Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Shiki (Shi ki)
18-03-2015, 12:01 AM
Messaggio: #1
Exclamation Shiki (Shi ki)
La morte è terribile per chiunque. Giovane o vecchio, buono o cattivo, è sempre la stessa. La morte è imparziale. Non esiste una morte particolarmente terribile. Ecco perché la morte è così temibile. Le vostre azioni, la tua età, la tua personalità, la vostra ricchezza, la tua bellezza: sono tutti insignificanti di fronte alla morte.


[Immagine: Shiki_episode_3_-_third_tragedy_003_0019.jpg]

Trama tratta da wikipedia:
La vicenda si svolge nello sperduto villaggio di montagna di Sotoba dove ancora sopravvivono antiche tradizioni, come l'inumazione dei defunti. Al termine di una torrida estate, una strana famiglia si trasferisce all'improvviso nel castello in stile occidentale che domina il villaggio dall'alto di una collina. Contemporaneamente una serie di morti improvvise comincia a decimare gli abitanti; il primario oltre che proprietario dell'unica clinica, Ozaki Toshio, inizialmente sospetta una misteriosa epidemia ma, con l'aiuto del suo amico d'infanzia, Seishin Muroi, ora monaco del tempio locale e autore di romanzi di successo, scoprirà una realtà più terribile di qualunque immaginazione.
Finito di visionare recentemente e devo ammettere che Shiki (o Shi Ki) è un'anime decisamente profondo e di una malinconia mista a dolcezza davvero impressionante. Tale serie rientra nel genere horror non splatter violento, eccetto qualche scena e gli ultimi 2-3 episodi, ma d'atmosfera psicologico ( J-Horror qualcuno direbbe) causa ritmo molto lento, colonna sonora malinconica triste e luoghi oscuri. Ma non sono questi elementi ad avermi appassionato (questo lo dice uno che ha un rapporto conflittuale con gli horror come dissi tempo fa); non è la trama che comunque rimane solida, priva di sbavature e ben scritta; neanche una regia sicura, capace di lasciare lo spettatore a fine episodio incuriosito e impaziente di continuare la visione; sono i personaggi il pilastro della serie: sono loro e le loro credibili reazioni di fronte a questi eventi a rendere la serie un piccolo gioiellino. Mi spiego.
Non esiste un unico assoluto protagonista ma tanti, i quali affronteranno questi misteri indipendentemente fino alla fine, così come ognuno troverà una soluzione differente al problema
Il dottor Ozaki rappresenterebbe il lato razionale dell'uomo: come medico cerca razionalmente di scoprire la causa di questa misteriosa epidemia; ma quando i morti aumentano, l'inefficacia di qualsiasi cura e l'impossibilità di fermarne l'avanzata mineranno sempre di più la sua coscienza avvicinandolo sempre di più alla pazzia, egli si avvicinerà sempre di più all'occulto fino a trovare la risposta alle sue domande ed esaltando la sua natura razionale e fredda. 
In suo aiuto ci sarà il giovane Yuuki Natsuno: un ragazzo apparentemente asociale e scontroso, con un profondo odio per questo villaggio così chiuso, che rivelerà nei momenti più difficili un'ottimo autocontrollo, gran intelligenza e un'inaspettato, apparentemente, senso di sacrificio.
Di natura più complessa è decisamente il monaco Seishin: come monaco ha una mentalità più ''aperta'' e più ''comprensiva'' del suo amico dottore; eppure egli nasconde una malinconia e un senso di disperazione insospettabile inizialmente, ma di cui ne viene data prova man mano che si procede con la visione. Ugualmente inspiegabile all'inizio il suo modo di affrontare ''l'epidemia'' .
Uccidere gli altri non è  giustizia, non importa quale tipo di nobile causa uno sostiene. 

Ed ora il personaggio forse più affascinante, misterioso e tragico della serie: la ''piccola'' Sunako Kirishiki. Fin dalla sua prima apparizione mostra un' enorme maturità e un fitto alone di mistero.  
La sua tragicità deriva dal fatto che benché sia ben consapevole di ciò che sta facendo e di quanto gravi siano i suoi crimini, lei dovrà per sempre essere così pena la cessazione della sua esistenza.
Non lo trovi ... ironico? Ho davvero ucciso tanta gente ... Non importa quanto un assassino sia atroce, non penso che abbia ucciso così tanti quanti io. Essere uccisa è la mia punizione.Eppure ho paura. Perché? Se fossi la protagonista di una storia, qualcuno sarebbe venuto a salvarmi. Si sarebbe verificato perfino un miracolo.Ma io non ho nessuno che possa venire a salvarmi.Non c'è un dio che possa fare un miracolo per me, dato che sono un'assassina.Però io non ho fatto nulla di male. Mi sono nutrita.Se io non mangiassi morirei di fame. . . non dovrei farlo? Sono una persona cattiva perché non ho voluto morire di fame?

 Perché? Perché quella volta non hai fatto nulla? Perché non hai cercato di impedirmi di commettere questi peccati? Non sono diventata tua nemica perché lo volevo! E alla fine, non cercherai di perdonarmi. Perché? 


Lodevole è pure la caratterizzazione dei personaggi secondari: le loro reazioni sono umanamente credibili, capace di suscitare nello spettatore sia momenti di compassione che momenti di apprensione.
Melodrammatico, filosofico, crudele, dolce, riflessivo, Shiki è una serie ''subdola'' poiché non coinvolge lo spettatore con immagini eccessivamente crude o forti, quanto sulle reazioni collettive dei personaggi,  dialoghi curati e profondi, la drammaticità di alcuni personaggi e degli eventi, rendendola una serie pesante per le importanti tematiche trattate (il rapporto con Dio, la coesistenza qui impossibile tra specie diverse, l'impossibile divisione netta tra bene e male) ma appagante e gran fonte di riflessione.
Altamente consigliata agli amanti di serie impegnate; sconsigliata a chi cerca serie leggere e rilassanti.
Voto oggettivo 9. Voto soggettivo 10.

[Immagine: tumblr_nrhmk4eLmM1u1e5jeo1_540.gif]

I veri uomini possiedono denaro, e con esso potere; chi non ha nulla è una mera preda per noi uomini. E tu che non possiedi nulla dimmi. . . cosa sei?
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-03-2015, 11:48 AM
Messaggio: #2
RE: Shiki (Shi ki)
Me ne hanno parlato...
Dicono che il tema psicologico e razionale sia molto complesso e altamente "Ramificato"
Essere ben preparati a comprendere temi di psicologia e logistica è il primo avvertimento che mi pare abbiano dato.

[Immagine: 33ubrbq.jpg]

Tenendola nella sua mano, lei lo guarda con occhi rossi pieni di comprensione.
I loro occhi si trasmettono qualcosa di silenzioso, che solo loro sanno.

Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)