Benvenuto ospite!  Log inRegistrati

Questa discussione è chiusa  
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
TEST Storie di terrore [The Evil One]
26-04-2018, 04:47 PM
Messaggio: #41
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Sicuramente c'era qualcosa di strano in tutto questo, e il gruppetto era decisamente confuso. Tensione e nervosismo regnavano, ma nessuna ebbe la cattiva idea di andare contro le istruzioni di Bianca e di Viviana: se loro due erano d'accordo sul restare unite e ferme in posizione, voleva dire che doveva essere una buona strategia. Passarono momenti di ansia e paura, che le novizie a malapena riuscirono a sostenere, prima che Bianca decidesse di urlare quello che fondamentalmente era un invito, per quanto minaccioso, a entrare. Una dozzina di occhi di concentrò immediatamente sulla porta, che per interminabili istanti rimase immobile.
Poi, lentamente, cominciò ad aprirsi e una figura entrò.
Una novizia.
Oh, no, la non-morta....
Lisa squittì, terrorizzata, ma Viviana le rifilò uno schiaffo sulla nuca e puntò il dito sull'intrusa, sibilando alla ragazzina impaurita.
Scema, non la riconosci? E' Giovanna!
Ebbene sì, guardandola meglio quella era Giovanna, una delle loro compagne che erano state incluse nella squadra due. Dietro di lei era possibile intravedere le altre, che poco a poco entrarono a loro volta nella chiesa. Ci furono non pochi sospiri di sollievo.
Ci avete fatto prendere un colpo!
Sbraitò Nora, agitando la mano libera in segno di saluto. Giovanna sorrise e fece spallucce.
Credevate che fossimo Yoma? O magari una qualche specie di mostro delle favole? Che razza di guerriere siete?
L'atmosfera si era fatta decisamente meno tesa, ma il gruppo due pareva in qualche modo incerto: erano ancora ferme all'entrata, non si stavano avvicinando, e l'unica a sorridere era la portavoce, mentre le sue compagne avevano espressioni torve. Per il momento, nessuna del gruppetto di Bianca si era mossa, ma tutte quante si erano visibilmente rilassate.
Trova tutti i messaggi di questo utente
26-04-2018, 08:56 PM
Messaggio: #42
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Bianca si sentì una completa imbecille quando Giovanna e le altre novizie scostarono la porta. Certamente fu sollevata dal fatto che non ci fosse nessuna non-morta o feroci Yoma, ma il suo orgoglio ne uscì ferito. Come aveva potuto non pensare all'altro gruppo di apprendiste? Tutte le stranezze di quel luogo ed il mistero della novizia scomparsa le avevano letteralmente mangiato il cervello. Era più inesperta ed acerba di quanto non credesse.

"Non ho visto dove Gaul le abbia condotte... ma sono stata comunque una stupida! Non avrei dovuto farmi coinvolgere così tanto..."

Il disagio provato da Bianca fu più forte del sollievo di non aver incontrato potenziali mostri, tanto che non riuscì ad abbassare la tensione come avevano fatto le sue compagne. Alla frecciatina di Giovanna avrebbe risposto in malo modo ma l'idea di spiegare nuovamente ad altre sei ragazze tutta la storia della novizia scomparsa la fece desistere volentieri.

"E poi non servirebbe a nulla, nessuna di noi ci ha capito niente... figuriamoci loro che non hanno visto nulla..."


Quell'ultimo suo pensiero però la fece riflettere. A parte Giovanna, presumibilmente la caposquadra, le altre cinque apprendiste avevano uno strano atteggiamento. Erano rimaste immobili sull'uscio ed i loro volti non trasmettevano serenità. A Bianca parve strano e decise di lanciare a sua volta domande scomode, per controbattere e per indagare. Come mai da queste parti? Non siete riuscite a trovare un riparo prima che giungesse il buio? La vena ironica sarebbe stata percepibile da un'interlocutore sveglio. Poi si rivolse direttamente alle ragazze alle spalle di Giovanna. E voi perché quelle facce scure? Avete visto un fantasma? Istintivamente non smise di focalizzare la sua Percezione sul gruppo due appena giunto.

Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato fisico: Stanca.
Stato psicologico: Si sente stupida a non aver capito prima che si trattasse del gruppo due; poi si insospettisce vedendo l'atteggiamento delle novizie appena giunte.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Focalizzata sulle guerriere del gruppo due.
Trova tutti i messaggi di questo utente
26-04-2018, 09:15 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 26-04-2018 09:15 PM da Narratore.)
Messaggio: #43
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Giovanna si strinse nelle spalle alla replica tagliente di Bianca, avanzando di un paio di passi.
Ci eravamo fermate in quella che sembrava una caserma, ma poi abbiamo Percepito uno Yoki e abbiamo deciso di indagare. Non ci avevate sentite?
A quanto pare la vena ironica nelle parole della novizia era stata colta e restituita. Quando le altre si sentirono chiamate in causa, si scambiarono sguardi nervosi per un momento prima che una di loro replicasse:
Be', abbiamo sentito storie e siamo un po' tese. Insomma, non eravamo tutte d'accordo sull'andare verso la fonte di Yoki....
Siamo in numero pari, e non siamo riuscite a giungere a un voto unanime. Dateci il tempo di rilassarci.
Aggiunse Giovanna con un altro ampio sorriso. Era evidente che lei fosse la portavoce, se non la caposquadra, grazie alla sua parlantina sciolta e al suo atteggiamento amichevole. La sua squadra era nel complesso ben più riservata e apparentemente - per loro stessa ammissione a questo punto - nervosa. La cosa era in netto contrasto con il gruppo uno, che per contro contava solamente Bianca tra le scettiche mentre le altre erano in procinto di abbandonare il riparo che si erano costruite sull'abside per andare ad accogliere le compagne.
Trova tutti i messaggi di questo utente
28-04-2018, 07:42 PM
Messaggio: #44
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Certo che vi abbiamo sentite. Anche da molto lontano...

Bianca rispose a tono facendosi valere e, ritenendo di aver superato il confronto verbale con Giovanna, non la guardò più. Osservò invece le novizie dall'atteggiamento nervoso. La loro storia fu convincente e non ebbe modo di dubitare di loro. Era plausibile che sapessero del mistero della Città Senza Nome e che fossero spaventate quanto lo era lei. Una cosa tuttavia la colpì.

"Hanno percepito una fonte di Yoki...? Forse hanno percepito noi sei come un unico essere, così come abbiamo errato noi..."

Bianca vide le sue compagne appropinquarsi al gruppo due e non poté far altro che accodarsi a loro. Senza perdere tempo in inutili convenevoli, si riallacciò al discorso rivolgendosi alle nuove arrivate, a nessuna in particolare: La fonte di Yoki che avete percepito veniva in direzione di questa chiesa? E di che entità era?
Aveva abbassato la tensione ma la voglia di vederci chiaro rimase immutata, così come la sua proverbiale "cortesia".

Citazione:Yoki utilizzato: 0%
Stato fisico: Stanca.
Stato psicologico: Incuriosita.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Passiva)
Trova tutti i messaggi di questo utente
29-04-2018, 03:21 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 29-04-2018 03:21 AM da Narratore.)
Messaggio: #45
RE: Storie di terrore [The Evil One]
La novizia che aveva preso parola rispose alla domanda di Bianca mentre i due gruppi si avvicinavano l'uno all'altro, Lisa in testa con un ampio sorriso di sollievo. 
Sì. Eravate voi.
La replica fu decisamente scabra, senza nemmeno una vera intonazione. Essendo in fondo alla sua squadra, Bianca poté notare come il gruppo due si fosse disposto in una linea perpendicolare a quella formata dalla squadra uno, in modo da bloccare il loro accesso alla porta.
Prima che potesse chiedersi perché, però, Lisa arrivò davanti a Giovanna. Proprio quand'era in procinto di abbracciarla, improvvisamente la punta insanguinata di una claymore apparve nella schiena della timida ragazzina.
Spiacenti, ragazze....
Fu tutto ciò che la caposquadra due mormorò prima che le sue compagne si gettassero contro il gruppo uno a spada tratta.
Trova tutti i messaggi di questo utente
02-05-2018, 04:47 PM
Messaggio: #46
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Bianca notò subito qualcosa di strano nella formazione del gruppo due. L'istinto l'aveva messa in guardia fin dal primo momento in cui avevano messo piede nella chiesa ma nessuna delle sue compagne condivise i suoi sospetti. Ora avvertiva una strana sensazione ma non fece in tempo nemmeno a pensare di avvertire le ragazze. L'unica cosa che poté fare fu assistere alla lama che fuoriusciva dalla schiena di Lisa. Le fece male come se lei stessa fosse stata trafitta. Il cuore perse diversi battiti e nella sua mente mulinò un calderone di dolore ed incredulità.

NOOOOO!!! LISAAAAA!!!

Urlò quasi fino a squarciare le corde vocali e ne scaturì un ruggito rauco. Fra tutte le sensazioni che stava provando un profondo senso di ingiustizia era la predominante. Perché mai Giovanna ed il gruppo due stavano attaccando? E cosa aveva fatto di male Lisa per meritarsi ciò? Si sentiva responsabile per lei. Si era dimostrata debole e poco sicura di sé, ma era buona e gentile e non era giusto che pagasse un colpo sporco come quello. Fu questo che fece scattare qualcosa in Bianca. Sentì il potere dello Yoma scaturire naturalmente dall'interno del suo corpo ma fu pronta a domarlo. Le pupille si ridussero a delle fessure e le iridi divennero dorate. Il brio causato dallo Yoki tuttavia non la distolse dal fatto che voleva aiutare Lisa a tutti i costi. Le sue azioni furono guidate da un puro istinto di altruismo e non pensò ad altri che alla sua compagna.

Tutto avvenne in pochi istanti. Il gruppo due si stava gettando contro le compagne di fronte a lei, le quali creavano una sorta di scudo umano. Approfittò di questa "copertura", data dal fatto di trovarsi in fondo alla sua squadra, per scartare lateralmente all'attacco frontale. Si diresse a sinistra, cercando di saltare o scavalcare quanto più velocemente possibile le panche che avrebbe trovato sulla sua strada, tante quanto bastava per raggiungere la stessa altezza di Giovanna. Se ci fosse riuscita, Bianca avrebbe poi provato a riconvergere al centro verso la nemica, spada sguainata in alto nella mano destra, cercando di menare un fendente discendente da destra verso sinistra. Mirò alle braccia di Giovanna, che probabilmente afferravano ancora la spada conficcata nel petto della povera Lisa. L'obiettivo minimo che voleva raggiungere era far indietreggiare Giovanna e liberare la sua compagna dalla spada della nemica. Se fosse riuscita nel suo intento, avrebbe poi cercato di spostare il corpo di Lisa dalla navata centrale, per metterla più al sicuro. Pur non essendo molto agile, cercò di essere quanto più veloce possibile nei movimenti. Doveva agire tempestivamente per avere una chance di salvare Lisa.

Citazione:Yoki utilizzato: 10% - Punti Limite: 1/7,5
Stato fisico: Stanca. Iridi dorate.
Stato psicologico: Scossa dall'accaduto ma determinata a salvare Lisa.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Su Giovanna
Trova tutti i messaggi di questo utente
03-05-2018, 06:06 PM
Messaggio: #47
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Il caos si scatenò nella chiesa: mentre scartava di lato per evitare la battaglia che cominciava a infuriare, Bianca poté analizzare la situazione con la coda dell'occhio, per quanto fosse concentrata su Giovanna. Viviana pareva non avere problemi, nonostante fosse la seconda della fila, e si portò rapidamente in una posizione meno sfavorevole mentre schivava la lama della sua avversaria. Nora stava parando la spada nemica mentre indietreggiava, più in difficoltà ma apparentemente in grado di cavarsela. L'avversaria di Rona era finita contro una panca mentre tentava di allargarsi un po' troppo, consentendo alla novizia dai capelli corti di riposizionarsi a piacere. Tutto sommato la reazione del gruppo uno era stata piuttosto rapida, anche se l'unica a passare al contrattacco era stata Bianca, che per farlo non aveva potuto sincerarsi delle condizioni di Gioia, la penultima della fila. Furibonda, l'eminenza bianca si lanciò su Giovanna, che però colse il movimento - anche perché non era stato affatto silenzioso dato che si era spinto attraverso le panche semidistrutte - e fu rapida a ritirarsi. La claymore di Bianca tagliò solo aria, ma a lei interessava più che altro di portare la povera Lisa in un posto sicuro. Appoggiatala dietro a una delle panche intatte, poté notare che respirava ancora, benché a fatica, e che la lama era penetrata un po' sotto la linea del seno, probabilmente colpendo gli organi vitali solo in parte. Lisa era sconvolta e terrorizzata, e non sembrava in grado di comprendere la situazione né di Rigenerarsi di sua spontanea volontà: l'esperienza doveva averla lasciata traumatizzata.
Trova tutti i messaggi di questo utente
06-05-2018, 01:03 PM
Messaggio: #48
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Bianca adagiò con cautela il corpo di Lisa e le posò delicatamente una mano sulla guancia, mentre la ferita all'addome sanguinava. Resta qui buona, io torno subito. Le disse, con fare insolitamente dolce per i suoi canoni, forse perché certa che non poteva comprenderla del tutto. Alzatosi, guardò brevemente le sue compagne far fronte all'offensiva nemica per poi rivolgersi all'avversaria, Giovanna. La penetrò con uno sguardo furioso.

Prima che io ti finisca, mi dirai il perché di questa follia.

Non avrebbe perso tempo in chiacchiere inutili. Prima gliel'avrebbe fatta pagare e poi sarebbero arrivate le spiegazioni. Bianca era profondamente adirata per ciò che aveva fatto ma si trattava di una rabbia controllata, un fiume in piena con solidi argini a contenerlo. Sapeva con chiarezza quello che avrebbe dovuto fare. Le compagne alle sue spalle se la stavano cavando bene ma erano in inferiorità numerica e non sapeva quanto avrebbero potuto resistere. Doveva pareggiare i conti alla svelta.

Bianca attinse ad altro potere demoniaco e lasciò che esso si sviluppasse lungo il suo corpo. Aveva già raggiunto quel livello in allenamento ma non si era mai spinta oltre. Il brio causato dallo Yoki era aumentato più di quanto lei volesse ammettere ma in quel frangente non ebbe problemi a controllarlo. Rinvigorita dalla rabbia e dallo Yoki si lanciò all'attacco, le vene intorno agli occhi pulsanti.
Afferrò la claymore con entrambe le mani per avere un'impugnatura salda e scattò in avanti verso Giovanna. Caricò un fendente esattamente come quello che aveva sferrato pochi istanti prima, diagonale e discendente da destra verso sinistra, nell'intento di ingannarla. Questa volta infatti si trattava di una finta. Anziché protrarre le braccia verso Giovanna, estendendole per aumentare la portata del colpo, le ritirò dietro aiutandosi con una torsione del busto verso sinistra. Lo scopo era quello di far andare il colpo "corto" e mandare a vuoto l'eventuale parata di Giovanna. A quel punto, Bianca avrebbe approfittato delle braccia rannicchiate e raccolte sul suo fianco sinistro e delle spalle in torsione per sferrare un affondo verso la guardia scoperta dell'avversaria (la destra di Giovanna), facendo scattare la spada come una molla diretta all'addome. Anche se l'avversaria avesse schivato, avrebbe eseguito la stessa mossa per cercare di incalzarla e di farla indietreggiare ancora. Alle spalle di Giovanna vi era il portone della chiesa e questo l'avrebbe messa con le spalle al muro. Non dimenticò la situazione alle sue spalle ma da quella posizione non poteva far altro che buttarci un'occhio. Doveva fidarsi delle sue compagne.


Citazione:Yoki utilizzato: 20% - Punti Limite: 2/7,5
Stato fisico: Stanca. Iridi dorate e vene intorno agli occhi ingrossate.
Stato psicologico: Infervorata e decisa a sconfiggere Giovanna.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Su Giovanna
Trova tutti i messaggi di questo utente
08-05-2018, 07:29 PM
Messaggio: #49
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Lisa pareva messa male, e la sua mente doveva essere altrove: non ci fu risposta all'affermazione di Bianca. In compenso Giovanna era pronta, in guardia, e sorridente mentre aspettava che la sua avversaria analizzasse il campo di battaglia. Le sue minacce erano andate a vuoto, e non ricevettero replica al di là di quel sorriso provocatorio. Viviana non era riuscita a parare completamente un colpo, ma aveva allontanato la novizia con cui era impegnata con un ampio fendente. Purtroppo l'attaccante sembrava illesa. Nora stava tentando di liberarsi della spada nemica che aveva bloccato, ma senza successo. Rona aveva scelto male il tempismo del suo assalto e si trovava con una leggera ferita al fianco. Gioia era ancora fuori dalla visuale, e Bianca non poteva aspettare a lungo: rischiava di lasciarsi sfuggire la sua preda. Così si lanciò contro Giovanna con furia, ma anche con un piano: voleva fintare per poi colpirla all'addome con un affondo. C'era quasi riuscita quando all'improvviso la lama di Giovanna si interpose tra la sua claymore e l'obiettivo, bloccandola. Guardando in alto, Bianca avrebbe potuto notare gli occhi dorati della sua nemica.
Bel tentativo.
Le concesse prima di tentare di spingerla via e poi immediatamente lanciare un fendente a sua volta, con l'intento di tracciare una lunga ferita nel petto di Bianca.
Trova tutti i messaggi di questo utente
09-05-2018, 12:39 PM
Messaggio: #50
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Bianca stava quasi per assaporare il sapore della stoccata vincente quando Giovanna bloccò abilmente il colpo. Non poté nascondere un'espressione di disappunto quando i loro occhi dorati si incrociarono.
Tsk.
Non rispose alla provocazione della nemica, non ve ne fu il tempo. Quest'ultima infatti cercò di farla indietreggiare per poi sferrare un fendente. Bianca, colpita dalla destrezza di Giovanna, decise di utilizzare un approccio più fisico e meno tecnico. Sempre con un'impugnatura a due mani, alzò la guardia e cercò di frapporre il forte della sua lama contro il fendente avversario. Ci mise molta forza per cercare di evitare che la sua difesa venisse spezzata. Se ci fosse riuscita, avrebbe approfittato del contrasto fra le due lame per avviare una sorta di prova di forza con Giovanna, aiutandosi con i bracci della guardia caratteristici di tutte le claymore. Avrebbe poi tentato di spingerla via e sbilanciarla all'indietro per poi menare a sua volta un colpo di traverso alla gamba più avanzata della nemica. Anche in caso di parata fallita avrebbe agito allo stesso modo, cercando di resistere il più possibile al dolore. Giovanna era più abile di quello che immaginava ed avrebbe dovuto indebolirla o rallentarla prima di poterla battere.

Citazione:Yoki utilizzato: 20% - Punti Limite: 3/7,5
Stato fisico: Stanca. Iridi dorate e vene intorno agli occhi ingrossate.
Stato psicologico: Concentrata nello scontro.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Su Giovanna
Trova tutti i messaggi di questo utente
10-05-2018, 02:37 PM
Messaggio: #51
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Ormai decisa a vendicarsi dell'affronto subito e ignara di ciò che le succedeva intorno, Bianca si concentrò su Giovanna per assicurarsi che pagasse per quello che lei non poteva vedere che come un tradimento in piena regola. La parata le riuscì, con vaga sorpresa della sua avversaria, che cominciò a spingere con entrambe le mani per fare breccia nella difesa della novizia. Tuttavia, Bianca si dimostrò decisamente troppo forte per lei e la costrinse a indietreggiare, lasciandole anche un taglio superficiale in una gamba mentre tentava di allontanarsi.
Gah. Che razza di bruta....
Ringhiò Giovanna prima di tornare all'attacco: aumentando a sua volta il livello di Yoki nel sangue, tentò di eseguire un affondo verso il volto, solo per poi ritirarlo e usarlo come finta per lanciare invece un fendente verso il fianco sinistro di Bianca, il più difficile da proteggere. 
Trova tutti i messaggi di questo utente
12-05-2018, 12:53 AM
Messaggio: #52
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Vinto lo scontro di forza Bianca riuscì ad infliggere poco più che un graffio a Giovanna, la quale commentò in maniera sgarbata. Eppure, quelle parole le fecero piacere e ne uscì rinvigorita. Non ebbe molto tempo per compiacersi però, perché la nemica passò rapidamente alla controffensiva sprigionando ancor più potere demoniaco. Quando vide la lama puntare velocemente verso il suo volto, ebbe la sensazione che si trattasse di un'attacco troppo preciso e diretto da portare frontalmente. Si ritrovò comunque a scostare il capo naturalmente, aiutandosi con una torsione del busto, per evitare l'affondo che però non avvenne. Aveva intuito la finta con la mente, ma il corpo si mosse governato dall'istinto. Ciò tuttavia le consentì di essere più consapevole del veloce fendente che Giovanna le stava per sferrare nel suo lato più scoperto.

"Mi chiami bruta? Bene... combatterò brutalmente allora!"

Accertatosi del suo vantaggio in termini di forza sull'avversaria, Bianca decise di non limitarsi a parare il colpo, ma di contrattaccare. D'altronde, sarebbe stato troppo tardi per schivarlo. Compì un leggero balzo verso destra per prendere un po' di margine e provò a sferrare una vera e propria mazzata con la spada impugnata a due mani, in direzione della claymore nemica, in modo tale che il suo fendente non solo annullasse ma respingesse quello avversario. Mise tutta la grinta, il vigore e la velocità che possedeva in quella sferzata.

"Spero di fare in tempo!"

La sua intenzione era quella di far cozzare le lame così violentemente da far perdere a Giovanna la presa sulla spada o perlomeno di spezzarne la guardia. Se ci fosse riuscita, avrebbe approfittato dell'attimo di apertura per sferrare un affondo all'addome, sotto i seni, esattamente dove era stata ferita Lisa.
Se il contrattacco non fosse riuscito invece, Bianca si sarebbe preparata a smorzare ed incassare il colpo come meglio avrebbe potuto, tentando di limitare i danni. Se la ferita e le forze gliel'avessero consentito, avrebbe provato a bloccare con il braccio sinistro la spada ancora conficcata nel suo fianco, per immobilizzare Giovanna e poi restituirle il "favore" con l'altro braccio impugnante la spada, menando un colpo rovescio in direzione del braccio e del busto.

Citazione:Yoki utilizzato: 20% - Punti Limite: 4/7,5
Stato fisico: Stanca. Iridi dorate e vene intorno agli occhi ingrossate.
Stato psicologico: Concentrata nello scontro.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Su Giovanna
Trova tutti i messaggi di questo utente
14-05-2018, 05:57 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 14-05-2018 05:58 PM da Narratore.)
Messaggio: #53
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Nonostante la sua finta fosse stata efficace, Giovanna aveva sottovalutato la velocità di reazione e la pura potenza fisica di Bianca: il suo attacco si fermò appena dopo aver toccato il fianco della caposquadra del gruppo uno, lasciandole poco più che un graffio (ferita leggera), dopodiché la sua claymore venne colpita con una forza tale da farle quasi perdere la presa. Con uno sforzo immane, Giovanna non si lasciò sfuggire l'arma, ma in compenso si sbilanciò più che a sufficienza per permettere a Bianca di infliggerle quel colpo vendicativo all'addome: data la posizione, la spada penetrò solo di qualche centimetro, ma bastò a far urlare la sua avversaria di dolore mentre sputava sangue. Bianca però ebbe poco tempo per gioire del risultato: improvvisamente, una voce risuonò alle sue spalle.
Bianca, attenta!
Una delle novizie della squadra due stava venendo in soccorso della sua caposquadra, e il gruppo uno non era in grado di aiutare: Bianca stava per essere stretta in un due contro uno.
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-05-2018, 12:25 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 18-05-2018 12:46 AM da The Evil One.)
Messaggio: #54
RE: Storie di terrore [The Evil One]
L'acciaio le baciò dolcemente il fianco, arrestando la sua corsa prima che esso divenisse mortale. Bianca aveva respinto con proverbiale forza il colpo nemico ed era riuscita vincitrice dallo scambio. Non poté che provare piacere nel vedere Giovanna sputare sangue ma non si ritenne soddisfatta del risultato.

"Dovevo trafiggerla e metterla ko una volta per tutte!"

Non ebbe il tempo di incalzare la sua avversaria quando udì qualcuno richiamare la sua attenzione alle sue spalle. Una delle sue compagne, in veste di angelo custode, le guardava le spalle e la avvisò dell'imminente pericolo. Bianca non si scompose e non ebbe bisogno di voltarsi per capire cosa stava per succedere. Sapeva di trovarsi in una posizione poco strategica e che sarebbe stato solo questione di tempo prima che il gruppo due la stringesse in una morsa.

Tsk.

Sapeva cosa fare. Ruotò di 90 gradi in modo da avere le avversarie su ambedue i lati e disimpegnò, cercando di indietreggiare imboccando uno spazio libero fra le panche semidistrutte. Voleva dirigersi verso la navata ancora integra, per guadagnare tempo e spazio. Se ci fosse riuscita, avrebbe poi cercato di avanzare in modo tale da raggiungere l'altezza delle guerriere del gruppo due, le quali attaccavano le sue compagne. In questa maniera, avrebbe avuto tutte le nemiche davanti a sé o alla sua sinistra.

"Se non ci provo, non saprò mai quanto in là posso spingermi...!"

Rilasciò altro potere demoniaco, in quantità minori rispetto a quelle che aveva sprigionato prima, eppure le sembrò di non essere mai stata così...diversa. Le vene pulsarono più vigorosamente ed il volto le fece male. Sentì i denti digrignare. Ma soprattutto, dal profondo di sé stessa scaturì un'aggressività che non aveva mai provato prima. Era dirompente ma non tanto da soverchiare la sua coscienza, che rimase concentrata sulle sue avversarie.

"Chiuderò questa faccenda..."

Si preparò all'attacco. Se la novizia che l'aveva incalzata l'avesse seguita, si sarebbe scagliata velocemente contro di lei per tentare di prenderla controtempo. La spada alta sulla sua testa impugnata a due mani sarebbe stata solo un diversivo, perché l'avrebbe poi portata sul lato destro per sferrare un singolo potente colpo mezzano diretto al ventre, spazzando l'aria sopra le panche di legno.
Se invece avesse avuto campo libero, Bianca si sarebbe scagliata contro il fianco delle quattro novizie del gruppo due impegnate a combattere Viviana, Rona, Nora e Gioia. Avrebbe sferrato fendenti brutali, nella speranza di coglierle di sorpresa e rovesciare le sorti del combattimento. I suoi occhi brillavano di ferocia.

Citazione:Yoki utilizzato: 25% - Punti Limite: 5/7,5
Stato fisico: Stanca. Iridi dorate con luce brillante, vene intorno agli occhi ingrossate ed alcune sulle guance. Un accenno di denti aguzzi.
[Ferita Leggera] Graffio sul fianco sinistro
Stato psicologico: Aggressività aumentata. Concentrata nello scontro.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Sulle avversarie davanti a sé

/OT chiedo scusa per il ritardo ma sono molto impegnato, potrei tardare anche nei prossimi turni =( /OT
Trova tutti i messaggi di questo utente
18-05-2018, 06:38 PM
Messaggio: #55
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Nonostante l'insoddisfazione di non essere riuscita a finire la sua avversaria, Bianca sapeva di non potersi lasciar cogliere impreparata, così disimpegnò appena in tempo per evitare l'assalto della nuova arrivata. Mentre Giovanna arretrava, barcollante, e crollava su un ginocchio stringendosi l'addome con la mano libera, la sua compagna incalzò l'eminenza bianca, che la guidò nella navata destra nel tentativo di seminarla e aggirarla per aiutare il proprio gruppo. Bianca poté così vedere brevemente uno scorcio della situazione: la battaglia era caotica a dir poco, un tornado di bianco, giallo, rosso e argento che rendeva difficile capire cosa esattamente stesse succedendo. L'unica cosa che le era chiara era che nessuna era illesa, anzi... c'erano già tre novizie immobili a terra, seminascoste dalle panche e da quelle ancora in piedi. Non riuscì però a identificarle, perché l'inseguitrice l'aveva quasi raggiunta: Bianca dovette concentrarsi su di lei per eseguire la finta che aveva previsto, lasciando che lo Yoki scorresse forte in lei e guidasse la sua spada. Colta alla sprovvista, l'avversaria tentò di parare ma fu tratta in inganno, finendo con un taglio non indifferente all'addome. Non sufficiente per abbatterla, ma a guardarla meglio aveva già subito alcune ferite e doveva essere piuttosto stanca. Ciononostante, dopo aver preso un minimo di distanza, si lanciò nuovamente contro Bianca, urlando a squarciagola mentre preparava un brutale fendente dall'alto: non pareva una finta, quanto piuttosto un tentativo disperato di tagliarla in due.
Trova tutti i messaggi di questo utente
21-05-2018, 05:25 PM
Messaggio: #56
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Il gioco di spada effettuato da Bianca andò a segno. Osservò la sua avversaria, provata dalle ferite e dalla stanchezza, lanciarsi in un attacco frontale sfacciato. Incattivita dal potere demoniaco, Bianca pensò di sfruttare a suo vantaggio quella carica disperata.

"Non so chi siano le ragazze al tappeto... devo fare qualcosa per mettere fine a questa storia!"

Questa volta decise di non parare il fendente in arrivo, che sembrava piuttosto violento. Decise di provare a scansarlo, approfittando della scompostezza e della troppa foga avversaria. Aiutata dai muscoli potenziati dallo Yoki, fece un leggero balzo a sinistra e ruotò il busto verso destra, per cercare di togliere il suo corpo dalla traiettoria verticale della lama. Se ci fosse riuscita, avrebbe avuto il fianco destro della novizia davanti a sé, sbilanciata dal colpo andato a vuoto. A quel punto avrebbe provato a colpire con un rapido e secco colpo di spada la parte posteriore della gamba più vicina, per reciderle qualche muscolo o tendine. Poi avrebbe tentato di afferrarla prima che cadesse, stringendole forte il braccio libero intorno al collo, per accompagnarla ad inginocchiarsi davanti a sé, con il volto rivolto verso la navata centrale.

FERME! ... ORA! ... POSATE LE ARMI O LE TAGLIO LA GOLA!

La sua voce avrebbe risuonato rauca, affannata e rabbiosa, se fosse riuscita nel suo intento. Il freddo acciaio di Bianca si sarebbe posato minacciosamente sul collo della nemica, mentre i suoi occhi avrebbero controllato qualsiasi movimento delle avversarie.

Citazione:Yoki utilizzato: 25% - Punti Limite: 6/7,5
Stato fisico: Stanca e provata dallo scontro. Iridi dorate con luce brillante, vene intorno agli occhi ingrossate ed alcune sulle guance. Un accenno di denti aguzzi. [Ferita Leggera] Graffio sul fianco sinistro
Stato psicologico: Aggressività aumentata. Concentrata nello scontro e nel minacciare il gruppo due, se riesce nella sua azione.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Sulla novizia che la attacca
Trova tutti i messaggi di questo utente
23-05-2018, 11:52 AM
Messaggio: #57
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Il piano di Bianca non era complicato, e avrebbe potuto funzionare, ma gli spazi di manovra erano più stretti di quanto non avesse considerato e così, per quanto fosse riuscita per un pelo nello schivare l'attacco della sua avversaria, non ebbe modo di arrivare in una posizione adeguata a colpirla alle spalle. Ciò nonostante, l'idea di reciderle i tendini poteva ancora funzionare: Bianca lanciò un fendente, ma fu chiaro appena andò a segno che il danno non era sufficiente a costringere l'altra novizia in ginocchio. Probabilmente, tra la foga del combattimento, il poco tempo e lo spazio insufficiente, non era riuscita a colpire un punto abbastanza importante. La sua avversaria, comunque, si ritrovò in una situazione di netto svantaggio e, ormai sicura di non poter vincere, cominciò ad arretrare zoppicando, il fronte rivolto a Bianca per evitare di farsi colpire ancora al fianco. I suoni della battaglia, ovviamente, continuarono, sempre più deboli e lenti man mano che le novizie perdevano le energie.
Trova tutti i messaggi di questo utente
25-05-2018, 02:43 AM
Messaggio: #58
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Benché avesse messo a segno un altro colpo, ciò che Bianca aveva in mente non si concretizzò. I suoi occhi fiammeggianti si posarono sull'avversaria in mesta ritirata, mentre le orecchie tese ascoltavano i suoni, via via meno intensi, provenienti dalla navata centrale. La vista della nemica che aveva riportato numerose ferite ed il suo atteggiamento remissivo fecero scattare qualcosa in Bianca. Sentì di non voler infierire più su di essa. Le fece quasi pena.

"Maledizione..."

Quella tregua le diede modo di crucciarsi per lo stato delle sue compagne, come se avesse acceso una candela nella mente ottenebrata dall'ardore per il combattimento. Si era lanciata con furia contro Giovanna, per fargliela pagare e per salvare Lisa. Ed aveva vinto lo scambio. Si era difesa dall'attacco della novizia ed aveva vinto nuovamente. Ma non aveva avuto modo di fare alcunché per le ragazze e la preoccupazione la colpì duramente. Avrebbe tanto voluto che le cose fossero andate diversamente. Provò rabbia per essere stata incapace di controllare o prevenire gli avvenimenti che avevano portato a quel momento. Benché rimproverarsi di ciò potesse sembrare eccessivo, per la testarda Bianca costituiva la norma. La sua voglia di mostrarsi forte e di evitare situazioni a lei non congeniali spesso sfiorava l'ottusità e a volte otteneva l'effetto contrario.

Quei pensieri causarono un calo della furia combattiva, la quale lasciò il posto ad un pensiero più razionale. Bianca interruppe il flusso di Yoki nel suo corpo e sentì la tensione nei suoi muscoli allentarsi. Il volto e le braccia le dolevano, aveva il fiato corto e percepiva di aver quasi esaurito le forze. La claymore si faceva sempre più pesante ma non era ancora giunta la fine.

"Sono messa male... ma questa qui è messa molto peggio di me... credo che sia troppo ferita per seguirmi… posso continuare ancora per un po'!"

Distolse bruscamente lo sguardo dalla novizia zoppicante per poi rivolgersi al centro, osservando le novizie ancora duellanti. Cercò di monitorare la posizione di Giovanna e di capire chi del suo gruppo fosse ancora in piedi e chi no. Poi avrebbe corso verso la navata centrale, cercando di prendere di sorpresa una delle nemiche o di aiutare una fra le sue compagne. Avrebbe sferrato un affondo per colpirne una, sbucando dal fianco destro, oppure avrebbe tentato di bloccare un fendente nemico, a seconda del momento e della posizione in cui si sarebbe ritrovata.

Citazione:Yoki utilizzato: 0% - Punti Limite: 6/7,5
Stato fisico: Stanca ed affaticata dallo scontro. [Ferita Leggera] Graffio sul fianco sinistro
Stato psicologico: Si sente in dovere di accorrere in supporto delle sue compagne ancora in piedi.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Sulle novizie di fronte a sé
Trova tutti i messaggi di questo utente
27-05-2018, 03:13 PM
Messaggio: #59
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Vedendo la situazione della sua avversaria, Bianca decise che non valeva la pena di considerarla ancora un pericolo e si fiondò in aiuto delle sue compagne. Dopo una rapida occhiata al campo di battaglia, tra panche distrutte e schizzi di sangue, poté notare che Viviana e Nora erano ancora in piedi, ma stavano chiaramente perdendo terreno contro tre novizie nemiche. Giovanna era intenta a Rigenerarsi e sembrava quasi pronta a lanciarsi nella mischia. Prima che intervenisse, però, Bianca trovò una falla nelle difese di una delle ragazze del gruppo due e si scagliò in aiuto delle sue compagne. Colta completamente alla sprovvista, la novizia fu colpita da un affondo al fianco destro e poi finita da Viviana, che la sgozzò senza pietà, un fuoco dorato nei suoi occhi mentre lo Yoki scorreva nel suo sangue. Bianca aveva pareggiato la situazione, ma ora le altre due nemiche sapevano della sua presenza, e sembravano ancora in vantaggio. C'era inoltre da considerare che le sue due avversarie di prima avrebbero ancora potuto tornare a combattere. La situazione poteva cambiare da un momento all'altro.
Trova tutti i messaggi di questo utente
30-05-2018, 03:24 PM
Messaggio: #60
RE: Storie di terrore [The Evil One]
Un fiotto rosso e caldo sgorgò violento dalla gola tagliata, macchiando la pelle candida di Bianca. Mentre il corpo della nemica cadeva esanime, non poté fare a meno di lanciare uno sguardo di complicità a Viviana.

"Non ha esitato…"


Bianca aveva avuto modo di studiare velocemente la situazione. Nella navata centrale ora erano in un tre contro due, ma le nemiche godevano di una posizione migliore. Inoltre, a differenza della sua vanitosa compagna, non aveva inflitto il colpo di grazia alle avversarie che aveva colpito. La situazione era migliorata ma era ben lontana dall'essere buona. Tuttavia, non pensò nemmeno per un'istante alla fuga. Era fin troppo orgogliosa per ammettere una sconfitta, che in cuor suo sperava ancora di poter evitare. Inoltre, sarebbe stata una vigliaccata lasciare lì Lisa e le compagne cadute. No, non sarebbe fuggita. L'avrebbe fatta pagare cara al gruppo due o sarebbe morta nel farlo.

"Piuttosto che farmi ridere dietro da tutta l'Organizzazione, preferisco lasciarci la pelle oggi stesso…"

Rinvigorita dalla vendetta e dall'orgoglio, scartò lateralmente alle due nemiche, cercando di scavalcare le panche distrutte con una manovra simile a quella tentata all'inizio dello scontro. Voleva aggirare le due ragazze ed attaccare Giovanna alle loro spalle, intenta a curarsi le ferite. Valutò che la sua avversaria dovesse essere più stanca di prima, in seguito all'aver usato le abilità rigenerative. Allo stesso modo, la novizia che aveva da poco sconfitto probabilmente avrebbe avuto bisogno di qualche altro minuto per riprendersi del tutto. Si concentrò dunque su Giovanna, nel tentativo di colpirla prima che fosse di nuovo in forze. Si sarebbe avventata su di lei in maniera arrembante, nella speranza di prenderla alla sprovvista, menando numerosi fendenti ben piazzati. Nonostante la stanchezza, sapeva di godere di un vantaggio in termini di forza fisica e cercò di approfittarne, per cercare di spezzare la difesa nemica.

Se ci fosse riuscita, sarebbero state le due novizie ad essere accerchiate: lei stessa da dietro, davanti da Viviana e Nora.
Citazione:Yoki utilizzato: 0% - Punti Limite: 6/7,5
Stato fisico: Stanca ed affaticata dallo scontro. [Ferita Leggera] Graffio sul fianco sinistro
Stato psicologico: Molto determinata.
Abilità in Uso: Percezione dello Yoki (Attiva) - Sulle novizie di fronte a sé, poi su Giovanna
Trova tutti i messaggi di questo utente
Questa discussione è chiusa  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)