete un'idea, quando vedrete il giardino.

Passarono in altre stanze, tra grandi porte di legno massiccio e rifiniture in oro e argento, grossi quadri e mobili senz'altro preziosi pareva non esserci un limite a quanto può spendere un uomo per la propria casa.

Infine Alfred arrivò davanti a due porte di metallo e si mise di fianco ad esse, inchinandosi.

Oltre queste porte ci sono le stanze dei bagni. Vi prego di affidare il vostro equipaggiamento e vestiario alla servitrice che troverete appena dopo essere entrate, in modo che possiamo occuparcene, come da istruzioni. Quando avrete concluso il vostro bagno, provvederemo a spiegarvi ciò che Mastro Kelsier ha in serbo per voi. Mie lady, godetevi il vostro bagno.

Alfred aprì le porte, permettendo alle due compagne di entrare. Ciò che si parò davanti ai loro occhi d'argento fu una stanza quadrata piuttosto grande, dotata di una colonna in marmo bianco ad ogni angolo della stanza e due grosse vasche piene d'acqua fumante al centro, una di fianco all'altra.

A fianco di ogni vasca si trovavano due donne in piedi e sorridenti che attendevano pazienti l'arrivo delle ospiti. Olivia e Seayne videro al loro fianco una graziosa ragazza con i capelli lunghi fino alle spalle, dietro ad un carrello, che rivolse loro un rispettoso cenno col capo e parlò.

Salve, mi chiamo Imoen. Vi prego di lasciare a me le vostre cose, vestiti inclusi. Ci penseranno le mie colleghe a darvi vestiti puliti quando avrete finito.

Le due guerriere ora avrebbero potuto godersi il loro bagno. Evento più unico che raro, avrebbero potuto anche essere aiutate da servitrici.


Turnazione:
Nardo
Sir_Alric
Trova tutti i messaggi di questo utente
10-03-2014, 10:14 PM
Messaggio: #20
RE: Nascosto nel Buio II [Nardo - Sir_Alric]
[Immagine: yp10m.jpg]
[-Pensato-]       [Parlato]          [Parlato da altri]

 
Certo… Certo che puoi, Olivia!
 
Rispose Seayne alla richiesta della compagna, esitante all’inizio, ma poi contenta che Olivia desiderasse condividere con lei un momento tutto sommato così intimo.
A quel punto, il sempre efficiente Alfred disse alle due guerriere che i loro bagni erano già pronti e inoltre che alcune servitrici erano là ad attenderle per provvedere a ogni loro bisogno.
Al pensiero di come le serve avrebbero potuto reagire alla vista del suo corpo e di quello di Olivia, Seayne stava per sollevare un’obiezione, ma Alfred la precedette, garantendo loro che le ragazze erano “preparate” alla vista dei loro corpi e che comunque, se lo avessero voluto, le due guerriere avrebbero potuto congedarle.
 
-Che stupida che sono! In qualche modo Bernard collabora con l’Organizzazione: è ovvio che la sua servitù sappia di noi… Forse non siamo nemmeno le prime guerriere che passano di qui-
 
Alfred le introdusse quindi nella grande dimora, le cui volte erano affrescate con rappresentazioni stupende di ambienti naturali; Alfred si scusò con loro perché, causa l’abitudine, aveva dimenticato di illustrare loro le parti della casa.
 
Non vi preoccupate Alfred, sono cose che succedono!
 
Disse Seayne rivolgendo un fugace sorriso al maggiordomo, il quale inizò a descrivere i particolari degli ambienti che attraversavano, ponendo in risalto l’amore di Mastro Bernard per la natura, nonostante i lussi cui era solito circondarsi, promettendo alle guerriere la vista di ulteriori meraviglie quando avrebbero visitato il giardino.
 
Affascinata e disorientata dal lusso che la circondava, Seayne si sarebbe probabilmente persa in quella casa, se non fosse stato per la costante presenza del buon Alfred che guidava lei e la compagna, il quale infine si arrestò, ponendosi di fianco due porte di metallo e rivolgendo alle guerriere l’ennesimo inchino e dicendo loro:
 
Oltre queste porte ci sono le stanze dei bagni. Vi prego di affidare il vostro equipaggiamento e vestiario alla servitrice che troverete appena dopo essere entrate, in modo che possiamo occuparcene, come da istruzioni. Quando avrete concluso il vostro bagno, provvederemo a spiegarvi ciò che Mastro Kelsier ha in serbo per voi. Mie lady, godetevi il vostro bagno.
 
Grazie per le vostre premure Alfred!
 
Rispose sinceramente Seayne
L’uomo aprì le porte per loro due e le guerriere entrarono nell’ennesima stanza di quella casa, decorata con colonne di marmo ai quattro lati ma, cosa più importante, con due vasche da bagno piene d’acqua fumante e, vicino a quelle, una coppia di ragazze sorridenti, le quali evidentemente le aspettavano, più una terza, che le attendeva subito dietro l’ingresso, la quale sorrise loro dicendo:
 
Salve, mi chiamo Imoen. Vi prego di lasciare a me le vostre cose, vestiti inclusi. Ci penseranno le mie colleghe a darvi vestiti puliti quando avrete finito.
 
Per un attimo Seayne esitò… Quando degli umani avevano mostrato di volersi prendere cura di lei le cose non erano andate molto bene inoltre, dopo Rabona, la guerriera albina non amava separarsi dalla sua Claymore, però…
 
-Ricordati che siamo sempre sotto la protezione dell’Organizzazione e poi, non vorrai mica fare il bagno vestita no?-
 
Ridendo tra se e se delle sue paure, Seayne sguainò la grande spada e la posò sul carrello, per evitare a Imoen o a chi per lei la fatica di doverla sollevare poi, sorridendo alla ragazza, le disse semplicemente
 
Grazie Imoen!
 
Provvedendo poi a sganciare l’armatura e a togliersi l’uniforme, rimanendo nuda. Tuttavia, nonostante le rassicurazioni di Alfred, non potè impedire che, istintivamente, le sue braccia per qualche istante cercassero di nascondere la cicatrice sul suo corpo, ma poi il desiderio del bagno prevalse su tutto e la guerriera albina, dopo aver rivolto un fugace sorriso a Olivia, si diresse verso una delle vasche, pronta a godersi quel lusso insperato…


Citazione:
Yoki Utilizzato: 0%

Stato Fisico: Ottimale
Stato Psicologico: Disorientata e affascinata dalle bellezze della casa di Bernard. Intimorita all’inizio dalla possibile reazione delle serve alla vista del suo corpo, alla fine si decide a godersi il bagno, contenta di condividere con Olivia quell’esperienza.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (Passiva).

I am the one, the only one! I am the god of kingdom come! Gimme the prize!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Questa discussione è chiusa  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)