Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Questa discussione è chiusa  
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
21-06-2012, 10:31 PM
Messaggio: #1
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
22-06-2012, 06:02 PM
Messaggio: #2
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato

Erano passati pochi giorni da quando Divina era rientrata dalla fallimentare missione tra le montagne di Lido, dove aveva lasciato morire la compagna, Azalea, senza neppure accorgersi della sua agonia; ancora adesso la piccola Guerriera era solo contrita per i rimproveri ricevuti dagli uomini in nero. Questo perché lei poteva benissimo scordarsi dei particolari d'una missione, non accorgersi d'una compagna riversa in un lago di sangue od anche d'aver appena conseguito una promozione - l'avevano innalzata al numero Sedici nonostante tutto, dato che almeno in capacità fisiche non faceva affatto difetto -.
Ma un rimprovero a lei, l'eroina della Narrazione, reduce da un vittorioso combattimento contro due Yoma no, non l'avrebbe scordato facilmente.
Era stata convocata allo studio di Araldus quel giorno, e per una volta tanto ciò non la tolse dalla lettura del libro: in quei giorni se n'era infatti stata immobile a rimuginare sul presunto torto subito, mettendosi a leggere solo di tanto in tanto; non che avesse comunque preso meglio l'ordine: il fatto d'aver letto poco l'aveva anzi resa poco contenta della prospettiva d'una missione che l'avrebbe tenuta ulteriormente lontana dal prezioso volume.
Le stavano facendo un dispetto, concluse, e fu solo per amor del libro- chissà che avrebbero potuto fargli! - che ci andò comunque.
Raggiunto lo studio, però, Araldus si rivelò occupato, e Divina finì per dover attendere fuori della porta; attese molto tempo, ma non se ne accorse neanche: era troppo impegnata a lagnarsi tra sé e sé di quegli antipatici.

E' forse giusto che la sol eletta a esser la Segnora de' lo Narrar venga umiliata in cotal fatta? No, da l'alto Dio lo pòl testimoniar, e vedran presto costor l'aspro fato di chi se macchia d'isto gran peccato...

Giusto quando arrivò Laura Divina alzò gli occhi, attirata dal rumore del metallo sul pavimento, ma diede giusto un'occhiata distratta all'altra Guerriera e tornò a fissarsi i piedi; nessun segno che avesse riconosciuto nell'altra la compagna di quella missione nelle acque della costa meridionale del Continente: la numero Sedici a propria insaputa s'era infatti già scordata di quel lavoro, come di quasi tutti gli altri mai fatti.
Presa da simili pensieri, Divina non avrebbe saputo perciò dire quanto tempo aspettò; ma ad un certo punto quella posta chiusa s'aprì, e ne fuggì un poveraccio inseguito da Araldus, un uomo in nero che la piccola Guerriera non conosceva - no, non che se ne fosse scordata: proprio non l'aveva mai visto -.
Per nulla impressionata dalla scena, Divina guardò apatica il fallimentare inseguimento, e solo quando tornando Araldus le invitò in studio, comprese che si trattava di quello che doveva darle la missione.

Ne han costor, di tempo senz'impegni...

Fu questo l'unico pensiero che le sovvenne riguardo la strana scena, ma il collegamento non fu di raccapriccio: la disturbava solo che simili perdigiorno si mettessero a far la paternale a lei l'eroina. Sfrontati!
Nell'intanto una volta che lei e Laura furono entrate, Araldus aveva preso a parlare del lavoro da fare: Refi nelle Terre dell'Ovest, lo conosceva come ogni altra località del Continente che aveva dovuto imparare a memoria; ma non fu questo a rabbuiarla, come se non bastasse il risentimento che stava covando.

... De nòvo n'Occidente? Mihi volent captare per naticas?

Non che Divina sapesse il significato della seconda frase, ma nel libro era usata per esprimere accorato dissenso e tanto le bastava; ad ogni modo, di nuovo nelle Terre dell'Ovest? Era già stanca dei richiami a quella missione, che la mandassero altrove...
Era ancora lì a tenere il muso, quando Araldus si rivolse a lei per assegnarle un ruolo particolare: avrebbe dovuto fare da Caposquadra.
Divina alzò la testa, per una volta davvero interessata al discorso.

Capo... Non è forse codesto grado, che a taluni eroi si assegna? Pentiti allor fuor de' mancin tiro?

Perchè Divina, la stessa che neanche ci provava a tenere a mente il proprio numero in graduatoria, era ovviamente sensibile ai titoli presenti nel suo venerato libro: era quindi un atto di ravvedimento da parte degli uomini in nero, nominarca Caposquadra? Ovviamente sì, per la sua testolina.
Improvvisamente bendisposta verso la missione, la numero Sedici a propria insaputa si voltò ed uscì dallo studio non appena Araldus la congedò; ovviamente non diede neanche il minimo sguardo a Laura, giusto per rendere palese quanto avesse davvero capito del suo nuovo incarico.

Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Dapprima molto contrita per il rimprovero seguito al fallimento della sua ultima missione, si rallegra invece d'essere nominata Caposquadra... non sapendo ovviamente che accidenti comporti, dato che ignora bellamente la supposta sottoposta Laura
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-06-2012, 10:37 AM
Messaggio: #3
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Parlato
Pensato
Parlato da altri




Laura non avrebbe mai creduto che proprio Araldus, che aveva criticato duramente lei e la sua amica Kaira durante il duello in Arena, l'avrebbe convocata per affidarle una missione. A malapena aveva avuto il tempo di pulirsi dal fango.


“Perché proprio lui...? Non mi piace per nulla...” disse tra sé la guerriera di Rabona, ormai elevata alla posizione numero 19.


Dopo che si fu sistemata i codini ordinatamente, si diresse rapidamente all'ufficio dell'uomo in nero che l'aveva convocata. Vide un uomo uscire dalla stanza in tutta fretta, dopodiché Araldus apparve di fronte ai suoi occhi.


A sua grande sorpresa, però, non era la sola ad essere stata chiamata: un'altra guerriera, con la quale aveva – a suo malgrado – già avuto a che fare in passato, era presente.


“Divina! Di nuovo lei!” pensò Laura, senza che però il suo viso comunicasse una qualche emozione. Per fortuna. “Perché non mi hanno messa con Kaira? Io le voglio bene, mi trovo bene con lei... E' una buona persona. Mi sarebbe piaciuto rivedere anche Clade. Invece no: proprio Divina!”

Per un istante, ancora scocciata dalla presenza di quella guerriera, Laura non ascoltò le parole dell'uomo in nero. Tuttavia, non avrebbe mai potuto mostrare dissenso: ne andava della sua vita.

“Isabel...” pensò Laura, rivolgendosi come spesso le capitava, alla sua cara amica d'infanzia. “Divina non è un'amica. È una piantagrane che non si cura di nessuno. Una squilibrata. L'ultima volta che abbiamo lavorato insieme mi ha causato solo problemi.”


A quanto pareva, Araldus voleva che le due guerriere si recassero a Ovest, al porto fluviale di Refi, in cui si sospettava agissero degli Yoma.


“D'accordo, Capo.” rispose Laura freddamente, lo sguardo perso nel vuoto da bambola, mentre Divina era già schizzata via senza nemmeno guardarla. Laura, agli occhi della compagna, era totalmente inesistente. E lo sarebbe stato probabilmente per tutta la loro missione.


Quattro giorni di viaggio senza sosta la attendevano. In ogni caso, non avrebbe cercato di attirare l'attenzione di Divina, perché sapeva sarebbe stato perfettamente inutile conoscendo il tipo. L'unica cosa che albergasse la sua mente, oltre a Isabel, era il pensiero di cominciare e portare a termine la nuova missione il prima possibile: altri Yoma dovevano essere eliminati al più presto.




Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Dispiaciuta di non essere stata messa in squadra con Kaira. Non vorrebbe dover sottostare di nuovo a una come Divina. Si domanda come mai Araldus, che tanto l'aveva criticata, l'avesse convocata per una missione. Intenzionata a portare a termine il nuovo incarico.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
24-06-2012, 04:02 PM
Messaggio: #4
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Divina non sembra essere particolarmente loquace con te, si ripete esattamente ciò che è accaduto al vostro ultimo lavoro con Laura la quale, purtroppo, è costretta a sottostare al volere di Araldus e agli ordini? della sua cara compagna di missione. Il viaggio procede lentamente nel più totale dei silenzi e come previsto dall'uomo in nero giungete infine in vista di Refi; la vallata fluviale dove sorge è particolarmente umida, in effetti risulta difficile distinguere alla distanza da cui vi trovate tutte le costruzioni, l'afa e il caldo umido sono opprimenti e insopportabili e gli insetti non vi danno tregua, sembrano gradire particolarmente le orecchie di Divina e il naso di Laura... L'ampio e meandroso fiume si snoda come una serpe d'acqua in fondo alla vallata; anche dalla distanza a cui vi trovate è possibile sentire il dolce e lento scorrere delle acque. Un volo di uccelli acquatici vi oltrepassa per andare a sparire nella foschia e nella calura. I quattro giorni di viaggio non sono nulla in confronto alle ultime ore nelle quali vi avvicinate a destinazione... Non tanto la stanchezza quanto l'afa insopportabile e il continuo tormento degli insetti rendono il vostro approccio al porto fluviale un vero inferno...

Turnazione:
Lochnir
Hankegami

Citazione:Nel prossimo post giungerete alle porte della città, descrivete liberamente il paesaggio che vi circonda.
Trova tutti i messaggi di questo utente
25-06-2012, 05:28 PM
Messaggio: #5
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Parlato
Pensato
Parlato da altri






Nemmeno quando sono stata nelle Terre del Sud, quella volta, faceva così caldo. Pensò la guerriera di Rabona, cercando di ignorare l'afa e la temperatura molesta quasi quanto le mosche e le zanzare del luogo. Sembra di stare su una graticola!


Certo, considerato che la compagna non parlava, a Laura non restava che discutere con se stessa. Per tutta la durata del lungo viaggio, ovvero quattro giorni circa, ripercorse nella sua mente tutto ciò che le era capitato da qualche tempo a quella parte: in pochi mesi le sue capacità da combattente erano migliorate moltissimo. Mai avrebbe pensato che dei Divoratori potessero cadere sotto la sua lama.


Chissà cosa mi attende stavolta? Si chiese, giungendo alla vista del fiume. Lì, l'afa e il caldo erano davvero insopportabili, figuriamoci per dei semplici umani. Laura si domandò quali fossero le precauzioni che potessero aver preso gli uomini al porto e nelle zone limitrofe al fiume per resistere a tali condizioni ambientali.


Ignorando totalmente quali fossero i piani di Divina, oltretutto caposquadra, Laura ritenne opportuno, una volta raggiunto il soffocante porto di Refi, di cercare i primi individui che fossero capitati e che le fossero parsi affidabili informazioni per chiedere informazioni riguardo alle sparizioni di navi avvenute di recente e al plotone di soldati sparito nel nulla.


Spero che gli umani non facciano storie riguardo noi guerriere. Pensò Laura, avvicinandosi al porto con piglio tranquillo e, forse per via del caldo, un po' spossato. Non sono dell'umore giusto per discutere.






Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Intenzionata a scoprire quanto accaduto a Refi. Non ha voglia di discutere con gli umani nel caso mostrassero riluttanza a parlare con lei e Divina.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
26-06-2012, 09:32 PM
Messaggio: #6
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato
Forse seimila miglia di lontano
ci ferve l'ora sesta, e questo mondo
china già l'ombra quasi al letto piano,

quando 'l mezzo del cielo, a noi profondo,
comincia a farsi tal, ch'alcuna stella
perde il parere infino a questo fondo;

e come vien la chiarissima ancella
del sol più oltre, così 'l ciel si chiude
di vista in vista infino a la più bella...
1

Il fatto che fosse pieno giorno e non notte, poco importava: da quando era iniziato il viaggio, Divina s'era aggrappata più che mai ai versi del suo libro non potendo fare molto altro.
Se lo ricordava ancora, quel viaggio, al contrario di molti altri meno disturbanti: giorni e giorni - quanti? Non li aveva contati, ma comunque decisamente troppi - passati a scrollarsi via a tempi praticamente regolari le zanzare dalle orecchie, mentre giorno dopo giorno il Sole si faceva sempre più accaldante, tanto da costringerla ad abbassarsi la temperatura corporea2. Lei, abbassarsi la temperatura corporea! Quando sarebbe sotto ogni punto di vista il clima avrebbe dovuto seguire le sue preferenze!
La numero Sedici a propria insaputa era stata perciò di cattivo umore per tutto il viaggio, e solo saltuariamente s'accorgeva d'avere Laura al fianco - per poi dimenticarsene un attimo dopo; il fiume, poi, era stato un ulteriore tormento: ogni tanto Divina s'era chiesta se fosse mai finito.
Ma alla fine finì eccome... o meglio, vi trovò un borgo accavallato tra le sue sponde a sbarrarle il passo: Refi, il porto fluviale che doveva raggiungere; Divina, che folle per folle un punto geografico chiaro come un centro urbano di quelli stampatele in testa dalle carte geografiche degli uomini in nero non se lo scordava di certo, sbattè gli occhi incredula a vederlo... per poi scrollare il capo a causa delle mosche nelle orecchie.

... Maldite musche! Qual sire servite?... Ma ecco: 'l crogiuol de' mal i' raggiunsi, e iustitiando lo mostro ch'agisce portando peste e plagio, removvi v'avrò per finito malo incanto!

Chiaro come il Sole: le mosche e le zanzare l'avevano tormentata per giorni, era appena giunta alla cittadina dove c'era il solito Yoma da far fuori - c'era sempre il solito Yoma da far fuori -, ergo mosche e zanzare dovevano essere serve del mostro, ovviamente provvisto di meno chiari poteri magici.
Certa della sua logica stringente ed appena trovato un motivo in più per darsi da fare, la numero Sedici a propria insaputa si mise al passo di buona lena per raggiungere quanto prima la porta muraria più vicina; non aveva un piano, né intendeva chiedere nulla a nessuno come l'invisibile Laura a lei inavvertitamente vicina: lo Yoma sarebbe spuntato fuori da sé prima o poi, sennò la storia non poteva andare avanti. Ovvio, no?






Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Arrabbiata per i continui assalti di mosche e zanzare alle sue orecchie, Divina ha continuato per tutto il viaggio a prendersela nella sua testa con la flora e fauna tutta, salvo pause per estraniarsi nel ricordo del suo libro; giunta infine a Refi, se ne felicita... perché si convince di poter eliminare ogni fastidio eliminando lo Yoma - nel senso che basterà ammazzarlo perché tutto scompaia per magia.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
27-06-2012, 10:07 PM
Messaggio: #7
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Durante le ultime ore di viaggio, mentre vi appropinquate a Refi, le zanzare si fanno veramente insopportabili ma almeno giungete sane e salve in vista dell'ingresso cittadino: un grande portone in legno con le effigi di due Sirene (Refi a quanto pare è davvero un porto!).
Divina persa nel suo mondo, inavvertitamente socchiude la bocca e di ciò approfitta un grosso moscone peloso che le si pianta in gola! Non c'è dubbio alcuno! Lo Yoma ha scagliato contro di lei il suo esercito di insetti. Dal canto suo Laura viene richiamata a gran voce da un uomo alto e magro che si trova poco fuori dall'ingresso della città.

Guerriere venite qui! Siete arrivate! Vi stavano aspettando!

Alle sue parole si raduna una piccola folla di curiosi.

Turnazione:
Hankegami
Lochnir.
Trova tutti i messaggi di questo utente
28-06-2012, 07:50 PM
Messaggio: #8
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato
Quelle porte lignee aventi rappresentate due sirene, Divina quasi non le guardò: non era mai stata interessata agli orpelli inutili; scuotendo un'altra volta la testa per scacciare le zanzare, la numero Sedici a sua insaputa si scoprì davvero seccata di non trovare ancora segno dello Yoma.

... A che pro i' allor infino qui giunsi? Ah, Narrar meschino!

I capelli le erano pure caduti su occhi e narici, ma senza volersene troppo - s'era ormai fatta il callo a furia di scacciar mosche - Divina se li rimise a posto e prese un attimo a respirare con la bocca.
L'avesse mai fatto.
Un irsuto moscone infatti ne approfitto per entrarvici, e la piccola Guerriera se lo sentì immediatamente in gola.

"... Cough! COUGH!!"

Tossì di riflesso, e quando l'insetto se ne andò prese a respirare a grandi fiatate, effettivamente colpita dall'incidente.
Ora era davvero arrabbiata.

Quel mostro... Com'ha osato!!

Udì quasi per caso delle persone chiamarla, ed alzata la testa dovette per forza notare la figura di Laura tra lei e costoro.
Da dove diamine era sbucata?

... Ma costei, da dove spunta? E, per Dio, perchè oltre me va, togliendome da conta?

Inutile parlare di plurali: se una comparsa chiamava, doveva essere lei, l'eroina, a rispondere.
Indispettita, Divina s'affrettò a raggiungere il capannello d'umani.





Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Fortemente contrariata dal moscone finitole in gola, non è molto contenta nemmeno del vedere Laura tra lei e la gente di Refi.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
28-06-2012, 08:01 PM
Messaggio: #9
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
“Parlato”
“Pensato”
“Parlato da altri”




“Fantastico... Ci aspettavano.” Pensò Laura, osservando la compagna giungere tossendo. Non sapeva cosa le fosse accaduto, ma non le importava.



Le due Sirene sul portone la colpirono per la loro bellezza. Il porto di Refi presentava così, a dispetto dell'afa e dei fastidiosi insetti che lo popolavano, le sue perle d'arte.



Laura cercò di mostrarsi tranquilla alla gente, seppure il lungo viaggio e il caldo l'avessero un poco provata. Fu contenta, però, di poter chiudere quel silenzio durato giorni.


“Siamo giunte qui apposta in seguito alla vostra richiesta.” cominciò la guerriera di Rabona in tono distaccato e leggero, rivolta all'uomo che le aveva interpellate. La voce di Laura voleva suonare confortante. Il copione era lo stesso che andava mostrato agli umani ogni volta.



Era felice del fatto che quell'uomo non avesse mostrato timore nei suoi confronti, ma un poco meno che alcuni curiosi si stessero avvicinando per ascoltare. Tuttavia, decise di mostrarsi cordiale proprio come le avevano insegnato i suoi genitori da piccola.


“Benché siamo già state informate sulla vostra condizione, spiegateci pure di cosa si tratta da zero. Io e la mia compagna siamo pronte ad agire e, come spero, di riuscire a risolvere i vostri problemi.”




Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Intenzionata ad entrare in azione. Cerca di ignorare la compagna che, di rimando, l'aveva ignorata sino ad ora.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
29-06-2012, 10:38 PM
Messaggio: #10
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Certo certo, vi spiegheremo tutto ma prima seguiteci fino a casa del Sindaco per favore, lì potremo parlare con calma

Gli abitanti sembrano molto cortesi verso di voi, si girano e si avviano di buon passo attraverso la città; mentre lo seguite potete notare come le persone sorridano e vi acclamino come delle salvatrici, strano vero che accada un qualcosa del genere? Generalmente siete etichettate come dei mostri...
Si notano ovunque tuttavia i segni della decadenza e della povertà che hanno colpito il luogo, le strade sono deserte e le botteghe chiuse; non vi è il solito allegro cicaleccio che caratterizza tutte le città mercantili.

Turnazione:
Lochnir
Hankegami.
Trova tutti i messaggi di questo utente
30-06-2012, 10:45 AM
Messaggio: #11
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Parlato”
Pensato”
Parlato da altri”




Mi sorprende la reazione di questa gente. Sembrano contenti di vederci. pensò Laura, apprezzando la cosa. Tuttavia, da quando aveva compiuto quella missione a Termalaine e aveva avuto a che fare con quel rozzo locandiere alleato con uno Yoma, aveva perso ulteriore fiducia negli umani.


L'aspetto della guerriera, malgrado il caldo e gli insetti, era quasi impeccabile: i due codini ben in ordine ai lati del capo, certo, la aiutavano a sopportare l'afa, impedendo ai capelli di appiccicarsi alla pelle per l'umidità. Inoltre, la sua divisa riparata dagli squarci della scorsa missione valorizzava i lineamenti delicati del suo corpo da bambola. E il suo sguardo, quasi sempre inespressivo, non si smentiva nemmeno stavolta.


Grazie.” rispose cordiale all'uomo, iniziando a seguirlo per raggiungere il Sindaco.


Per un attimo, guardò Divina, sperando che non mostrasse reazioni scontrose con quelle persone.
Rimase colpita dai segni di povertà che caratterizzavano quel porto e si chiese se fossero dati dai recenti problemi alla navigazione.


Spero che Divina non faccia scherzi. disse tra sé la guerriera di Rabona. Un po' mi fa paura... Senza contare che è anche superiore a me in graduatoria. Significa che dev'essere più forte di me. Però affidarmi a lei in uno scontro non è stata una scelta saggia. L'ultima volta, nelle terre del Sud, avevo ucciso io lo Yoma mentre lei era impegnata in corpo a corpo, senza la spada. Fu un gesto sconsiderato da parte sua. Mi auguro davvero di non avere problemi stavolta.

Tu cosa faresti, Isabel?


Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Intenzionata ad entrare in azione. Preoccupata in merito al comportamento di Divina: si augura non causi problemi nella missione.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
02-07-2012, 10:39 PM
Messaggio: #12
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato

Divina fece giusto in tempo a raggiungere il capannello di persone che queste le dissero - perché chiaramente era a lei che si rivolgevano, non essendoci nessun altro a cui rivolgersi, che lei vedesse - di seguirle fin dal Sindaco. Cosa che la indispose un pò.

... Ma i' forte dico! Perché non dirme ora ciò per ch'io vé?

Aveva un libro a cui tornare, lei, mica esisteva solo per far da contorno al nuovo cattivo!
Egoisti.
Per questo seguì immusonita il corteo snodatosi, ma presto il suo umore migliorò sentendosi acclamata dai passanti una volta entrata in città; ecco, quello le faceva piacere: un'eroina andava giustamente osannata ad ogni sua apparizione.
Peccato per lo sfondo semplicemente penoso.

... Sapevo che il Narrar è tiranno et infino. Ma che fosse taccagno?

Questa le giungeva nuova: i racconti eroici non abbondavano di palazzi dai tetti d'oro e traverse in pietre preziose?
Qui gatta ci covava.
Ben certa d'aver argutamente colto un tranello della Narrazione, Divina non si fece remore a svelarla pubblicamente rivolgendosi alle comparse che la scortavano.

"Vere Divina quanto mano
è l'arguzia ch'io porto:
nolea notar centro urbano
obtorto? Ma dite, non torto
nel còre de' farme vi nasca:
mostro, l'or vostro tolse vestra?"

Perché di certo non si sarebbero offesi per l'indelicata puntualizzazione della loro povertà: erano lì per fare una parte, mica per esistere.




Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Passa presto dal malumore alla soddisfazione vedendosi acclamata dalla gente; pensa quindi d'essere acuta nel chiedere (beh, pretendere) conferma dei suoi pensieri dedotti dai confronti con gli sfarzosi borghi descritti dal suo libro
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
04-07-2012, 09:13 AM
Messaggio: #13
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Alle parole di Divina il gruppo di persone ammutolisce e con occhi sgranati si volta prima ad osservare la piccola Guerriera, spostando poi gli occhi su Laura. Evidentemente le parole di Divina li hanno lasciati senza parole, confuso e straniti. La piccola guerriera nel frattempo, persa nel suo mondo viene nuovamente colpita in volto da un altro distratto moscone... E' lo stesso uomo che vi ha acconte a rivolgere la parola a Laura.

Perdoni la nostra sorpresa Guerriera ma la sua compagna ci sembra un pochino strana, è sicura che sarà in grado di combattere...? Non che dubitiamo delle vostre capacità ma ecco...

L'uomo si avvicina a Laura e abbassa la voce per non farsi sentire da Divina.

Senza offesa alcuna, ma ci sembra un pochino... Come dire... Tocca ecco...

Turnazione invariata.
Trova tutti i messaggi di questo utente
05-07-2012, 10:57 AM
Messaggio: #14
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Parlato”
Pensato”
Parlato da altri”




Laura, così come anche gli umani, non parve comprendere le parole confuse della compagna. Come già aveva fatto in passato, Divina si espresse in un linguaggio assolutamente innaturale.


La domanda che l'uomo pose risultò dunque del tutto legittima. La realtà era che nemmeno Laura sapeva rispondergli con certezza. Sì, nella scorsa missione Divina aveva fatto qualcosa, ma non era certa che avrebbe agito in maniera adeguata stavolta.


Come posso conoscere le mosse di una squilibrata?” si chiese Laura, esitando un poco prima di rispondere. La frase che l'uomo aggiuse, sussurrandola a Laura nell'orecchio, la lasciò ulteriormente imbarazzata.


Senza offesa alcuna, ma ci sembra un pochino... Come dire... Tocca ecco...”


A quelle parole, Laura avrebbe voluto rispondere con un secco “lo so”, ma non poteva assolutamente farlo, per evitare problemi.


Non temete.” mentì invece la guerriera di Rabona con la sua consueta aria contenuta ed educata, sempre però a bassa voce per non farsi sentire da Divina. “La mia compagna sa il fatto suo.”


Questa, ovviamente, era una fandonnia. Ma Laura, dal canto suo, aveva imparato che talvolta le bugie potevano essere utili, se usate a fin di bene.


Non badate alle sue parole, anche se possono sembrare confuse...” continuò Laura, sempre in tono ridotto. “Portateci pure dal Sindaco.”




Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Intenzionata ad entrare in azione. Preoccupata in merito al comportamento di Divina: si augura non causi problemi nella missione. Imbarazzata per le parole confuse e altisonanti di Divina.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
06-07-2012, 12:47 PM
Messaggio: #15
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato

Sorprendentemente, nonostante il suo discorso chiaro e semplice, gli abitanti di Refi non si affrettarono a rispondere alla domanda di Divina, ma presero a confabulare con una ragazza in armatura che... Ehi, ma quella lì l'aveva già vista!

... Apparvomi ne' studio de' l'omo, deinde per que' strata vere malsana. Ohibò, che vol, tollerme ruolo?

Beh, quello se non altro no: era lei, Divina, l'eroina della Narrazione, mica una quisque de populo; ma allora, che ci faceva lì ad apparire dal nulla giusto per farle un dispetto?
La numero Sedici a propria insaputa si rabbuiò: sì, c'era qualcosa che non la convinceva.
Avrebbe fatto bene a tener d'occhio quella lì, che ammaliava come una sirena i personaggi per impedire loro di dare informazioni alla protagonista.

Momento... Una sirena? Parvomi d'averne vista una ne' paraggi: che fusse costei in marini panni?

Gli occhi della piccola Guerriera saettarono sulle gambe di Laura: no, non aveva una coda, né rilasciava acqua salmasta al suo passaggio. Che quindi non fosse una sirena? Divina non ne era del tutto certa: il libro, dopotutto, non era prodigo d'informazioni su questo.

... Forse perché non é importante...

Perplessa dall'inaspettato tacere della fonte d'ogni sua conoscenza, Divina alla fine neanche si curò di ripetere la domanda - tanto c'era la sirena lì ad ammaliarli, o qualunque cosa fosse -, e seguì taciturna il gruppo, ovunque volesse andare.





Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Seccata e sospettosa nei confronti di Laura, che avendo preso l'attenzione dei locali è ora degna d'essere vista, nonché sospettata d'essere una sirena od un qualche tipo di essere ammaliatore; dato che si tratta d'una scocciatura e non d'un nemico, però, non le passa nemmeno per l'anticamera del cervello di risolvere la questione uccidendola.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
07-07-2012, 10:46 PM
Messaggio: #16
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Perché si comporta così allora? Sembra persa nel suo mondo... Come possiamo fidarci di una guerriera come lei...

La folla che vi conduce presso la casa del Sindaco borbotta queste parole, a quanto pare Laura non è riuscita a convincerli de tutto e lo strano comportamento di Divina di certo non aiuta la guerriera di Rabona a guadagnare la fiducia della popolazione, elemento essenziale in ogni missione. La via principale si allarga in quella che è una piccola piazzola. Imperiosa sulla piccola piazza vi è una casa signorile; o meglio quella che doveva essere una casa signorile di somma magnificenza un tempo...

Questa è la dimora del Sindaco Rolf.

L'uomo non fa nemmeno in tempo a finire la frase che la porta principale si apre e un canuto signore esce tutto concitato e si precipita verso voi, più precisamente verso Divina iniziandole a stringere ed agitarle le mani.

Sh-Shalve shignorine, shono Rolf il Shindaco... Shono felice e onorato di fare la vostrsha conosheanza!

La sua voce è impedita da un paio di foltissimi mustacchi...

Turnazione:
Hankegami
Lochnir.
Trova tutti i messaggi di questo utente
09-07-2012, 10:13 PM
Messaggio: #17
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato

Il continuo ed incomprensibile confabulare tra la gente del luogo e Laura non migliorò l'umore di Divina, che continuò a seguire muta ed immusonita la folla in processione; dopo un pò, però, venne di fatto costretta dal capannello umano ad affiancarsi a Laura davanti ad una casa che le ricordava qualcosa - ma non ricordava che cosa: le pareva di averne vista almeno una simile, ma col tetto pieno di neve... neve? Che era? Quella roba bianca che si ricordava? Il libro non ne parlava affatto -.
La piccola Guerriera fu così incuriosita da quello strano ricordo che non se ne ebbe, e tornò nella realtà solo quando uscì un anziano uomo dai capelli e baffi bianchi che s'affrettò a stringerle la mano e parlare biascicato prima che Divina potesse reagire.

Ma che... Per Dio, qual mustacchi!

La numero Sedici a propria insaputa infatti superò presto il comprensibile stupore, incantandosi sui baffi che rendevano ardua la comprensione delle sue parole; la piccola Guerriera alzò pure un attimo la mano nella loro direzione come per toccarglieli, ma come colta da una vitale comprensione la ritirò quasi subito.

... No: fan parte del personaggio. Toglierli, ciò non sarìa saggio.

Perché mica voleva toccarglieli: intendeva toglierglieli per sentirlo parlare meglio. Chissà se il Sindaco si sarebbe mai accorto del pericolo scampato.
Le parole, apppunto: Divina non ci aveva minimamente prestato attenzione.

Un secondo... diabolo vòle, ist'omo? E poi, perché scortommi infin qui, 'l popolo?


Perché lei, come al solito, non aveva degnato le sue auguste orecchie d'ascoltare alcunché; perciò, iniziò a ragionare:

Orben... Se comparse vere sono serve del Narrar, tutto a Lui torna. Indi per cui, per forza isto homo deb'esser cognotor de' cert'arcana!

Folgorata da tale logica certezza, la numero Sedici a propria insaputa si sentì d'improvviso più sicura: dato che non si trattava del mostro, doveva per forza trattarsi del depositario d'importanti informazioni!
Nient'affatto volenterosa di lasciarselo sfuggire, la piccola Guerriera alzò lo sguardo su di lui e scandì i seguenti endecasillabi:

"Segnore, che sì caldo e bòn demme
saluto, deduco io ch'ella sagge
sappia del mostro, pel quale io celer
fin qui a cercarlo descesi. Orben,
prìo, me discerna or la sua sapientia:
l'orecchie mie ve terran gran tendencia."


Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: Sorpresa dall'ingresso del Sindaco, dopo aver un pò indugiato sui baffi Divina comprende l'identità sommaria dell'uomo - pur secondo i suoi metri - pur non avendo ascoltato nulla di quel che aveva detto; s'appresta quindi la risposta attenta e fiduciosa
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
10-07-2012, 09:01 AM
Messaggio: #18
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Parlato”
Pensato”
Parlato da altri”


Dannazione.” pensò Laura, preoccupata. “Non sembrano convinti né fidarsi di noi: eppure all'inizio, quando siamo arrivate, sembravano fiduciosi! Tutta colpa di questa qui...”


Man mano che proseguivano verso la dimora del Sindaco, accompagnate dalla folla e l'uomo che le aveva accolte, Laura sperava che Divina non parlasse di nuovo e che lasciasse fare a lei. Ma probabilmente la caposquadra non capiva. In ogni caso, era proprio questo il problema: ovvero che una del genere fosse a capo della spedizione.


Giunte in prossimità del solenne ed imponente edificio del Sindaco, ecco giungere verso di loro una figura un po' goffa e dall'aspetto quasi simpatico. Capì dalle parole di colui che le aveva condotte sin lì che l'uomo si chiamava Rolf.
Non appena questi si rivolse a Laura e Divina, mentre a quest'ultima egli fece per stringere la mano, il Sindaco mostrò uno piccolo difetto nell'articolazione della “s”, probabilmente dato dai baffi pronunciati.


Sh-Shalve shignorine, shono Rolf il Shindaco... Shono felice e onorato di fare la vostrsha conosheanza!”


Laura stava giusto per rispondere, con la sua consueta aria educata e composta, quando la compagna la precedette, suo malgrado, di nuovo, con parole confuse e dal senso criptico.


La guerriera di Rabona, che non era un'ignorante, comprese comunque il senso generale. Divina aveva sproloquiato con tutti quegli aulici versi semplicemente per dire che avrebbe ascoltato con attenzione le indicazioni del Sindaco.


Durante l'ultima missione abbiamo incontrato pochi umani. Forse è per questo che non mi sono accorta di quanto potesse essere inopportuna...”


Ora, però, fu Laura, delicata seppur con distacco, a pronunciarsi. Non nascose a se stessa di sentirsi estremamente imbarazzata dal comportamento di Divina.


Buon giorno a voi, messere.” tagliò corto Laura. “Siamo qui per sistemare la situazione. Dateci le informazioni che possedete, di modo che possiamo intervenire quanto prima.”


Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Perfetto
Stato Psicologico: Intenzionata ad entrare in azione. Preoccupata in merito al comportamento di Divina: si augura non causi problemi nella missione. Imbarazzata per le parole confuse e altisonanti della compagna. Incuriosita dalla figura di Rolf.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki
11-07-2012, 02:16 PM
Messaggio: #19
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Sherto Sherto ma vi prego sheguitemi in casha, vi possho offrire poco ma quello che possho ve lo darò!

Il sindaco prende Divina a braccetto e si avvia verso l'entrata della dimora; la piccola folla che vi ha scortate sin lì si disperde e rimanete da sole con il buffo ometto. Giunte dentro con la piccola folla vi attende una tavola imbandita quasi a festa; certo non è ricchissima ma il profumo è delizioso. Minestre di verdura, pane fatto in casa e carne di bue!

Shpero vi uniate al noshtro banchetto, nel shfrattempo potremmo parlare di cosha shuccede qui!

La famiglia del sindaco si fa avanti e viene presentata con cordialità.

Queshta è mia moglie Briddy, poi ci shono le noshtre tre figlie: Angelica, Loretta e Eshster, ci prego di fare come she foshte a casha voshtra, vi vorremo offrire il pransho coshì potrete inishiare al meglio il voshtro lavoro.

Turnazione invariata
Trova tutti i messaggi di questo utente
12-07-2012, 09:52 PM
Messaggio: #20
Occhio per Occhio [Lochnir - Hankegami]
Citazione:"parlato"
pensato

Nel suo libro, Divina aveva letto d'eroi osannati, sollevati festosamente in aria, curati, abbracciati, invitati qui e lì.
Ma presi a braccetto, beh... neanche uno.
Comprensibile quindi il suo stupore quando il vecchio Rolf lo fece su di lei, trascinandola letteralmente dentro casa sua senza che lei avesse la minima prontezza di spirito d'opporsi, di fermarsi, di fare qualunque cosa; prima pure di poter pensare, la numero Sedici a propria insaputa si trovò accompagnata precipitosamente dentro una sala piena di gente e di tavoli adibiti a banchetto. Fu solo allora, quando l'arzillo sindaco arrestò la trazione per blaterare e gesticolare qualcosa che lei non capì, che la piccola Guerriera potè mettere ordine tra i suoi pensieri.

Ma cosa... Non ero forse in strada? E poi... ista tabola, et homeni attorno ad essa messi in riga?

Comprensibile la sua labirintite: nessuno le aveva parlato di banchetti.
Per non parlare del fatto che non aveva affatto fame.
Dato lo stato di cose, la sua prima reazione fu perciò di guardare in cagnesco la tavola imbandita.

... Volean forse ch'io ve banchetti? Per Dio, giammai? Già rosso pomo saziommi recente come sai, o Narrar, d'ogne mio mal fondo! Ch'attendi? Falla isparire ne' Nulla: altro ho da fare!

Perché naturalmente non sarebbe servito a nulla protestare con delle mere comparse: se la Trama s'era inventata quel banchetto, che la Trama provvedesse a farlo sparire, e immediatamente!
Nell'intanto, la miriade di gente tutta intorno a lei, per Divina poteva anche non esistere tanto era concentrata nel guardar male quelle portate sfrontate.





Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato Fisico: Illesa
Stato Psicologico: A dir poco turbata dal trascinamento a braccetto, una volta ritrovato un equilibrio interno Divina finisce col non apprezzare il banchetto, e perciò sentenosene offesa prende a guardarlo fissa in cagnesco aspettandosi che scompaia all'istante, tavola, piatti e pietanze tutte.
Abilità utilizzate: Percezione dello Yoki (passiva)

___________

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato
Trova tutti i messaggi di questo utente
Questa discussione è chiusa  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)