Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
QUI Per Il Decimo Capitolo Della Nuova Stagione!
03-02-2017, 07:20 PM
Messaggio: #1
QUI Per Il Decimo Capitolo Della Nuova Stagione!
CLAYMORE EPISODIO 10 - RAFFAELLA E JESS Pt 2


Inizia con un Flashback; (dovrebbero avere Raffaella circa 9 anni e Jess credo 6, secondo i miei calcoli). Jess sta scappando da un animale (un orso), ma inciampa:


JESS:
(per terra, spaventata)
ORSO:
Grrr
RAFFAELLA:
(da dietro da un pugno
all'orso e lo mette K.O)
Stai bene?
JESS:
S-Sì...
RAFFAELLA:
Come ti chiami?
JESS:
Jess...tu?
RAFFAELLA:
Raffaella...
JESS:
Allora...grazie Raffaella...io
abito nel paese qui vicino...
RAFFAELLA:
Ah...anche io...più
o meno...in realtà
la mia casa è in questa
foresta...
JESS:
Non so come ringraziarti
per avermi salvato...
Ah, vieni a casa mia un
attimo...la tua mamma
non si arrabbia, vero?
RAFFAELLA:
N-No, ma passo a dirglielo
un attimo...
JESS:
Va bene...


Arrivate dalla mamma di Raffaella:


RAFFAELLA:
(bussa)
Mamma...
MAMMA RAFFAELLA:
(apre)
Oh, ciao...e questa chi è?
RAFFAELLA:
Si chiama Jess, vuole che vada
dalla sua mamma, posso?
MAMMA:
Certo che puoi, poi magari
vieni tu da noi, d'accordo?
Sono contenta che tu abbia
degli amici...
JESS:
Va bene!
MAMMA:
Divertitevi! State attente!


A casa di Jess:


JESS:
(apre la porta)
Mamma sono a casa!
MAMMA JESS:
Ciao! Vedo che c'è una
tua amica, entra pure...
Come ti chiami...
JESS:
Si chiama Raffaella, mi ha
salvata da un orso...nel bosco...
MAMMA JESS:
(pensa)
Quella bambina è così piccola
come ha fatto a...
(parla)
Ti dico sempre di non andare
nel bosco da sola...
Grazie tante per averla salvata...
Vieni, siediti, ti offro qualcosa!
RAFFAELLA:
(si siede)
...Grazie...
MAMMA JESS:
Tieni, l'ho appena fatto...
JESS:
Avanti mangia! Il pane
della mamma è buonissimo!
RAFFAELLA:
(mangia)
E' buono! Grazie...
MAMMA JESS:
Anche a te!


Voce di Jess che racconta: "Da quel giorno in poi diventammo amiche, eravamo sempre insieme":


JESS:
Senti, posso chiederti una
cosa?
RAFFAELLA:
Certo!
JESS:
Come hai fatto a battere
quell'orso? Era così enorme!
Mio papà ci ha provato, ma
non c'è mai riuscito...
RAFFAELLA:
E' così difficile?
Io ho solo dato un pugno...
JESS:
...Mamma mi chiama...
Ci vediamo dopo cena!
RAFFAELLA:
Va bene...


A casa di Raffaella:


RAFFAELLA:
Mamma...Jess dice di avere
un papà...e io?
MAMMA RAFFAELLA:
Tesoro, tu...non hai
un papà...mi spiace...
RAFFAELLA:
Bhe, fa niente...
Però...io ho ucciso un orso,
ma la gente mi guarda in modo
strano...eppure ho salvato una
bambina...cosa c'è che non va
in me?
MAMMA:
Oh, Raffaella...non c'è nulla che
non vada in te, non fare caso
agli altri... (la abbraccia)
Tu devi andare sempre avanti,
d'accordo?
RAFFAELLA:
Sì...


"Poi arrivò lei al villaggio e qualcosa cambiò":


???
(incappucciata, entra in
una taverna e si siede al
banco)
BARISTA:
Cosa posso offrire?
???
Acqua...grazie...
(beve, lascia i soldi ed esce)
RAFFAELLA E JESS:
(correndo le passano
vicino)
RAFFAELLA:
(pensa)
Che strano...


Fuori paese, però, le due incontrano un risvegliato:


RAFFAELLA:
Rimani dietro di me!
JESS:
(ha paura, trema)
RAFFAELLA:
(le si para davanti)
RISVEGLIATO:
Due ragazzine, non male
come spuntino...
(vede Raffaella e pensa)
Quella bambina...perchè
ho paura? Meglio ucciderla
subito!
(ferisce Raffaella)
RAFFAELLA:
(Per terra, si rialza, ma
sanguina)
...che...male...
RISVEGLIATO:
E adesso...l'altra...
RAFFAELLA:
Non toccarla!
RISVEGLIATO:
Cosa?
???
(ha parato il colpo
del risvegliato)
E così eri qui...pare che
io attiri risvegliati
ultimamente...
RISVEGLIATO:
C-cosa? Tu...
???
Allora? Che dici di lasciarle
stare?
RISVEGLIATO:
(spaventato)
???
Tempo scaduto...
(lo taglia e lo uccide)
RAFFAELLA:
(cade, svenuta)
JESS:
Raffaella, svegliati...Raffaella...
???
(si avvicina)
Non preoccuparti piccola...
E' solo svenuta...
(prende il braccio Raffaella)
Tu sai dove abita?
JESS:
S-sì...seguimi...


Arrivate a casa di Raffaella:


JESS:
Io vado altrimenti la
mamma si preoccupa...
fatemi sapere come sta!
???
(annuisce)
Grazie piccola...
(bussa)
MAMMA RAFFAELLA:
(apre)
Raffaella!
???
Non si preoccupi...
Si sveglierà presto...
MAMMA:
Vieni dentro...
Appoggiala qui...
???
(la appoggia sul letto)
MAMMA:
(la copre e le pulisce la
ferita)
Ti ringrazio...posso sapere
il tuo nome?
LUISELLA:
Mi chiamo Luisella...
Luisella del Sud...
MAMMA:
(sorpresa)
Sei quella di cui parla
ultimamente la gente...
LUISELLA:
Non si preoccupi...non sono
quella di cui raccontano
gli uomini in nero...
Lei è al corrente di cosa
è quella ragazzina...vero?
MAMMA:
Certo! ...Ma lei è mia
figlia, è la mia raffaella, non
posso lasciarla sola...non posso...
LUISELLA:
Certo, capisco...stava
fronteggiando un risvegliato...
MAMMA:
Per fortuna che sei intervenuta...
Non potrei vivere senza di lei...
E' tutto ciò che ho...
LUISELLA:
Forse, macredo che ce l'avrebbe
fatta anche da sola...
MAMMA:
(triste)
LUISELLA:
Forse ha bisogno di qualcuno
che le spieghi...che la direzioni...
l'opinione delle persone ed
i loro sguardi possono
essere più dolorosi di una ferita
aperta...possono distruggere
una persona e lei è solo una
bambina...ma forse io non
posso nulla contro l'amore
di una madre e poi non sono
affari miei... (fa per andare)
MAMMA:
Aspetta! Il mio istinto mi
dice di fidarmi di te...
sembri una brava persona, ma
perchè lo fai?
LUISELLA:
Perchè voglio fare di questo
mondo un posto migliore...
Gli uomini in nero...li voglio
estinguere...
MAMMA:
Non mi sbagliavo allora, sei
una brava persona, hai
un grande senso di giustizia...
LUISELLA:
E' solo buon senso, ciò che
una persona ha di più caro
è la libertà e l'Organizzazione la
sta negando...io cambierò questo
mondo non importa quanto ci vorrà
e come lo farò...


Voce narrante di Raffaella: "Da quel momento Luisella venne a farmi visita una volta ogni cinque giorni...mi spiegò chi ero, cosa ero e cosa sarei stata...":


LUISELLA:
(le benda il ginocchio ferito)
D'ora in poi sarà tutto più
difficile...ma...
RAFFAELLA:
(ascolta)
LUISELLA:
Quello che sei, quello che hai
dentro...tutto questo non deve
influire su di te, l'opinione della
gente non conta, conti solo tu...
RAFFAELLA:
Perchè sono così?
Io...cosa sono?
LUISELLA:
Al mondo esistono mostri chiamati
yoma, la fusione tra uno yoma
e un umano si chiama Claymore e io
sono una di loro...tu sei come loro,
ma più forte...inoltre sei nata così...
In altre parole...sei un...demone...
RAFFAELLA:
Un demone? Ed è...cattivo?
LUISELLA:
Sta a te decidere...io sono qui
solo per aiutarti a capire chi
sei...


"Ci allenammo per un po, poi lei non fece più ritorno per un po, ma in quel periodo, successe una cosa":


RAFFAELLA:
(bussa a casa di Jess)
MAMMA JESS:
(apre)
RAFFAELLA:
(credo abbia 13-14 anni)
Salve, c'è Jess?
MAMMA JESS:
Oh, ciao...certo, te la chiamo...
Jess!
RAFFAELLA:
(nota che ha un occhio ferito)
Mi scusi signora, ma sta bene?
MAMMA JESS:
Non è nulla...
JESS:
Eccomi...


In un luogo isolato:


RAFFAELLA:
Scusa se non sono venuta
per un po...
JESS:
Ah, tranquilla...avevi da fare
con quella tipa dell'altra volta, no?
RAFFAELLA:
Sì, per me è come una sorella
maggiore, mi ha insegnato tanto...
Piuttosto...tua mamma...
non mi sembrava felice oggi...
e poi il suo viso...
JESS:
Bhe, ecco...la mamma ha detto
di non dirlo con nessuno, ma...
a volte il papà e la mamma
litigano e così...il papà...la
sgrida...


"All'inizio non capivo, poi, con il tempo, ho iniziato a comprendere, e, un giorno..."; Raffaella passa vicino alla casa di Jess e, sentendo delle urla, entra:


RAFFAELLA:
Jess!
(entra in una stanza e vede
il padre di Jess che picchia
la madre, lo prende per la faccia,
e, di fatto, lo uccide)
...
JESS:
(arriva e vede la scena)
RAFFAELLA:
Jess...
JESS.
Vattene! Vai vi di qui...
RAFFAELLA:
No...aspetta...io...
JESS:
Sei un mostro!
RAFFAELLA:
(corre via)


"Quelle parole..."vattene", "mostro"...risuonavano nella mia testa...il padre di Jess era un violento, ero arrabbiata e lo uccisi, l'unica persona che avevo era mia madre, lei mi abbracciò, ma tutti mi evitavano, avevano paura di me...":


RAFFAELLA:
(seduta su un sasso)
LUISELLA:
(da dietro)
Ehi, come stai?
RAFFAELLA:
(la guarda, ma distoglie lo
sguardo)
LUISELLA:
In paese si parla di te come
di un'assassina...
RAFFAELLA:
(si lancia contro Luisella
dandole dei pugni)
Io non sono un mostro!
La pensi come loro?
LUISELLA:
(schiva e poi le prende il pugno)
No, io sono più simile a te
che a loro...
Ora smettila! Anche io avrei
fatto la stessa cosa che
hai fatto tu, perciò...
RAFFAELLA:
...


Le due si siedono e guardano il cielo stellato:


LUISELLA:
Il mio scopo è quello di unire
Sud, Nord, Est e Ovest sotto
un'unica guida...me!
Così potrò controllare ciò che
non va e gli uomini come quello
che hai ucciso cesseranno di
esistere...questo è ciò che
voglio...
RAFFAELLA:
Perchè lo dici a me?
LUISELLA:
Abbiamo un legame...
Siamo..."sorelle", no?
RAFFAELLA:
(anniusce)
LUISELLA:
Tutte le stelle lassù siamo noi...
piccole, ma luminose...
RAFFAELLA:
Bello...
LUISELLA:
Già, ma ricorda che domani
non ci saranno più...
RAFFAELLA:
Ma poi torneranno...
LUISELLA:
Già, ma comunque sia loro
splendono nella più
completa oscurità...
E' solo attraverso il sonno assoluto
che l'umanità potrà apprezzare
ciò che non ha saputo
apprezzare da sveglia...


"Quelle parole le ricordo ancora adesso...poi se ne andò...dopo molti giorni nella mia vita rientrò Jess...":


RAFFAELLA:
...
JESS:
(dietro un albero alle spalle di
Raffaella)
RAFFAELLA:
(si gira di scatto)
Ah...sei tu...
(si rigira)
JESS:
(si avvicina)
RAFFAELLA:
Non dirò che mi dispiace...
Non voglio più farti del male,
quindi se vuoi picchiarmi fallo pure,
io non farò nulla...
JESS:
(con le mani le prende la mano
destra)
Non sono qui per picchiarti, sei
troppo forte...volevo...volevo
chiederti scusa...ti ho cacciata
e ti ho dato del mostro...
Ero spaventata...mi dispiace...
tu ci hai salvate, anche la
mamma me l'ha detto più
volte...ti voglio bene...
RAFFAELLA:
...Io pensavo...
JESS:
No, tu per noi sei un'eroe...
sei il mio eroe e mi spiace,
a causa mia in città tutti...
Ma tu sei uguale a noi, sei
come noi...e io...


"Avevo sempre vissuto considerandomi un mostro, considerandomi diversa da tutti...a parte la mamma nessuno mi voleva, anche se aiutavo tutti non avevo nulla indietro, nessuno gesto d'affetto...Quella volta Jess mi ha dato tanto, perchè alla fine...il modo in cui nasci è irrilevante, è ciò che fai del dono della vita che stabilisce chi sei" (Frase detta da Mewtwo nei Pokemon e riproposta da Yagi qui).
Tornando al presente:
JESS:
Sei pensierosa...
RAFFAELLA:
Pensavo al passato...
JESS:
A cosa?
RAFFAELLA:
(si alza)
Domani partirò...
JESS:
No, non se ne parla!
Sei ancora ferita...
RAFFAELLA:
Non preoccuparti, se
dovessi perdere tornerò
qui, te lo prometto...
JESS:
Lo so che sei forte, ma
fa attenzione!
RAFFAELLA:
(annuisce)
JESS:
(l'abbraccia)
Promettimi che terminato
tutto tornerai da me!
RAFFAELLA:
(l'abbraccia)
Certo, te lo prometto!
(entra, si toglie le bende,
si mette stivali, mantello,
spadone e cappello e va)
JESS:
(pensa)
Ti aspetterò qui...me
l'hai promesso...
RAFFAELLA:
(va)
...


FINE DECIMO EPISODIO...
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)